Metro, il fumetto censurato in Egitto1′ di lettura

Gari­wo | Saba­to 25 dicem­bre 2010 |

Il fumet­to di Mag­dy El Sha­fee vie­ne pub­bli­ca­to al Cai­ro nel 2008, stam­pa­to in poche miglia­ia di copie imme­dia­ta­men­te cen­su­ra­te. Metro è la pri­ma gra­phic novel del Pae­se e rac­con­ta la real­tà egi­zia­na uti­liz­zan­do il dia­let­to, la lin­gua par­la­ta dal­la gen­te in un con­te­sto dove metà del­la popo­la­zio­ne è semi-anal­fa­be­ta. A fine novem­bre usci­rà anche in Ita­lia con la case edi­tri­ce il Siren­te.
Il fumet­to descri­ve la vita fre­ne­ti­ca di una capi­ta­le afri­ca­na dove le fer­ma­te del­la metro­po­li­ta­na sono inti­to­la­te a uomi­ni sim­bo­lo del­la sto­ria egi­zia­na. Nel 2008 per imma­gi­ni e con­te­nu­ti trop­po spin­ti l’autore e l’editore sono sta­ti con­dan­na­ti alla distru­zio­ne di tut­te le copie del volume.

0
  ARTICOLI RECENTI

Aggiungi un commento