DISEGNARE LA NUOVA EUROPA | incontro con Jérôme Ruillier

Jérôme Ruillier a Milano per presentare ‘Se ti chiami Mohamed’

Jérô­me Ruil­lier auto­re del gra­phic-novel ‘Se ti chia­mi Moha­med’ pre­sen­te­rà il suo libro il 18 Novem­bre alle ore 18,30 pres­so l’Insti­tut Fra­nçais di Mila­no (Cor­so Magen­ta, 63). Jérô­me Ruil­lier ne par­le­rà con Ila­ria Vita­li (tra­dut­tri­ce del libro ‘Se ti chia­mi Moha­med’, ricer­ca­tri­ce pres­so l’Università di Bolo­gna, spe­cia­li­sta di scrit­tu­re migran­ti di lin­gua fran­ce­se). Il 19 Novem­bre finis­sa­ge, espo­si­zio­ne di alcu­ne tavo­le insie­me ad altri autori. Un’iniziativa di Insti­tut fra­nçais Mila­no e Eunic Milan, in col­la­bo­ra­zio­ne con WOW Spa­zio Fumet­to — Museo del Fumet­to, dell’Illustrazione e dell’Immagine ani­ma­ta.

ruillerUn gra­phic novel ori­gi­na­le, che con sem­pli­ci­tà e chia­rez­za rico­strui­sce la sto­ria dell’immigrazione maghrebina. Ispirandosi al gior­na­li­smo inve­sti­ga­ti­vo, Jérô­me Ruil­lier rac­con­ta di vite pre­ca­rie, di fre­quen­ti umi­lia­zio­ni, di una com­ples­sa tes­si­tu­ra di rap­por­ti che i tan­ti Moha­med han­no man­te­nu­to con il pae­se d’origine e con quel­lo d’accoglienza. Rac­con­ti auten­ti­ci, lon­ta­ni dai cli­ché, che abbrac­cia­no vari temi, dal­la ricer­ca iden­ti­ta­ria all’integrazione, dall’esclusione socia­le al raz­zi­smo. Se ti chia­mi Moha­med ha otte­nu­to nel 2012 il dBD Award per il miglior fumet­to repor­ta­ge e il patro­ci­nio di Amne­sty Inter­na­tio­nal Ita­lia.

Tito­lo apren­te la col­la­na Altria­ra­bi Migran­te, finan­zia­ta con il pro­get­to ‘Crea­ti­ve Euro­pe’ dell’U.E., rac­co­glie le ope­re di gio­va­ni auto­ri euro­pei di ori­gi­ni ara­be. Descri­ve i linea­men­ti del­la nuo­va geo­gra­fia cul­tu­ra­le euro­pea, trat­teg­gia il nuo­vo tes­su­to socia­le mul­ti­cul­tu­ra­le, mul­tiet­ni­co e plu­ri­re­li­gio­so di cui sono com­po­ste le nostre cit­tà. Invi­ta a com­bat­te­re xeno­fo­bie e isla­mo­fo­bie. Invi­ta a com­pren­de­re e a ritro­var­si.

0

Jérôme Ruillier il 13 Novembre al Festival Nues — Nuvole dal Fronte

«Se ti chia­mi Moha­med» di Jérô­me Ruil­lier

Con­fron­ti, otto­bre 2015, arti­co­lo di Miche­le Lipo­ri

Se ti chia­mi Moha­med è un fumet­to edi­to dal­la casa edi­tri­ce Il Siren­te (col­la­na «Altria­ra­bi») con il patro­ci­nio di Amne­sty inter­na­tio­nal Ita­lia. L’opera, nel­lo sti­le di un repor­ta­ge, rac­con­ta la sto­ria dell’immigrazione magh­re­bi­na in Fran­cia dal 1950 fino ai gior­ni nostri. Una sto­ria fat­ta di vite che si intrec­cia­no, di rac­con­ti di gio­va­ni uomi­ni che – da soli, all’inizio degli anni ’50 – han­no lascia­to i pro­pri pae­si d’origine (per­lo­più Alge­ria, Maroc­co e Tuni­sia) per tro­va­re for­tu­na in Fran­cia. Uomi­ni semia­nal­fa­be­ti, ma abba­stan­za robu­sti ed in salu­te per lavo­ra­re alla cate­na di mon­tag­gio del­la Renault e per far gira­re gli ingra­nag­gi del­la fio­ren­te indu­stria auto­mo­bi­li­sti­ca fran­ce­se. Nono­stan­te le dif­fi­col­tà di inte­gra­zio­ne, che han­no costret­to que­sta pri­ma gene­ra­zio­ne di immi­gra­ti a vive­re in lugu­bri dor­mi­to­ri e sem­pre sot­to stret­ta osser­van­za, è sta­to pos­si­bi­le fare del­la Fran­cia una nuo­va patria, dove costrui­re una fami­glia.

Nel fumet­to la real­tà vie­ne affron­ta­ta nel­la sua com­ples­si­tà, ed infat­ti si evin­ce come anche le nuo­ve gene­ra­zio­ni non sia­no affat­to esen­ti dal­la discri­mi­na­zio­ne raz­zia­le, e – d’altra par­te – si descri­vo­no anche i deli­ca­ti pro­ces­si di ripen­sa­men­to e adat­ta­men­to del­la pro­pria iden­ti­tà cul­tu­ra­le, spe­cial­men­te sui temi dei dirit­ti di gene­re. Nato nel 1966 a Fort-Dau­phin in Mada­ga­scar, Jérô­me Ruil­lier ha stu­dia­to all’Institut d’Arts Déco­ra­tifs di Stra­sbur­go e ha scrit­to per­lo­più libri per ragaz­zi. Si è basa­to, per la crea­zio­ne di quest’opera, sul­la rac­col­ta di testi­mo­nian­ze del docu­men­ta­rio e del libro Mémoi­res d’immigrés di Yami­na Ben­gui­gui.

Ruil­lier, che è padre di una bam­bi­na por­ta­tri­ce di tri­so­mia 21 (cono­sciu­ta comu­ne­men­te come «sin­dro­me di Down») ha espli­ci­ta­to il modo in cui la sua espe­rien­za di padre sia sta­ta fon­da­men­ta­le per guar­da­re la vicen­da dell’immigrazione in modo cri­ti­co: «Mia figlia – ha det­to Ruil­lier – fa la stes­sa espe­rien­za degli immi­gra­ti: ha dif­fi­col­tà di inte­gra­zio­ne e si sen­te dif­fe­ren­te. La dif­fe­ren­za è il vero tema del mio libro. Quel­lo che mi inte­res­sa­va rac­con­ta­re era la pau­ra dell’Altro, del diver­so da sé». Se ti chia­mi Moha­med ha vin­to il dBD Award 2012 per il miglior fumet­to repor­ta­ge.

 

0

Due titoli per capire meglio l’immigrazione in Francia

| Portobello’s News | Mer­co­le­dì, 3 giu­gno 2015 | Clau­dia Spa­do­ni |

Il silenzio e il tumulto : Nihad Sirees

Una gra­phic novel che rac­con­ta la sto­ria dell’immigrazione magh­re­bi­na in Fran­cia dal 1950 a oggi attra­ver­so le vicen­de dei diret­ti inte­res­sa­ti: gio­va­ni che par­to­no, spes­so anal­fa­be­ti e con una scar­sa cono­scen­za del fran­ce­se, desti­na­ti a lavo­ri di bas­sa mano­va­lan­za (“Se ti chia­mi Moha­med fini­sci alla cate­na di mon­tag­gio”), par­cheg­gia­ti in enor­mi dor­mi­to­ri; don­ne che spe­ra­no in un futu­ro miglio­re in Fran­cia; le nuo­ve gene­ra­zio­ni in cer­ca del loro posto nel mon­do. Basa­to sul noto Mémoi­res d’immigrés di Yami­na Ben­gui­gui e tra­dot­to da Ila­ria Vita­li, è la sto­ria dei tan­ti Moha­med, Abdel, Ahmed ma anche di don­ne come Zorah e Fat­ma e dei più gio­va­ni Farid e Moun­si a scor­re­re nel­le pagi­ne, ognu­na con il pro­prio cari­co di spe­ran­ze e illu­sio­ni. Andreb­be fat­to leg­ge­re nel­le scuo­le (e in mol­te case).

Ruiller_03

0