Magdi el Shafee, “Metro”

Inter­na­zio­na­le | Vener­dì 25 mar­zo 2011 | Fran­ce­sco Boil­le |

El Sha­fee vive in Egit­to ma è men­tal­men­te cosmo­po­li­ta, infat­ti subi­sce le influen­ze più varie: Hugo Pratt (di cui è inna­mo­ra­to), i supe­re­roi sta­tu­ni­ten­si o i man­ga, di cui que­sto libro pro­po­ne, oltre a un’influenza sti­li­sti­ca, la strut­tu­ra edi­to­ria­le e la let­tu­ra da sini­stra ver­so destra per le sin­go­le tavo­le. Auto­re ed edi­to­re loca­le sono sta­ti per­se­gui­ta­ti e cen­su­ra­ti in patria, con­dan­na­ti a paga­re una mul­ta sala­ta e a distrug­ge­re tut­te le copie del libro per pre­sun­te sce­ne di ses­so e rife­ri­men­ti a poli­ti­ci. Non è stra­no. La sfi­da-mes­sag­gio dell’autore è di libe­rar­si dal­la cor­ru­zio­ne, mate­ria­le e spi­ri­tua­le, che è in tut­ti noi (e che riguar­da anche l’Italia), libe­rar­si da que­sta pri­gio­ne men­ta­le e appro­priar­si con avi­di­tà di tut­te le oppor­tu­ni­tà che offre la demo­cra­zia. Mag­di deve lavo­ra­re anco­ra per tro­va­re un equi­li­brio tra imme­dia­tez­za (che lo ren­de peri­co­lo­so per il pote­re) e pro­fon­di­tà, nel­la chia­rez­za del­la costru­zio­ne del­le tavo­le e nell’amalgama del­le influen­ze (tal­vol­ta sor­pren­den­ti) e degli sti­li (dal rea­li­smo all’umorismo: in quest’ultimo il dise­gno eccel­le, El Sha­fee è infat­ti un vignet­ti­sta umo­ri­sti­co). Ma il let­to­re avrà una radio­gra­fia del­la situa­zio­ne in Egit­to incre­di­bil­men­te pre­ci­sa, nar­ra­ta in modo rap­so­di­co.

0

Taxi. Le strade del Cairo si raccontano” alla settima edizione di Terra Futura, Fortezza da Basso, Firenze, 28–30 maggio 2010

 

 

 

 

| Dome­ni­ca 30 Mag­gio | Ore 11.00–12.00 | Stand COSPE |

Kha­led Al Kha­mis­si, “Taxi. Le stra­de del Cai­ro si rac­con­ta­no”, Edi­tri­ce il Siren­te, 2008
Let­tu­re trat­te dal libro “Taxi”, dedi­ca­to «alla vita che abi­ta nel­le paro­le del­la pove­ra gen­te», un viag­gio nel­la socio­lo­gia urba­na del­la capi­ta­le egi­zia­na attra­ver­so le voci dei tas­si­sti. Una rac­col­ta di sto­rie bre­vi che rac­con­ta­no sogni, avven­tu­re filo­so­fi­che, amo­ri, bugie, ricor­di e poli­ti­ca. I tas­si­sti egi­zia­ni sono degli ama­bi­li can­ta­sto­rie che, con disin­vol­tu­ra, con­du­co­no il let­to­re in un deda­lo di real­tà e poe­sia che è l’Egitto dei nostri gior­ni.
A cura di COSPE
Sarà pre­sen­te il tra­dut­to­re del libro ERNESTO PAGANO con JAMILA MASCAT, cura­tri­ce rubri­ca Ita­lie­ni di Inter­na­zio­na­le

Ter­ra Futu­ra è una gran­de mostra-con­ve­gno strut­tu­ra­ta in un’area espo­si­ti­va, di anno in anno più ampia e arti­co­la­ta, e in un calen­da­rio di appun­ta­men­ti cul­tu­ra­li di alto spes­so­re, tra con­ve­gni, semi­na­ri, work­shop; e anco­ra labo­ra­to­ri e momen­ti di ani­ma­zio­ne e spet­ta­co­lo.
Ter­ra Futu­ra vuo­le far cono­sce­re e pro­muo­ve­re tut­te le ini­zia­ti­ve che già spe­ri­men­ta­no e uti­liz­za­no model­li di rela­zio­ni e reti socia­li, di gover­no, di con­su­mo, pro­du­zio­ne, finan­za, com­mer­cio soste­ni­bi­li: pra­ti­che che, se adot­ta­te e dif­fu­se, con­tri­bui­reb­be­ro a garan­ti­re la sal­va­guar­dia dell’ambiente e del pia­ne­ta, e la tute­la dei dirit­ti del­le per­so­ne e dei popo­li.
È un even­to inter­na­zio­na­le per­ché inten­de allar­ga­re e con­di­vi­de­re la dif­fu­sio­ne del­le buo­ne pra­ti­che a una dimen­sio­ne glo­ba­le; per­ché inter­na­zio­na­li sono i nume­ro­si mem­bri del suo comi­ta­to di garan­zia, la dimen­sio­ne dei temi trat­ta­ti e i rela­to­ri chia­ma­ti ad inter­ve­ni­re ai tavo­li di dibat­ti­to e di lavo­ro; infi­ne, per­ché lo sono i pro­get­ti e le espe­rien­ze pre­sen­ti o rap­pre­sen­ta­ti ampia­men­te nell’area espo­si­ti­va, che ospi­ta real­tà ita­lia­ne ed este­re.
Nume­ro­si e impor­tan­ti i con­sen­si rac­col­ti negli anni. Oltre 87.000 i visi­ta­to­ri dell’edizione 2009, 600 le aree espo­si­ti­ve con più di 5000 enti rap­pre­sen­ta­ti; 250 ani­ma­zio­ni, 200 gli even­ti cul­tu­ra­li in calen­da­rio e 800 i rela­to­ri pre­sen­ti, fra esper­ti e testi­mo­ni di vari ambi­ti di livel­lo inter­na­zio­na­le.

La set­ti­ma edi­zio­ne di Ter­ra Futu­ra si svol­ge­rà sem­pre alla For­tez­za da Bas­so, a Firen­ze, dal 28 al 30 mag­gio 2010.

ORARI:
vener­dì ore 9.00–20.00
saba­to ore 9.30–21.00 (even­ti e spet­ta­co­li fino alle ore 24.00)
dome­ni­ca ore 10.00–20.00

0