La Mecca-Phuket di Saphia Azzedine presto in libreria3′ di lettura

La Mecca-Phuket un romanzo di Saphia Azzedine

A febbraio in libreria!

C’è un gior­no, quan­do si è bam­bi­ni, in cui si sal­ta la cor­da per l’ultima vol­ta, in cui si gio­ca per l’ultima vol­ta a mosca cie­ca, e non si sa anco­ra che sarà l’ultima. nes­su­no si ricor­da del­la sua ulti­ma par­ti­ta a pal­la avve­le­na­ta, arri­va sen­za preavviso. In quel momen­to, sta­va suc­ce­den­do la stes­sa cosa: igno­ra­vo che quel­lo sareb­be sta­to l’ultimo gior­no in cui avrei accet­ta­to di sacrificarmi…”

Arri­va “La Mec­ca-Phu­ket”, quar­to tito­lo del­la col­la­na Altria­ra­bi Migran­te, que­sta vol­ta sia­mo in Fran­cia, nel­la ban­lieue di Parigi. Navigando tra intel­li­gen­za pra­ti­ca e stu­pi­di­tà teo­ri­ca, Fairouz, figlia d’immigrati maroc­chi­ni in Fran­cia, com­bat­te osti­na­ta­men­te con­tro se stes­sa per eman­ci­par­si dal­le sue ori­gi­ni. In modo ner­vo­so ma effi­ca­ce, saprà riap­pro­priar­si del­la sua vita, muo­ven­do­si tra quel che le ha tra­smes­so la fami­glia e quel­lo che si pro­fi­la all’orizzonte. All’orizzonte, oltre la Fran­cia, c’è la Mec­ca… ma dopo­tut­to, per­ché non Phuket?

Saphia Azzed­di­ne ci offre la sua ricet­ta di con­vi­ven­za tra cul­tu­re, con­di­vi­den­do la sua sapo­ro­sa rifles­sio­ne su que­stio­ni oggi cru­cia­li in Fran­cia e anche in Ita­lia: l’identità nazio­na­le, l’appartenenza, il futu­ro del­le secon­de gene­ra­zio­ni.” Sapien­te­men­te tra­dot­to dal fran­ce­se da Ila­ria Vita­li che ha cura­to anche la nota intro­dut­ti­va, ” ‘La Mec­ca-Phu­ket’ rac­con­ta di una gene­ra­zio­ne in bili­co tra vec­chi e nuo­vi mon­di, alla ricer­ca del­la pro­pria stra­da.” “Per rac­con­ta­re la pro­pria indo­ci­le real­tà, la gene­ra­zio­ne di Saphia Azzed­di­ne ha crea­to nuo­vi codi­ci lin­gui­sti­ci, sin­cre­ti­ci e poli­fo­ni­ci. È nato nel­le ban­lieue disa­gia­te un sin­go­la­re lin­guag­gio in codi­ce con fun­zio­ni di rico­no­sci­men­to iden­ti­ta­rio e gene­ra­zio­na­le, defi­ni­to “argot des cités”.”

Le illu­stra­zio­ni dei libri del­la col­la­na Altria­ra­bi Migran­te sono a cura di Pao­la Equi­zi, che ha svol­to un sin­go­la­re lavo­ro di gra­fi­ca in accor­do con l’editore. Curan­do anche l’immagine del fron­te­spi­zio in cui appa­re sem­pre abbi­na­ta un’immagine rela­ti­va al pae­se d’origine e un’immagine lega­ta al pae­se di acco­glien­za. In que­sto caso un taji­ne sta cuci­nan­do len­ta­men­te i suoi cibi pre­li­ba­ti pla­ci­da­men­te vici­no al fischio vigo­ro­so e dina­mi­co di una pen­to­la a pressione.

Saphia Azzeddine

Saphia Azzed­di­ne

Saphia Azzed­di­ne è nata ad Aga­dir nel 1979. Pas­sa l’infanzia in Maroc­co, all’età di nove anni, si tra­sfe­ri­sce con la fami­glia in Fran­cia. Dopo la lau­rea in socio­lo­gia, si dedi­ca pri­ma al gior­na­li­smo, poi alla scrit­tu­ra. Esor­di­sce nel 2008 con il roman­zo Con­fi­den­ces à Allah, da cui è sta­to trat­ta una piè­ce tea­tra­le e un fumet­to. Il suc­ces­so le per­met­te di con­ti­nua­re la car­rie­ra di scrit­tri­ce, a cui affian­ca espe­rien­ze di attri­ce e regi­sta. Ha oggi all’attivo sei roman­zi, incen­tra­ti sul­la que­stio­ne dell’identità fem­mi­ni­le, tema affron­ta­to con un’ironia graf­fian­te che si tin­ge a trat­ti di poe­sia. In tra­du­zio­ne ita­lia­na Mio padre fa la don­na del­le puli­zie (Gliu­lio Per­ro­ne Edi­to­re 2011).

Sele­zio­na­to come pro­get­to di tra­du­zio­ne let­te­ra­ria con il ban­do Euro­pa Crea­ti­va, Altria­ra­bi Migran­te rac­co­glie le ope­re di gio­va­ni e talen­tuo­si auto­ri euro­pei con ori­gi­ni ara­be. Nel­la stes­sa col­la­na sono sta­ti pub­bli­ca­ti “l’autistico e il pic­cio­ne viag­gia­to­re” di Rodaan al Gali­di, “I mira­co­li” di Abbas Khi­der e “il ragaz­zo di Alep­po che ha dipin­to la guer­ra” di Sumia Sukkar.

0
  ARTICOLI RECENTI
  • No related posts found.