Nawal Al Saadawi a Roma il 15 maggio 2009

TITOLO EVENTO: L’amore ai tem­pi del petro­lio — Rea­ding dell’ultimo roman­zo dell’intellettuale lai­ca più influen­te del mon­do ara­bo: Nawal al-Sa’dawi (Edi­tri­ce il Siren­te)
QUANDO: Vener­dì 15 mag­gio 2009
DOVE: Apol­lo 11 / Via Con­te Ver­de, 51 / 00185 Roma
ORE: 20:30
INGRESSO: Libe­ro
CONTATTI: Apol­lo 11 / 06–7003901
MAGGIORI INFORMAZIONI: www.sirente.it

Un pon­te per…Apol­lo 11 in col­la­bo­ra­zio­ne con l’edi­tri­ce il Siren­te vi invi­ta­no vener­dì 15 mag­gio alle 20,30 al rea­ding dell’ultimo roman­zo dell’intellettuale lai­ca più influen­te del mon­do ara­bo: L’amore ai tem­pi del petro­lio di Nawal al-Sa’dawi. Segui­rà dibat­ti­to con Rena­ta Pepi­cel­li (Uni­ver­si­tà di Bolo­gna). Ingres­so libe­ro.

Let­tu­re, musi­ca, dol­cet­ti ara­bi e can­ta­sto­rie.
Video-inter­vi­sta in diret­ta dal­la fie­ra del libro di Tori­no con Nawal Al Sa’dawi.

Alla voce Ales­san­dro Casu­la, al con­tra­bas­so Ric­car­do Gola, alla chi­tar­ra Mar­co Boni­ni.

Par­tì alla ricer­ca del suo orgo­glio per­du­to. Ave­va l’orgoglio di un ani­ma­le che si impun­ta con le zam­pe e non vuo­le più cam­mi­na­re. Lei non era una don­na né per la cuci­na né per il let­to, non cono­sce­va a memo­ria le can­zo­ni che le don­ne can­ta­no quan­do stan­no in bagno. Non capi­va nem­me­no la pas­sio­ne che pote­va susci­ta­re nel cuo­re del mari­to l’osservarla men­tre cuci­na­va il cavo­lo ripie­no. Inol­tre, non sbat­te­va le ciglia quan­do il dato­re di lavo­ro, o Sua Mae­stà, la guar­da­va­no”

0

Nawal Al Saadawi a Roma il 16 aprile 2009

ROMA — Il 16 Apri­le a Palaz­zo Valen­ti­ni (Roma) l’Edi­tri­ce il Siren­te pre­sen­ta L’amore ai tem­pi del petro­lio di Nawal al-Sa’dawi. Par­te­ci­pe­ran­no all’incontro l’on. Lui­sa Mor­gan­ti­ni (vice pre­si­den­te del Par­la­men­to Euro­peo), l’on. Gem­ma Azu­ni (Con­si­glie­re Comu­ne di Roma), Lau­ra Pisa­no (ordi­na­rio di Sto­ria del gior­na­li­smo pres­so l’Università di Caglia­ri) ed Ema­nue­le M. Ciam­pi­ni (ricer­ca­to­re di Egit­to­lo­gia pres­so la “Cà Fosca­ri” di Vene­zia).

*** INVITO [JPG] [PDF] ***

Par­tì alla ricer­ca del suo orgo­glio per­du­to. Ave­va l’orgoglio di un ani­ma­le che si impun­ta con le zam­pe e non vuo­le più cam­mi­na­re. Lei non era una don­na né per la cuci­na né per il let­to, non cono­sce­va a memo­ria le can­zo­ni che le don­ne can­ta­no quan­do stan­no in bagno. Non capi­va nem­me­no la pas­sio­ne che pote­va susci­ta­re nel cuo­re del mari­to l’osservarla men­tre cuci­na­va il cavo­lo ripie­no. Inol­tre, non sbat­te­va le ciglia quan­do il dato­re di lavo­ro, o Sua Mae­stà, la guar­da­va­no”

L’incontro si ter­rà alle ore 16,00 nel­la Sala Pla­ci­do Mar­ti­ni (situa­ta al pia­no ter­ra di Palaz­zo Valen­ti­ni, via IV Novem­bre n. 119/A). Nel cor­so del­la pre­sen­ta­zio­ne ver­ran­no pro­iet­ta­ti due bre­vi video espli­ca­ti­vi dell’attività di Nawal al-Sa’dawi, l’intellettuale lai­ca più influen­te del mon­do ara­bo con­tem­po­ra­neo. INGRESSO LIBERO.

« Più di ogni altra don­na, Nawal El Saa­da­wi incar­na le sof­fe­ren­ze del fem­mi­ni­smo ara­bo. » San Fran­ci­sco Chro­ni­cle

Un testo visionario. Un racconto spettacolare, inaspettatamente avvincente, ricco di tensione e curiosità per il destino della  protagonista.

In un oscu­ro regno del petro­lio un’archeologa scom­pa­re sen­za lascia­re trac­cia. La poli­zia che inda­ga si chie­de se fos­se una ribel­le o una don­na dal­la dub­bia mora­le, in un pae­se nel qua­le  nes­su­na don­na ha mai osa­to abban­do­na­re casa e mari­to, disob­be­den­do alle rego­le. Quan­do final­men­te riap­pa­re lascia il mari­to per sta­re con un altro uomo… Una sto­ria d’amore intri­gan­te e inso­spet­ta­bi­le, den­sa di miste­ro. Un’educazione sen­ti­men­ta­le e un viag­gio di auto­co­scien­za di una don­na ara­ba in un pae­se auto­ri­ta­rio.
Un uomo può usci­re e non tor­na­re per set­te anni e solo dopo quel­la data la don­na può chie­de­re la sepa­ra­zio­ne. Men­tre per una don­na una sola not­te è suf­fi­cien­te per lan­cia­re l’allarme e gri­da­re allo scan­da­lo.
Pub­bli­ca­to in varie anto­lo­gie e tra­dot­to in più di 20 lin­gue, in que­sto rac­con­to Nawal al-Sa’dawi si inter­ro­ga sul ruo­lo del­la don­na in un ordi­ne repres­si­vo e patriar­ca­le.
L’amore ai tem­pi del petro­lio insie­me a diver­si altri roman­zi del­la Saa­da­wi sono sta­ti cen­su­ra­ti dal­la mas­si­ma isti­tu­zio­ne reli­gio­sa egi­zia­na Al Azhar, che dopo pochi mesi dal­la pub­bli­ca­zio­ne ne ha ordi­na­to il riti­ro da tut­te le libre­rie egi­zia­ne.

0