In “Metro” El Shafee ha anticipato la rivolta del popolo egiziano4′ di lettura

| Ali­bi Onli­ne | Mar­te­dì 1 feb­bra­io 2011 | Saul Stucchi |

Con i rac­con­ti bre­vi del suo libro inti­to­la­to Taxi, Kha­led Al Kha­mis­si ci ha sve­la­to la vita quo­ti­dia­na per le stra­de del Cai­ro: sogni, pau­re, dif­fi­col­tà pic­co­le e gran­di dei suoi abi­tan­ti come ven­go­no fuo­ri dai dia­lo­ghi tra clien­ti e tas­si­sti. Per la stes­sa col­la­na Altria­ra­bi l’editore il Siren­te ha da poco man­da­to in libre­ria la gra­phic novel Metro in cui l’autore Mag­dy El Sha­fee affron­ta la real­tà dell’Egitto con­tem­po­ra­neo lascian­do da par­te l’ironia dai toni spes­so ras­se­gna­ti di Al Kha­mis­si per con­cen­trar­si sull’evoluzione ver­so cui i pro­ta­go­ni­sti del­la sua sto­ria sono spin­ti dal­la dram­ma­ti­ca real­tà fino al pun­to di rot­tu­ra sen­za pos­si­bi­li­tà di ritor­no. Il tito­lo si rife­ri­sce in pri­ma bat­tu­ta alla metro­po­li­ta­na cai­ro­ta che fa da ambien­ta­zio­ne per mol­te sce­ne del­la vicen­da: i per­so­nag­gi si spo­sta­no nel­la mega­lo­po­li o a pie­di o appun­to uti­liz­zan­do que­sto mez­zo di tra­spor­to. In diver­se pagi­ne com­pa­re la map­pa del­le sta­zio­ni e se ci fac­cia­mo caso, pos­sia­mo nota­re che quel­le più impor­tan­ti, ovve­ro quel­le di scam­bio, sono dedi­ca­te agli ulti­mi due pre­si­den­ti: Sadat e Muba­rak. Il tito­lo allu­de però anche anche all’omonimo carat­te­re tipo­gra­fi­co con cui è stam­pa­to il fumet­to. Come ricor­da la nota a fine libro, que­sto font ven­ne rea­liz­za­to dal gra­phic desi­gner ame­ri­ca­no Wil­liam Addi­son Dwig­gins. Dire che la vicen­da rac­con­ta­ta a fumet­ti da El Sha­fee è sta­ta anti­ci­pa­tri­ce del­la rivol­ta popo­la­re che sta scon­vol­gen­do l’Egitto in que­sti gior­ni (di cui nes­su­no sa anco­ra pre­ve­de­re l’esito, anche se – comun­que vada a fini­re – il pae­se non sarà più lo stes­so di pri­ma) è fin trop­po bana­le. L’autore ha avu­to il meri­to di pun­ta­re il dito e dire la veri­tà sot­to gli occhi di tut­ti da decen­ni: il re, anzi il farao­ne, è nudo e la pira­mi­de in cima alla qua­le sta sedu­to si pog­gia su cor­ru­zio­ne e vio­len­za, ma soprat­tut­to sul­la pau­ra e sul­la ras­se­gna­zio­ne di milio­ni di egi­zia­ni. Eppu­re fino a pochi gior­ni fa, pri­ma che la rivol­ta tuni­si­na pro­vo­cas­se un effet­to domi­no che for­se è solo all’inizio, la mag­gior par­te dei cit­ta­di­ni del­le “demo­cra­zie occi­den­ta­li” ave­va­no dell’Egitto una cono­scen­za sol­tan­to per luo­ghi comu­ni: pira­mi­di, farao­ni e Mar Rosso.

El Sha­fee si rifà inve­ce alla tra­di­zio­ne gra­fi­ca più popo­la­re e anti­ca del suo pae­se, per svi­co­la­re dai rigi­di det­ta­mi dell’arte uffi­cia­le, dun­que di pro­pa­gan­da. Come nei graf­fi­ti lascia­ti dagli ope­rai che costrui­ro­no le tom­be di sovra­ni, digni­ta­ri e sacer­do­ti riaf­fio­ra la real­tà quo­ti­dia­na degli anti­chi egi­zi, così nel­le tavo­le di El Sha­fee è la vita di stra­da dei cai­ro­ti di oggi a occu­pa­re la sce­na, rac­con­tan­do la real­tà, tan­to più sco­mo­da quan­to meno edul­co­ra­ta e ane­ste­tiz­za­ta. “Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti” reci­ta la sen­ten­za di con­dan­na del tri­bu­na­le di Qasr El Nil del Cai­ro, ripro­dot­ta sul­la quar­ta di coper­ti­na. E l’autore può ora fre­giar­se­ne come se fos­se una meda­glia. Ma non tra­scu­ria­mo che la dedi­ca è ai geni­to­ri e ai blog­ger egi­zia­ni: sono que­sti ulti­mi che vei­co­la­no le infor­ma­zio­ni per tut­to il Pae­se, men­tre i gior­na­li e la tele­vi­sio­ne sono addo­me­sti­ca­ti dal regi­me. “I gior­na­li… sono una del­le nostre più gran­di tra­ge­die” dice il pro­ta­go­ni­sta Shi­hab alla sua bel­la, la gior­na­li­sta Dina. E quan­do lei cer­ca di infon­de­re corag­gio al vec­chio Wan­nas ormai mori­bon­do dicen­do­gli: “Non aver pau­ra, zio Wan­nas”, la sua rispo­sta è dav­ve­ro emble­ma­ti­ca: “ahhh, se sol­tan­to qual­cu­no me l’avesse det­to sessant’anni fa…”. Metro si leg­ge “al con­tra­rio” da destra a sini­stra, come nei man­ga, per non “stra­vol­ge­re l’equilibrio dei dise­gni”, spie­ga l’avvertenza. All’inizio può risul­ta­re un po’ sco­mo­do, ma poi la sto­ria pren­de il soprav­ven­to e ci si dimen­ti­ca del ver­so di let­tu­ra oppo­sto all’abituale. La sto­ria di Shi­hab è quel­la di milio­ni di gio­va­ni egi­zia­ni a cui non è offer­ta più una pro­spet­ti­va di cre­sci­ta, non solo eco­no­mi­ca, pri­va­ti del­le liber­tà più ele­men­ta­ri, a comin­cia­re da quel­le di espres­sio­ne e dis­sen­so. Il trat­to aspro e velo­ce di El Sha­fee arri­va ai nostri occhi come uno schiaf­fo che ci apre gli occhi sul­la vio­len­za e sul­la mor­te di gio­va­ni che per le stra­de si tro­va­no divi­si, ai ver­san­ti oppo­sti del­le bar­ri­ca­te (come oggi tra mani­fe­stan­ti, poli­ziot­ti e sol­da­ti), ma sono acco­mu­na­ti dal­la tra­ge­dia di un inte­ro popo­lo. Metro è a tut­ti gli effet­ti un libro di sto­ria. Spe­ria­mo che gli Egi­zia­ni pos­sa­no scri­ve­re insie­me il pros­si­mo capi­to­lo, sen­za più censure.
Metro è scrit­to e illu­stra­to da Mag­dy al-Sha­fee (al-Šāfiʿī). Egli dice di sé che da pic­co­lo avreb­be volu­to fare il pit­to­re e che stu­dia­va gli impres­sio­ni­sti, Modi­glia­ni e Kan­di­skij. Che si è poi ispi­ra­to a Hugo Pratt e al gio­va­ne roman­zie­re egi­zia­no Aḥmad al-ʿAydī, in par­ti­co­la­re al buon ven­to nuo­vo del­la sua ope­ra “Esse­re ʿAbbās al-ʿAbd”. Che la sua istan­za si può ricon­dur­re a quel­la di tut­ti colo­ro che recla­ma­no il dirit­to del popo­lo alla liber­tà e ad una vita digni­to­sa, pri­mo fra tut­ti Aḥmad ʿUra­bī, che riven­di­cò già a fine XIX seco­lo “l’Egitto per gli egiziani”.
0
  ARTICOLI RECENTI

Aggiungi un commento