Flussi migratori e fruizione dei diritti fondamentali (P. Benvenuti)3 min read

 36,00

SCHEDA LIBRO | EBOOK | ANTEPRIMA

Le migrazioni caratterizzano con connotati peculiari l’attuale fase storica di internazionalizzazione delle relazioni umane. I flussi migratori si pongono con pressione tale da superare le politiche di regolamentazione e contrasto degli Stati di destinazione; ne segue, accanto alla migrazione legale, il manifestarsi del fenomeno sempre più vistoso della migrazione irregolare.

Le migra­zio­ni carat­te­riz­za­no con con­no­ta­ti pecu­lia­ri l’attuale fase sto­ri­ca di inter­na­zio­na­liz­za­zio­ne del­le rela­zio­ni uma­ne. I flus­si migra­to­ri si pon­go­no con pres­sio­ne tale da supe­ra­re le poli­ti­che di rego­la­men­ta­zio­ne e con­tra­sto degli Sta­ti di desti­na­zio­ne; ne segue, accan­to alla migra­zio­ne lega­le, il mani­fe­star­si del feno­me­no sem­pre più visto­so del­la migra­zio­ne irre­go­la­re. Quest’ultima pone pro­ble­mi di indub­bia gra­vi­tà, anche per il lega­me che pre­sen­ta con feno­me­ni cri­mi­na­li come il con­trab­ban­do e il traf­fi­co di per­so­ne e tali da far sì che nel descri­ve­re la situa­zio­ne si ricor­ra alla espres­sio­ne “emer­gen­ze”: emer­gen­ze di ordi­ne pub­bli­co, uma­ni­ta­rie e socia­li sono sen­za dub­bio lega­te alle migra­zio­ni irre­go­la­ri.
Per fron­teg­gia­re sif­fat­te “emer­gen­ze” si pro­spet­ta­no sem­pre più indi­spen­sa­bi­li, a livel­lo nazio­na­le, euro­peo e inter­na­zio­na­le, una appro­pria­ta disci­pli­na dei flus­si migra­to­ri, una poli­ti­ca di con­te­ni­men­to del con­trab­ban­do e del­la trat­ta di migran­ti, una atten­ta con­si­de­ra­zio­ne per la situa­zio­ne uma­ni­ta­ria, spes­so dram­ma­ti­ca dei migran­ti irre­go­la­ri.
In fun­zio­ne del­la pro­ble­ma­ti­ca indi­ca­ta, il volu­me segue tre piste di appro­fon­di­men­to. Una pri­ma è costi­tui­ta dall’esame degli stru­men­ti giu­ri­di­ci di gestio­ne del­la migra­zio­ne eco­no­mi­ca: que­sti sono ele­men­to impre­scin­di­bi­le per fare fron­te e cir­co­scri­ve­re l’immigrazione ille­ga­le, e con que­sta i pro­ble­mi socia­li che vi si accom­pa­gna­no.
Una secon­da pista riguar­da il con­tra­sto ai feno­me­ni cri­mi­na­li che si accom­pa­gna­no all’immigrazione clan­de­sti­na. Qui sono con­si­de­ra­ti una serie di stru­men­ti giu­ri­di­ci offer­ti dal dirit­to inter­na­zio­na­le e comu­ni­ta­rio per oppor­si alle pra­ti­che cri­mi­na­li, a comin­cia­re dal­la Con­ven­zio­ne di Paler­mo (2000) sul­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta trans­na­zio­na­le.
Una ter­za pista del­la rifles­sio­ne riguar­da la tute­la dei dirit­ti fon­da­men­ta­li del migran­te rego­la­re e irre­go­la­re, nel­la pras­si e nel­la giu­ri­spru­den­za inter­na­zio­na­le ed euro­pea. Così, ven­go­no in rilie­vo gli stru­men­ti inter­na­zio­na­li che sul pia­no uni­ver­sa­le e regio­na­le sono vol­ti alla tute­la dei dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la per­so­na e la loro appli­ca­zio­ne da par­te degli orga­ni­smi di con­trol­lo. L’obiettivo è l’individuazione del nucleo di dirit­ti da garan­ti­re a tut­ti gli immi­gra­ti che, irre­go­la­ri o irre­go­la­ri, si tro­va­no in con­di­zio­ne di accen­tua­ta vul­ne­ra­bi­li­tà nel ter­ri­to­rio di Sta­ti diver­si da quel­lo loro nazio­na­le. In que­sto con­te­sto di tute­la dei dirit­ti fon­da­men­ta­li spe­ci­fi­ca atten­zio­ne è rivol­ta anche al tema del­le per­so­ne che nel con­te­sto del­le migra­zio­ni han­no tito­lo a par­ti­co­la­re pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria, per­ché fug­go­no da situa­zio­ni di per­se­cu­zio­ne o simi­la­ri: l’interconnessione fra le Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951 sul dirit­to di asi­lo, la nor­ma­ti­va comu­ni­ta­ria e quel­la nazio­na­le in que­sta mate­ria è ulte­rio­re ogget­to di inda­gi­ne nel pre­sen­te volu­me.
Que­sto volu­me è sta­to rea­liz­za­to nel qua­dro di Pro­get­to di ricer­ca di rile­van­te inte­res­se nazio­na­le (PRIN 2005) finan­zia­to dal Mini­ste­ro dell’Università e del­la ricer­ca, e svol­to pres­so il Dipar­ti­men­to di Dirit­to euro­peo dell’Università di Roma Tre, su “Immi­gra­zio­ne ille­ga­le fra stru­men­ti di con­tra­sto e tute­la dei dirit­ti fon­da­men­ta­li”. I con­tri­bu­ti sono di: Mas­si­mo Bar­ra, Pao­lo Ben­ve­nu­ti, Rober­to Barat­ta, Lui­gi Ciaur­ro, Pao­lo Arti­ni, Gui­do Rai­mon­di, Ann-Char­lot­te Sirén-Borrego, Giu­sep­pe Pal­mi­sa­no, Gian­do­na­to Cag­gia­no, Raf­fae­le Mie­le, Anto­nio Mar­che­si, Giu­lio Bar­to­li­ni, Pasqua­le Pir­ro­ne, Lau­ra Rudel, Danie­la Flo­ri­dia, Maria Bea­tri­ce Deli, Moni­ca Gian­dot­ti, Anto­niet­ta Fava­le, Chia­ra Favil­li, Vin­cen­zo Deli­ca­to, Mau­ra Mar­che­gia­ni, Chia­ra Gabriel­li, Bar­ba­ra Con­co­li­no e Fla­via Zor­zi Giu­sti­nia­ni.

. Pao­lo Ben­ve­nu­ti (Pisa9 otto­bre 1947) è un acca­de­mi­cogiu­ri­sta e un filo­so­fo del dirit­to ita­lia­no.

Peso 0.44 kg
Dimensioni 17 x 24 x 1.7 cm
ISBN

978-88-87847-239

Lingua

Italiano

Foliazione

VI-396 pp., br.

Prima edizione

1 giugno 2008

Collana

Diritto (n. 8)

Video

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Flussi migratori e fruizione dei diritti fondamentali (P. Benvenuti)3 min read

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *