La pro­ta­go­ni­sta del roman­zo è una cit­tà fuo­ri dal tem­po e dal­lo spa­zio, moder­na rea­liz­za­zio­ne di una sor­ta di uto­pia, pla­sma­ta in fret­ta e furia da un abi­le archi­tet­to, con­sa­cra­ta alla Dea del Pia­ce­re e gover­na­ta da un licen­zio­so re che dedi­ca il suo tem­po ai pia­ce­ri car­na­li. Vi è una feli­ci­tà mista a malin­co­nia che alber­ga nei cuo­ri di que­sti uomi­ni, dedi­ti alla pra­ti­ca del pia­ce­re, impri­gio­na­ti in cor­pi leg­ge­ri fat­ti di luce abbagliante. 

La pro­ta­go­ni­sta del roman­zo è una cit­tà fuo­ri dal tem­po e dal­lo spa­zio, moder­na rea­liz­za­zio­ne di una sor­ta di uto­pia, pla­sma­ta in fret­ta e furia da un abi­le archi­tet­to, con­sa­cra­ta alla Dea del Pia­ce­re e gover­na­ta da un licen­zio­so re che dedi­ca il suo tem­po ai pia­ce­ri car­na­li. Vi è una feli­ci­tà mista a malin­co­nia che alber­ga nei cuo­ri di que­sti uomi­ni, dedi­ti alla pra­ti­ca del pia­ce­re, impri­gio­na­ti in cor­pi leg­ge­ri fat­ti di luce abbagliante.