E se fossi morto? (M. Dibo)

 15,00

SCHEDA LIBRO | EBOOK
TRADUZIONE DALL’ARABO DI FEDERICA PISTONO

Il romanzo è una lunga testimonianza sulla Siria contemporanea, dal suo esordio sull’onda delle rivoluzioni tunisina, egiziana e yemenita, al suo progressivo sgretolarsi sotto la duplice onda d’urto della macchina repressiva del potere e degli interventi stranieri.

Muhammad Dibo

Se vivi in Siria, la morte può colpirti in ogni momento: puoi essere arrestato, essere colpito da una bomba, sparire in uno dei tenebrosi sotterranei dei servizi segreti, considerati tra le prigioni più infami del mondo…

Il romanzo “E se fossi morto?” è una lunga testimonianza sulla Siria contemporanea, dal suo esordio sull’onda delle rivoluzioni tunisina, egiziana e yemenita, al suo progressivo sgretolarsi sotto la duplice onda d’urto della macchina repressiva del potere e degli interventi stranieri.
Un mattino l’autore-protagonista viene svegliato da una strana telefonata, un’amica gli comunica che un giovane dal nome Mohammed Dibo è stato ucciso nella città di Duma, lo strano caso di omonimia lo costringe ad indagare e a ripercorrere i dolorosi anni siriani dal 2011 a oggi, facendone un’opera di stretta attualità.
Con uno stile lucido e modernissimo, Mohammed Dibo, ci offre una visione “dall’interno” della situazione siriana, il punto di vista di un testimone attore, in grado di avvicinare il lettore al modo di sentire del rivoluzionario e alle contraddizioni insite nella rivoluzione stessa, ma anche di chiarire il ruolo assunto dal regime nel seminare discordia e terrore procedendo all’implacabile smantellamento della rivoluzione.

Autore / Author


Muhammad Dibo

Muhammad Dibo

Mohamed Dibo è un giornalista, scrittore e poeta siriano, nato nel 1977. Ha partecipato fin dall’inizio, nel marzo 2011, alla rivoluzione siriana contro il regime di Bashar al-Asad. Arrestato e torturato in carcere, è stato successivamente rilasciato. Si trova attualmente in esilio a Berlino. Collabora con numerose testate giornalistiche di rilievo internazionale, ed è l’editor in chief di Syria-untold, testata che si occupa di attivismo civile.

Mohammed Dibo is an author, researcher and poet. He is currently the editor in chief of the website ‘Syria Untold’, which is an independent digital media project highlightingthe diverse forms of resistance currently taking place. He writes opinion articles and undertakes specialist research for various Arabic and foreign newspapers and magazines. Among his Arabic literary works are: Electoral mistake (2008), If a friend betrays you (2008), and Witnessing his own death (2014).

Traduttore / Translator


Federica Pistono è laureata in Giurisprudenza e in Lingua e Letteratura araba. Ha approfondito lo studio della lingua araba a San’a, al Cairo e soprattutto a Damasco, dove ha soggiornato a lungo. I suoi interessi ruotano intorno alla letteratura araba contemporanea, in particolare alla narrativa siriana, e al romanzo arabo francofono. Traduttrice letteraria, ha tradotto diversi romanzi dall’arabo. Traduttrice editoriale, da alcuni anni traduce articoli dall’arabo per giornali e testate online. È attualmente impegnata in un Dottorato di ricerca in Civiltà islamica presso l’ Università La Sapienza di Roma.

Federica Pistono is currently doing her PhD in Islamic civilisation at the La Sapienza University in Rome. As a literary translator from Arabic and French into Italian, since 2010 she has been focusing on different Arab voices – writers such as Ghassan Kanafani, Zakariyya Tamer, Bahaa Taher, Fadi Azzam, Inaam Kachachi, Mustafa Khalifa, Muhsin Al-Ramli, Nihad Sirees, Badriyya al-Bishr – with the aim of spreading the beauty of contemporary Arabic literature among the Italian readers as much as she can, this is why since 2012, she runs her own blog about contemporary Arabic literature. Since 2013 she is part of the editorial stuff of “Diwan” Book Series, published by Castelvecchi Pub., besides her work as a translator and editor, for the online newspaper Infopal, which deals with information about Palestine and the Middle East.

Federica Pistono travaille comme traductrice littéraire et elle a contribué à faire connaitre en Italie plusieurs écrivains arabes, parmi lesquels Ghassan Kanafani, Zakaryya Tamer, Fadi ‘Azzam, Inaam Kachachi, Baha Taher, Muhsin Al-Ramli, Moustapha Khalifa, Nihad Sirees, Badriya al-Bishr et Muhammad Dibo. Elle travaille aussi comme traductrice pour les journaux en ligne. Elle entreprend actuellement un doctorat dans la Civilisation islamique à l’ Université La Sapienza à Rome.

 

Peso 0.22 kg
Dimensioni 15 x 21 x 0.8 cm
ISBN

978-88-87847-50-5

Lingua

Italiano

Lingua originale

Arabo

Titolo originale

Kaman Yushaid mawtihi (2012)

Traduzione

Federica Pistono

Prima edizione

3 ottobre 2015

Cover

Stefania Costa

Introduzione

Donatella Della Ratta

Press

“E se fossi morto?” di Muhammed Dibo, Confronti, Michele Lipori (27/01/2016)

Un gran reportage sulla guerra siriana, La voce che stecca (04/01/2016)

SIRIA – Un poeta contro il baratro, Avvenire, Riccardo Michelucci (30/12/2015)

”E se fossi morto?”, Lankelot, Luca Menichetti (14/12/2015)

SaltinAria, Ilaria Guidantoni (28/11/2015)

Siria: Muhammad Dibo, uno scrittore nelle carceri di Assad, Il Fatto quotidiano, Shady Hamady (23/11/2015)

Muhammad Dibo racconta i dolorosi anni siriani dal 2011 a oggi, Tiburno TV (19/11/2015)

ANSAMed (09/11/2015)