Saadawi, la rischiosa ribellione delle donne arabe

| ANSAmed | Martedì 18 febbraio 2009 | Cristiana Missori |

“Quel giorno di settembre la notizia uscì sui giornali, in una pagina interna, a mala pena visibile a occhio nudo: donna partita e mai più tornata. Le donne non erano solite prendere giorni di vacanza e, quando una donna usciva, era assolutamente necessario ottenere il permesso scritto dal marito o timbrato dal datore di lavoro”. Con questo incipit, la scrittrice e dissidente egiziana Nawal El Saadawi trascina il lettore nelle pagine de “L’amore al tempo del petrolio”, romanzo in uscita l’8 marzo, edito da Il Sirente. In un oscuro regno del petrolio, in un Paese autoritario, forse l’Arabia saudita, o forse l’Egitto, un’archeologa scompare senza lasciare traccia. “Era già successo che sua moglie fosse andata in vacanza? Ha mai disubbidito?”, chiede il commissario al marito della studiosa che si è volatilizzata. Per la polizia che indaga, infatti, può trattarsi soltanto di una ribelle, oppure di una donna di non rispecchiata moralità. E’ una donna sottomessa, asservita e oppressa dall’uomo, quella descritta dall’autrice egiziana che, una volta ancora, torna a occuparsi della questione femminile nel mondo arabo. Poco importa dove è ambientata la storia. In questo libro denso di metafore e continue allusioni, dallo stile allucinato e visionario, il viaggio onirico – e al contempo reale – compiuto dalla protagonista, descrive l’esistenza di una donna in un qualsiasi regime autoritario. Trasformata in una macchina tuttofare, in grado di cucinare, pulire, scrivere, senza diritti né sentimenti, la donna diventa uno strumento funzionale all’uomo e dunque intercambiabile con un qualsiasi altro oggetto. E’ però anche una storia d’amore intrigante, insospettabile e densa di mistero, quella tratteggiata dalla scrittrice, che vede una volta tornata indietro, la protagonista lasciare il marito per un altro uomo. Medico psichiatra, più volte minacciata di morte da gruppi fondamentalisti, imprigionata sotto il regime di Sadat, nel 1993 Nawal El Saadawi è stata condannata a morte per eresia. Oggi l’autrice vive in esilio volontario negli Usa, ma a breve – fa sapere – tornerà in Egitto, la sua terra natale. “Un uomo – scrive l’autrice – può uscire e non tornare per sette anni e solo dopo quella data la donna può chiedere la separazione”. Per una donna, una sola notte invece è sufficiente per lanciare l’allarme e gridare allo scandalo. Pubblicato in varie antologie e tradotto in più di 20 lingue, “L’amore ai tempi del petrolio” – insieme a diversi altri romanzi della Saadawi, è stato censurato dalla massima istituzione religiosa egiziana, Al Azhar, che dopo pochi mesi dalla pubblicazione ne ha ordinato il ritiro da tutte le librerie egiziane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.