Glossario arabo

Dal 2008 il Siren­te arri­chi­sce i libri con un pic­co­lo glos­sa­rio.

Adhan

Chia­ma­ta alla pre­ghie­ra, effet­tua­ta dal muez­zin e dira­ma­ta dal mina­re­to del­la moschea.

Allah i rahmou

Dio abbia mise­ri­cor­dia di lui. Espres­sio­ne usa­ta in rife­ri­men­to a un defun­to.

Alhamdilillah, Hamdullah

Dio sia loda­to.

Al-‘Ara’ra

Nome che desi­gna i segua­ci del­lo Shay­kh sala­fi­ta ‘Adnan Al-‘Ar’ur, siria­no, nato a Hama nel 1948, emi­gra­to in Ara­bia Sau­di­ta, da dove inci­ta i sun­ni­ti all’odio set­ta­rio ver­so le altre con­fes­sio­ni reli­gio­se.

Bandar Bin Sultan

Prin­ci­pe, diplo­ma­ti­co e poli­ti­co sau­di­ta, mem­bro del­la fami­glia rea­le Al-Sa’ud.

Bashar

Bashar al-Asad, Nato nel 1965, figlio di Hafez, lau­rea­to in Medi­ci­na, è suc­ce­du­to al padre come pre­si­den­te siria­no nel 2000.

Benti

Figlia mia.

Bled

Dall’arabo balad, pae­se, indi­ca la patria.

Buthayna Shaaban

Nata nel 1953 a Homs, è con­si­glie­re poli­ti­co di Bashar al-Asad. Da sem­pre appar­te­nen­te al par­ti­to Ba’th, è sta­ta più vol­te mini­stro nel gover­no di Bashar al-Asad.

Dar al-Saqi

Casa edi­tri­ce liba­ne­se, con una sede anche a Dama­sco.

Falaqa

Sup­pli­zio con­si­sten­te nel sol­le­va­re i pie­di del­la vit­ti­ma con un siste­ma di cor­de, per poi col­pir­ne le pian­te con una o più fru­ste.

Hafiz

Hafiz al-Asad (1930–2000), Gene­ra­le dell’aviazione mili­ta­re siria­na, alto espo­nen­te ba’thista, di con­fes­sio­ne ala­wi­ta, è sta­to pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca siria­na dal 1970 al 2000.

Imam

Ter­mi­ne che pro­vie­ne da una radi­ce les­si­ca­le che indi­ca lo “sta­re avan­ti” e, quin­di, “esse­re gui­da.” Può indi­ca­re tan­to una gui­da mora­le o spi­ri­tua­le, quan­to un devo­to musul­ma­no che assu­ma la gui­da del­la pre­ghie­ra col­let­ti­va.

Jallaba

Lun­ga veste tra­di­zio­na­le, indos­sa­ta da uomi­ni e don­ne in Medio Orien­te e Nord Afri­ca.

Jihad

Ter­mi­ne che con­no­ta un ampio spet­tro di signi­fi­ca­ti, dal­la lot­ta inte­rio­re spi­ri­tua­le fino alla guer­ra per difen­de­re un Pae­se musul­ma­no da un’aggressione ester­na.

Jinn

Enti­tà sopran­na­tu­ra­le, inter­me­dia tra mon­do ange­li­co e uma­ni­tà, che ha gene­ral­men­te carat­te­re mali­gno, anche se a vol­te può agi­re in manie­ra bene­vo­la ver­so l’uomo.

Qimariyya

Quar­tie­re del­la cit­tà di Dama­sco.

Saadallah Wannus

(1941–1997) Uno dei più impor­tan­ti dram­ma­tur­ghi siria­ni e dell’intero mon­do ara­bo.

Samih Choukeir

Noto musi­ci­sta, com­po­si­to­re e can­tan­te siria­no. Negli ulti­mi 30 anni ha scrit­to e regi­stra­to can­zo­ni a favo­re del­la liber­tà di paro­la e in dife­sa dei popo­li oppres­si.

Shabiha

Ter­mi­ne del dia­let­to siria­no che indi­ca un grup­po o più grup­pi di squa­dri­sti orga­niz­za­ti, che inter­ven­go­no nel­le mani­fe­sta­zio­ni a fian­co del­la poli­zia e dei ser­vi­zi segre­ti allo sco­po di eser­ci­ta­re ogni for­ma di vio­len­za sui cit­ta­di­ni.