Ebe Pierini, “ItalNews”, 12 aprile 2017

IL RAGAZZO DI ALEPPO CHE HA DIPINTO LA GUERRA di Sumia Sukkar

La guerra raccontata attraverso i colori da un ragazzo di Aleppo

di Ebe Pie­ri­ni, “Ital­News”, 12 apri­le 2017

Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra : Sumia SukkarImpri­me­re la guer­ra su tela.
Dipin­ger­la anche col san­gue vero del­le vit­ti­me.
É quel­lo che fa Adam, un ragaz­zi­no siria­no di 14 anni, mala­to del­la sin­dro­me di Asper­ger, orfa­no di madre. La sua came­ra pie­na zep­pa di tele dipin­te è il suo rifu­gio. É così che lui esor­ciz­za il dolo­re, tra­spo­nen­do­lo in un dipin­to. E quan­do il cibo scar­seg­gia e i mor­si del­la fame si fan­no sen­ti­re schiac­cia un tubet­to di colo­re e lo man­gia.
É lui il pro­ta­go­ni­sta del roman­zo “Il ragaz­zo di Alep­po che ha dipin­to la guer­ra” (il Siren­te) di Sumia Suk­kar, scrit­tri­ce bri­tan­ni­ca di ori­gi­ni siria­ne.
I colo­ri e il con­flit­to.
Potreb­be appa­ri­re un con­nu­bio impos­si­bi­le e inve­ce diven­ta una chia­ve di let­tu­ra alter­na­ti­va. Ogni sen­ti­men­to, ogni sta­to d’animo vie­ne asso­cia­to ad una tin­ta e la guer­ra assu­me le sfu­ma­tu­re del nero, del gri­gio, del mar­ro­ne, del vio­la, del ros­so. Adam affron­ta il dram­ma che afflig­ge Alep­po e tut­ta la Siria gra­zie all’amore del­la sua fami­glia, di suo padre, del­la sorel­la Yasmi­ne, suo vero uni­co pun­to di rife­ri­men­to e dei suoi tre fra­tel­li e alla vici­nan­za di una gat­ta ran­da­gia che deci­de di chia­ma­re Liqui­ri­zia. Il dolo­re sfio­re­rà più vol­te i mem­bri del­la sua fami­glia e la mor­te entre­rà nel­la sua casa. A fare da cor­ni­ce la descri­zio­ne di una Alep­po vio­la­ta dai bom­bar­da­men­ti. La scuo­le chiu­se, le case distrut­te, i mor­ti per stra­da, il cibo che man­ca, l’acqua cen­tel­li­na­ta. In que­sto roman­zo ritro­via­mo la Siria che ci appa­re ormai dagli scher­mi tele­vi­si­vi, nei ser­vi­zi dei tele­gior­na­li, nei repor­ta­ge dei gior­na­li­sti.
In Adam rivi­vo­no tut­ti i bam­bi­ni che han­no vis­su­to e con­ti­nua­no a vive­re que­sta ter­ri­bi­le espe­rien­za. Lui ci ricor­da anche tut­te le vit­ti­me del­la guer­ra in Siria non da ulti­mi i bim­bi mor­ti ad Idlib per i gas del­le armi chi­mi­che. Pro­prio per que­sto il roman­zo è qua­si un repor­ta­ge per l’attualità del­le vicen­de che nar­ra e per la veri­di­ci­tà del­le vite che con­tie­ne.

0