DIARIO EGIZIANO/3 — Un premio per il sermone dell’anno3′ di lettura

La Stam­pa | Vener­dì 5 giu­gno 2009 | Kha­led Al Kha­mis­si |

Una pic­co­la pro­te­sta di cin­que per­so­ne ha avu­to luo­go al Cai­ro pri­ma che Oba­ma pro­nun­cias­se il suo discor­so all’Universita’. E’ curio­so il fat­to che la poli­zia abbia accon­sen­ti­to loro di avvi­ci­nar­si all’ateneo, men­tre tut­te le stra­de era­no sbar­ra­te. Come han­no potu­to? La rispo­sta e’ sem­pli­ce, era­no ame­ri­ca­ni: era­no venu­ti da Gaza per mani­fe­sta­re e atti­ra­re l’attenzione di Oba­ma sul­la tra­ge­dia pale­sti­ne­se. Oba­ma ha dife­so eroi­ca­men­te i dirit­ti del popo­lo pale­sti­ne­se: devo esser­ne con­ten­to. Ha uti­liz­za­to un lin­guag­gio idea­li­sta par­lan­do di un futu­ro pros­si­mo in cui noi attue­re­mo la visio­ne di Dio qui sul­la ter­ra viven­do in pace e armo­nia in un mon­do sen­za armi nuclea­ri, dove il sol­da­to Usa tor­ne­ra’ in patria e ogni uccel­lo vivra’ nel suo nido feli­ce, nel suo sta­to. Oba­ma ha chie­sto ai gio­va­ni di non resta­re pri­gio­nie­ri del pas­sa­to, di for­gia­re un futu­ro dove regni la pace e con que­sto — cre­do — ha chie­sto di dimen­ti­ca­re la sto­ria dell’umanita’ per rivol­ger­si al mon­do fan­ta­sti­co di Disney­land. Ha cita­to ver­si del Cora­no, del Tal­mud, del­la Bib­bia. Ha par­la­to come se vives­si­mo pri­ma del Rina­sci­men­to citan­do le reli­gio­ni e non le nazio­ni moder­ne. E’ venu­to nel mon­do ara­bo per par­la­re ai musul­ma­ni e non agli ara­bi, come se qui non esi­stes­se­ro altre reli­gio­ni, oppu­re for­ma­zio­ni lai­che che risal­go­no ai pri­mi anni del seco­lo scor­so. Nel 1919 scop­pio’ in Egit­to una rivo­lu­zio­ne per l’indipendenza il cui mot­to era «la fede e’ per Dio e la patria per tut­ti», e i cui lea­der edi­fi­ca­ro­no l’Universita’ del Cai­ro nel 1908. Cen­to anni dopo in quell’Universita’ e’ venu­to un pre­si­den­te ame­ri­ca­no a par­lar­ci di fede per tut­ti e di una patria che non c’e’. Oba­ma ha esor­di­to con una serie di lodi e poi ha fis­sa­to alcu­ni pun­ti noda­li: pri­mo, il ter­ro­ri­smo, la cui ori­gi­ne e’ da indi­vi­dua­re in Al Qae­da e nei Tale­ban, sen­za men­zio­na­re chi li ha crea­ti, arma­ti e finan­zia­ti. Non ha spie­ga­to che gli Usa, duran­te il loro scon­tro con l’Urss in Afgha­ni­stan, crea­ro­no Al Qae­da e i Tale­ban e finan­zia­ro­no i movi­men­ti isla­mi­sti in tut­to il mon­do ara­bo per com­bat­te­re il comu­ni­smo e impe­di­re l’avanzata del lai­ci­smo ara­bo. Secon­do, ha par­la­to del­la tra­ge­dia pale­sti­ne­se ma non ha men­zio­na­to chi eser­ci­ta la tor­tu­ra con­tro quel popo­lo. Ter­zo, ha det­to di voler bloc­ca­re la cor­sa agli arma­men­ti in Medio Orien­te, dicen­do che impe­di­ra’ all’Iran di ave­re l’atomica, sen­za accen­na­re al fat­to che nell’agone c’e’ un solo com­pe­ti­to­re: Israe­le. Quar­to, la demo­cra­zia. Qui ha assi­cu­ra­to i regi­mi auto­cra­ti­ci ara­bi che non si intro­met­te­ra’ nei loro affa­ri. Quin­to, la liber­ta’ reli­gio­sa accen­nan­do alle dispu­te fra sun­ni­ti e scii­ti in Iraq, sen­za chie­de­re scu­sa per quel­lo che gli Usa han­no fat­to per divi­de­re il popo­lo ira­che­no e tan­to meno per il loro ruo­lo nel redi­ge­re una Costi­tu­zio­ne che divi­de e ali­men­ta le divi­sio­ni del pae­se alla stre­gua del­la Fran­cia all’epoca dell’occupazione del Liba­no. L’Iraq infat­ti sol­tan­to dopo l’occupazione Usa ha assi­sti­to a un con­flit­to fra sun­ni­ti e scii­ti, cosa mai suc­ces­sa nei tem­pi moder­ni. Il Pre­si­den­te ha insi­sti­to sul con­cet­to di fra­tel­lan­za e sul­la divi­sio­ne del­le respon­sa­bi­li­ta’ per poter costrui­re un futu­ro miglio­re: tut­ti sono rima­sti entu­sia­sti del­le sue paro­le e han­no tan­to applau­di­to e sor­ri­so. Oba­ma e’ riu­sci­to ad accon­ten­ta­re tut­ti. Cre­do che il suo discor­so ver­ra’ con­si­de­ra­to il miglior ser­mo­ne reli­gio­so di quest’anno, inshal­lah. *Scrit­to­re del Cai­ro, auto­re di «Taxi» (Edi­to in Ita­lia da il Siren­te)

0
  ARTICOLI RECENTI

Aggiungi un commento