La guerra filtrata dai colori di Adam1′ di lettura

Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra su SuperAbile

(il magazine per la disabilità)

Nato con la sin­dro­me di Asper­ger, il quat­tor­di­cen­ne Adam è il pro­ta­go­ni­sta del roman­zo Il ragaz­zo di Alep­po che ha dipin­to la guer­ra (Edi­tri­ce il Siren­te), in cui Sumia Suk­kar rac­con­ta il con­flit­to siria­no attra­ver­so lo sguar­do di un ragaz­zo a cui non «pia­ce incon­tra­re per­so­ne nuo­ve». Pro­prio per­ché Adam cer­ca di espri­me­re le sue emo­zio­ni attra­ver­so la pit­tu­ra, ogni capi­to­lo pren­de il nome di un colo­re, quel­lo che avvol­ge le per­so­ne a secon­da dei loro sta­ti d’animo, ma il suo pre­fe­ri­to è il ros­so rubi­no, anche se non sop­por­ta vede­re il sangue.

Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra : Sumia Sukkar

Il ragaz­zo di Alep­po che ha dipin­to la guerra_cover 

«Ogni tan­to uso toni pastel­lo, altre vol­te for­ti e acce­si», dice il pro­ta­go­ni­sta, che cer­ca di resi­ste­re alla vio­len­za assur­da del­la guer­ra attra­ver­so l’arte, con­cen­tran­do­si anche su imma­gi­ni e suo­ni. Nel dram­ma­ti­co viag­gio ver­so Dama­sco, lasce­rà cade­re la bar­rie­ra del con­tat­to fisi­co con la sorel­la Yasmi­ne, in segui­to a un bom­bar­da­men­to che li feri­sce entram­bi. «Guer­ra signi­fi­ca per­de­re ciò che ami. Pace è ciò che resta quan­do fini­sce la guer­ra», sin­te­tiz­za. Bri­tan­ni­ca di padre siria­no e madre alge­ri­na, l’autrice Sumia Suk­kar ha 24 anni ma ha scrit­to il suo roman­zo d’esordio tre anni fa, dopo aver stu­dia­to scrit­tu­ra crea­ti­va alla King­ston Uni­ver­si­ty di Lon­dra. Un suc­ces­so di cri­ti­ca e di pub­bli­co: nel 2014 il ria­dat­ta­men­to radio­fo­ni­co è anda­to in onda nel pro­gram­ma Satur­day Dra­ma del­la Bbc e sono sta­ti acqui­sta­ti i dirit­ti del libro per la rea­liz­za­zio­ne di un film.

Supe­rA­bi­le Inail, Lau­ra Bada­rac­chi, Gen­na­io 2017

0
  ARTICOLI RECENTI