Questo libro contiene immagini e personaggi che somigliano a uomini e politici realmente esistenti1′ di lettura

TG3 | Vener­dì 1 apri­le 2011 | Roma­na Fabri­zi |

Tra­dot­to in ita­lia­no poco pri­ma di esse­re cen­su­ra­to e riti­ra­to dal­le libre­rie in Egit­to, “Metro” è un fumet­to che ha denun­cia­to la vigi­lia del­la rivol­ta, la cri­si del­la socie­tà civi­le sot­to Muba­rak, dan­do il via alla libe­ra­liz­za­zio­ne del­la cul­tu­ra. Sen­tia­mo Roma­na Fabri­zi.
“Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni e poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”. È la fra­se sul­la quar­ta di coper­ti­na di “Metro”, libro a fumet­ti di Mag­dy El Sha­fee. La fra­se non è di pre­sen­ta­zio­ne ma di recen­sio­ne, rical­ca la sen­ten­za del tri­bu­na­le del Cai­ro che ha cen­su­ra­to e riti­ra­to il libro. Roman­zo poli­ti­co, metro­po­li­ta­no che denun­cia con dise­gni taglien­ti come lame cor­ru­zio­ne e clien­te­li­smo in Egit­to. Rac­con­ta la sto­ria di alcu­ni blog­ger egi­zia­ni, le ingiu­sti­zie, la cri­si finan­zia­ria e socia­le, si lega alle radi­ci del­la rivol­ta con­tro Mubarak.
Arri­va­to in Ita­lia pri­ma di esse­re seque­stra­to, si leg­ge al con­tra­rio come i gior­na­li ara­bi, comin­cian­do dall’ultima pagi­na. Denun­cia la natu­ra dispo­ti­ca del regi­me, un atti­mo pri­ma che comin­ci la rivol­ta il 25 gen­na­io 2011 quan­do la socie­tà civi­le mani­fe­sta per le stra­de d’Egitto come non si era mai visto negli ulti­mi 30 anni, fino alla cadu­ta di Mubarak.
Il fumet­to è solo per gran­di, spe­ci­fi­ca l’autore nell’edizione ara­ba, in real­tà solo per pochi, per chi è riu­sci­to a com­prar­lo pri­ma che venis­se riti­ra­to dal­le libre­rie del Cairo.

0
  ARTICOLI RECENTI

Aggiungi un commento