Shlonak Sumia Sukkar?1′ di lettura

IL RAGAZZO DI ALEPPO CHE HA DIPINTO LA GUERRA di Sumia Sukkar

Sumia Sukkar su Interferenze Radio 3 Mondo

La guer­ra in Siria attra­ver­so le paro­le di Sumia Suk­kar, autri­ce di “Il ragaz­zo di Alep­po che ha dipin­to la guer­ra”, ieri su Radio 3 Mon­do. Di che colo­re sareb­be­ro oggi i due pro­ta­go­ni­sti del tuo roman­zo Adam e Yasmi­ne?


Ci alzia­mo tut­ti, io vado in came­ra mia, pren­do subi­to il mio set per dipin­ge­re e comin­cio imme­dia­ta­men­te a dise­gna­re la sce­na sot­to la piog­gia. Sem­bria­mo una fami­glia feli­ce, solo che die­tro di noi ci sono palaz­zi crol­la­ti e il cie­lo sem­bra più scu­ro che mai, per­si­no di not­te. non so come spie­ga­re quan­to è nero il cie­lo. In que­sto cie­lo blu mari­no non c’è trac­cia del­la luna, solo un fumo nero che lo rico­pre. Un gior­no, quan­do sarà fini­ta la guer­ra, avrò i miei qua­dri per mostra­re alla gen­te cosa sta­va real­men­te suc­ce­den­do. I miei qua­dri non men­to­no.” da ‘il ragaz­zo di Alep­po che ha dipin­to la guer­ra’ capi­to­lo Ver­de

0
  ARTICOLI RECENTI