El Shafee il vignettista più censurato d’Egitto

| Il Gior­na­le | Mar­te­dì 7 dicem­bre 2010 | Mat­teo Sac­chi |

Lui si chia­ma Mag­dy El Sha­fee e appe­na ha mes­so pie­de in Ita­lia (ospi­te ieri di pun­ta di Nues, il Festi­val inter­na­zio­na­le del fumet­to Medi­ter­ra­neo orga­niz­za­to da Bepi Vigna) ha det­to: «È un’emozione gran­dis­si­ma esse­re nel­la ter­ra che ha dato i nata­li ai miei mae­stri, Milo Mana­ra, Dino Bat­ta­glia, Hugo Pratt, Eleu­te­ri Ser­pie­ri». E anche noi dovrem­mo esse­re ono­ra­ti di aver­lo qui, per­ché anche se a mol­ti ita­lia­ni il suo nome non dice mol­to, è uno dei fumet­ti­sti più bra­vi di tut­to il Medio orien­te. E anche uno dei più corag­gio­si visto che i suoi fumet­ti sono fini­ti pesan­te­men­te sot­to il tiro del­la cen­su­ra egi­zia­na. Infat­ti al Cai­ro, sua cit­tà nata­le, non si tro­va una sola copia (a meno che non sia clan­de­sti­na) del­la sua pri­ma gra­phic novel, Metro. Il moti­vo? Que­sto lavo­ro pub­bli­ca­to nel 2008 rac­con­ta­va con piglio fero­ce e rea­li­sti­co la vita sot­ter­ra­nea del­la capi­ta­le di Muba­rak, denun­cian­do­ne le ingiu­sti­zie socia­li e met­ten­do il dito nel­la pia­ga del dispo­ti­smo del pote­re poli­ti­co (che carat­te­riz­za mol­ti sta­ti ara­bi). Ecco­ne in sol­do­ni la tra­ma. Il pro­ta­go­ni­sta è Shi­hab, soft­ware desi­gner che, com­pli­ce la cri­si eco­no­mi­ca, non può paga­re un debi­to con­trat­to con uno stroz­zi­no e che orga­niz­za una rapi­na in ban­ca per risol­ve­re defi­ni­ti­va­men­te i suoi pro­ble­mi finan­zia­ri. Per rea­liz­za­re l’impresa cri­mi­na­le si avvar­rà di un ami­co: Musta­fà. Quel­lo però lo tra­di­sce e fug­ge con tut­ta la refur­ti­va. Shi­hab si tro­va così in un vor­ti­ce di cor­ru­zio­ne poli­ti­ca e finan­zia­ria, tro­van­do l’unica con­so­la­zio­ne, mol­to car­na­le, nel­la gior­na­li­sta Dina. Una tra­ma che per un fumet­to occi­den­ta­le non ha nul­la di sca­bro­so ma che a El Sha­fee e al suo edi­to­re, Moha­med Shar­qa­wi, è costa­ta un pro­ces­so e la con­dan­na alla distru­zio­ne di tut­te le copie per alcu­ne imma­gi­ni con­si­de­ra­te por­no­gra­fi­che e per­so­nag­gi trop­po rispon­den­ti alle carat­te­ri­sti­che di rea­li uomi­ni poli­ti­ci. Il fumet­to ha avu­to però gran­de suc­ces­so in Euro­pa e in Ita­lia è sta­to pub­bli­ca­to dal pic­co­lo edi­to­re il Siren­te. El Sha­fee ne è feli­ce ma dice: «Non pen­sa­vo di sol­le­va­re un tale vespa­io, ma cen­su­ra e con­dan­na a par­te, mi ha mol­to rin­cuo­ra­to la soli­da­rie­tà rice­vu­ta… mi ha spin­to a resta­re nel mio Pae­se». Tan­to che del pro­ces­so subi­to ricor­da soprat­tut­to que­sto: «Mi è rima­sta impres­sa un’immagine di quel­la gior­na­ta: il vol­to stu­pi­to del giu­di­ce, per­so­na peral­tro edu­ca­ta e gen­ti­le, di fron­te a tut­ta quel­la fol­la venu­ta a soste­ner­mi. Era come se il desi­de­rio di liber­tà del­le per­so­ne riu­scis­se a scon­fig­ge­re anche la cen­su­ra».

0

Regole? Neanche il tassametro

| il Gior­na­le | Vener­dì 12 dicem­bre 2008 |

Gui­da­no come mat­ti, usa­no le mani e non i sema­fo­ri per impor­si nel fol­le traf­fi­co del Cai­ro, e non han­no il tas­sa­me­tro. Ognu­no di loro ha una sto­ria da rac­con­ta­re, come nel best sel­ler di Kha­lid Al Kha­mis­si, «Taxi», che dipin­ge la cit­tà con­le paro­le dei suoi tas­si­sti.

0