Metro, quando il romanzo predice la realtà

| Medi­ter­ra­nea Onli­ne | Mar­te­dì 1 feb­bra­io 2011 | Cri­sti­na Giudice |

Pre­sen­ta­ta a Roma la tra­du­zio­ne del­la pri­ma gra­phic novel ara­ba, che annun­cia­va con due anni di anti­ci­po la rivol­ta egi­zia­na di que­sti giorni. 

«Voglia­mo dire addio a Muba­rak e ai Fra­tel­li insie­me». È que­sto lo sco­po del­la rivol­ta che sta scon­vol­gen­do l’Egitto in que­sti gior­ni secon­do Mag­dy alSha­fee, auto­re del­la gra­phic novelMetro”, usci­ta nel 2008 e imme­dia­ta­men­te cen­su­ra­ta dal gover­no egi­zia­no e riti­ra­ta dal com­mer­cio per­ché, secon­do la sen­ten­za di con­dan­na emes­sa dal tri­bu­na­le di Qasr elNil del Cai­ro, «con­tie­ne imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che asso­mi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esistenti».
Il pub­bli­co ita­lia­no potrà con­sta­ta­re la “fon­da­tez­za” del­le accu­se rivol­te al libro, intro­va­bi­le da tem­po nel­le libre­rie egi­zia­ne, gra­zie all’edizione pub­bli­ca­ta dal­la casa “il Siren­te” nel­la col­la­na “Altria­ra­bi”, pre­sen­ta­ta a Roma a dicembre.
«Il comics non deve sem­pre rac­con­ta­re sto­rie di supe­re­roi — ha det­to l’autore — ma può esse­re uno stru­men­to per par­la­re di temi socia­li for­ti, impe­gna­ti. Quel­lo che mi ha spin­to a scri­ve­re “Metro è l’assoluta man­can­za di giu­sti­zia socia­le del pae­se. Rispet­to i valo­ri del­la socie­tà in cui vivo, e sono favo­re­vo­le alla diver­si­tà e al plu­ra­li­smo, ma cre­do nel­la mia liber­tà e rispet­to quel­la altrui: non per­met­to a nes­su­no di impor­mi del­le rego­le». Paro­le che, let­te sul­la scia del­le mani­fe­sta­zio­ni di mas­sa che han­no risve­glia­to la coscien­za popo­la­re egi­zia­na in que­sto perio­do, sem­bra­no ave­re un che di profetico.
AlSha­fee è sce­so in piaz­za in que­sti gior­ni unen­do­si ai dimo­stran­ti che chie­do­no la cac­cia­ta di Muba­rak: «Rifiu­tia­mo i cam­bia­men­ti che ha fat­to Muba­rak, come la nomi­na di Slei­man e Sha­fiq – ha dichia­ra­to all’agenzia Aki — poi­ché pro­ven­go­no da quel­lo stes­so gover­no cor­rot­to. Non li voglio io e non li vuo­le nes­su­no di colo­ro che aspi­ra­no al cambiamento».
Ha accu­sa­to il Mini­ste­ro dell’Interno del suo Pae­se di esse­re «die­tro le ope­ra­zio­ni di rapi­na e sac­cheg­gio com­piu­te da alcu­ni ele­men­ti in que­sti gior­ni in Egit­to», aggiun­gen­do: «Sono loro i delin­quen­ti che fal­si­fi­ca­va­no le ele­zio­ni a loro favo­re». Ha chie­sto «un gover­no di tran­si­zio­ne gui­da­to da Kamal alJan­zu­ri, ex pri­mo mini­stro che gode anco­ra di gran­de popo­la­ri­tà, per la dura­ta di un anno, duran­te il qua­le si pos­sa pro­ce­de­re a cam­bia­re la costi­tu­zio­ne e ad accre­sce­re la con­sa­pe­vo­lez­za del­la gen­te in sen­so demo­cra­ti­co, in modo che pos­sa sce­glie­re i pro­pri rap­pre­sen­tan­ti in base alle idee, ai pro­gram­mi e alle pro­mes­se vere».
La let­tu­ra di “Metro” può aiu­ta­re a capi­re quel­lo che sta suc­ce­den­do in Egit­to, spie­gan­do l’origine del­la rab­bia popo­la­re che ha spin­to la gen­te a dire basta al regi­me. Il libro si pro­po­ne come una novi­tà asso­lu­ta, uti­liz­zan­do le imma­gi­ni al posto del­le paro­le per far arri­va­re il mes­sag­gio in modo diret­to e pre­ci­so. Il pro­ta­go­ni­sta, Shi­hab, è un gio­va­ne pro­gram­ma­to­re inde­bi­ta­to­si fino al col­lo con un usu­ra­io per col­pa di un poli­ti­co cor­rot­to. Sen­ten­do­si ormai sen­za via di fuga, e dopo aver assi­sti­to all’omicidio dell’unica per­so­na che avreb­be potu­to aiu­tar­lo, Shi­hab deci­de di rapi­na­re una ban­ca insie­me all’amico Musta­fa, per tro­var­si a sua vol­ta intrap­po­la­to in una sto­ria di cor­ru­zio­ne poli­ti­co-finan­zia­ria. Shi­hab è il rap­pre­sen­tan­te di una gene­ra­zio­ne di milio­ni di gio­va­ni egi­zia­ni, capa­ci e moti­va­ti, che non rie­sco­no a rea­liz­za­re i pro­pri pro­get­ti a cau­sa del­la cor­ru­zio­ne dila­gan­te nel pae­se e del­la cri­si eco­no­mi­ca e poli­ti­ca che sof­fo­ca le loro intel­li­gen­ze. Insie­me a lui Dina, gior­na­li­sta rivo­lu­zio­na­ria e corag­gio­sa che vor­reb­be, come mol­ti gior­na­li­sti in Egit­to, gri­da­re la veri­tà e ribal­ta­re il siste­ma sen­za aver pau­ra di nascon­der­si; Musta­fa il cui fra­tel­lo, a cau­sa del­la pover­tà in cui vivo­no, è diven­ta­to un pic­chia­to­re del regi­me; l’anziano lustra­scar­pe Wan­nas, por­ta­vo­ce di quel­la che è for­se la par­te più ai mar­gi­ni del­la socie­tà egiziana.
I per­so­nag­gi si muo­vo­no sul­lo sfon­do del­le fer­ma­te del­la metro cai­ro­ta che inter­val­la­no la nar­ra­zio­ne e la vita nel­la metro­po­li è descrit­ta con asso­lu­to rea­li­smo gra­zie ai dise­gni, in par­te lascia­ti in ara­bo, che foto­gra­fa­no il Cai­ro in modo pre­ci­so: le stra­de di Wst elBa­lad, vici­nis­si­me all’ormai famo­sa piaz­za Tah­rir, i camion­ci­ni del­la cate­na Cilan­tro, le inse­gne dell’Alfa Mar­ket, per­fi­no le anti­che sta­tuet­te egi­zie nel­la sta­zio­ne di Sadat e il poster del­la star del cal­cio loca­le Abu Tre­ka. Addi­rit­tu­ra le suo­ne­rie dei cel­lu­la­ri che sono adat­ta­te al pro­prie­ta­rio! Una foto­gra­fia resa anco­ra più viva dall’uso del­la lin­gua: il dia­let­to egi­zia­no del­la stra­da, lo slang più cru­do e popo­la­re, che ha pro­cu­ra­to all’autore l’accusa di vol­ga­ri­tà. In real­tà inve­ce quel­le espres­sio­ni, che dan­no anche un toc­co di comi­ci­tà alle sce­ne (carat­te­ri­sti­co degli egi­zia­ni è il riu­sci­re a tro­va­re il lato comi­co anche nel­le situa­zio­ni più tra­gi­che), ren­do­no se pos­si­bi­le anco­ra più rea­li­sti­ca la sto­ria. Ed è pro­prio que­sto for­se che ha spa­ven­ta­to mag­gior­men­te la cen­su­ra, poi­ché l’uso del­la lin­gua del­la gen­te comu­ne ren­de il roman­zo più acces­si­bi­le a tutti.
«Ho scel­to di usa­re l’egiziano dei blog piut­to­sto che l’arabo clas­si­co — ha det­to alSha­fee — per­ché cre­do che que­sto stru­men­to lin­gui­sti­co por­ti avan­ti una pic­co­la rivo­lu­zio­ne let­te­ra­ria. La dif­fu­sio­ne di inter­net ha por­ta­to ad una for­te aper­tu­ra nei con­fron­ti del­la real­tà ester­na e al desi­de­rio di osser­va­re e capi­re il pro­prio con­te­sto in raf­fron­to con il mon­do inte­ro, per pro­va­re a cam­bia­re le cose». E a soste­gno di quan­to affer­ma­to dall’autore, la rivol­ta egi­zia­na che sta chie­den­do la cac­cia­ta di Muba­rak è par­ti­ta pro­prio dal popo­lo del web, attra­ver­so un tam­tam vir­tua­le nato dal­la gen­te comu­ne, sen­za ideo­lo­gie di par­te né poli­ti­che né reli­gio­se, ma basa­to sem­pli­ce­men­te sul­la riven­di­ca­zio­ne dei pro­pri dirit­ti, sul desi­de­rio del popo­lo egi­zia­no di ripren­der­si il pro­prio pae­se ormai sof­fo­ca­to dal­la mor­sa del­la cor­ru­zio­ne. L’Egitto sem­bra­va esse­re arri­va­to ad un livel­lo di ras­se­gna­zio­ne tale da impe­di­re qual­sia­si for­ma di oppo­si­zio­ne, così come dice lo stes­so Shi­hab in “Metro”: «Le per­so­ne vivo­no come ane­ste­tiz­za­te, non c’è nien­te che le col­pi­sca. Per quan­te cose pos­sa­no vede­re, alla fine diran­no sem­pre: fra­tel­lo, que­sto è pur sem­pre il mio pae­se». E anco­ra: «I gior­na­li sono una del­le nostre più gran­di tra­ge­die… Inten­de­vo gior­na­li, tele­vi­sio­ne e tut­te le altre cose che ci han­no abi­tua­ti alla sot­to­mis­sio­ne, al fat­to che la cor­ru­zio­ne reste­rà tale e qua­le… all’oppressione, alle code per un pez­zo di pane…». Alla fine però uno stru­men­to sem­pli­ce e a por­ta­ta di tut­ti come inter­net è riu­sci­to a far smuo­ve­re le mas­se, per­met­ten­do ai cit­ta­di­ni di espri­me­re la pro­pria idea e con­di­vi­der­la con gli altri. Basta­va che qual­cu­no des­se il la per­ché altri riu­scis­se­ro a pren­de­re corag­gio e cre­de­re dav­ve­ro che il cam­bia­men­to fos­se pos­si­bi­le. Così anche Shi­hab aggiun­ge: «Non mi fac­cio distrar­re dal­la cro­na­ca… Non dimen­ti­co i veri respon­sa­bi­li!». E que­sto per­ché, come ha det­to alSha­fee in que­sti gior­ni di rivol­ta, «quel­lo egi­zia­no è un popo­lo civi­le ric­co di crea­ti­vi­tà, e que­sta è la sua carat­te­ri­sti­ca migliore».

0

La fuga di una donna alla ricerca di sé stessa

Medi­ter­ra­nea Onli­ne | Lune­dì 1 giu­gno 2009 | Cri­sti­na Giu­di­ce |

Un pae­se gover­na­to dagli uomi­ni, un’atmosfera den­sa, nera e sof­fo­can­te in cui resta­re invi­schia­ti come nel petro­lio. Il nuo­vo roman­zo del­la scrit­tri­ce egi­zia­na Nawal el-Sa’dawy.

Visio­na­rio, schi­zo­fre­ni­co, oni­ri­co. Sono alcu­ni degli agget­ti­vi che si pos­so­no usa­re per descri­ve­re l’ultimo roman­zo di Nawal el-Sa’dawy, L’amore ai tem­pi del petro­lio, una nar­ra­zio­ne buia, liqui­da e visco­sa pro­prio come que­sto liqui­do, pre­sen­ta­ta a Roma dal­la casa edi­tri­ce “il Siren­te” come secon­do tito­lo del­la nuo­va e inte­res­san­te col­la­na “Altri arabi”.
La scrit­tri­ce egi­zia­na affron­ta in que­sto libro i temi che da sem­pre le sono cari, ma qui più che mai assu­me una pro­spet­ti­va pret­ta­men­te psi­chia­tri­ca che fa emer­ge­re la sua figu­ra di medi­co e di esper­ta degli intri­ca­ti mec­ca­ni­smi del­la men­te uma­na. In que­sto caso una men­te mala­ta, in pre­da ad una sor­ta di deli­rio cau­sa­to da con­di­zio­ni di vita socia­le e affet­ti­va che costrin­go­no la pro­ta­go­ni­sta ad una fuga dal­la real­tà in un’atmosfera allu­ci­na­ta di costan­te alter­nan­za fra sogno e veglia, i cui con­tor­ni si sfu­ma­no e si mesco­la­no tan­to da esse­re indistinguibili.
For­se pro­prio il back­ground da medi­co per­met­te alla el-Sa’dawy, come ad altri scrit­to­ri egi­zia­ni con­tem­po­ra­nei, di ave­re uno sguar­do qua­si cli­ni­co nei con­fron­ti del­la real­tà, come ha nota­to il gior­na­li­sta Pino Bla­so­ne, inter­ve­nu­to alla pre­sen­ta­zio­ne del libro: «Già Mah­fuz, con la sua for­te cri­ti­ca ver­so la socie­tà, era sta­to un vero mae­stro del nuo­vo rea­li­smo egi­zia­no, un filo­ne por­ta­to avan­ti dal­le ulti­me gene­ra­zio­ni di scrit­to­ri, soprat­tut­to dopo gli even­ti dell’11 set­tem­bre 2001».
Il rea­li­smo del­la el-Sa’dawy, teo­riz­za­to nel libro-inter­vi­sta Dis­si­den­za e scrit­tu­ra, tro­va pie­na rea­liz­za­zio­ne nel­le pagi­ne di que­sto roman­zo: la con­di­zio­ne del­la don­na e il suo rap­por­to con l’uomo, la rela­zio­ne fra cul­tu­ra e liber­tà, il desi­de­rio di abbat­te­re le bar­rie­re e i tabù impo­sti dal­la socie­tà e dal­la reli­gio­ne. Tut­to que­sto sen­za dimen­ti­ca­re le pro­prie radi­ci: in un con­te­sto in cui tut­to è ano­ni­mo, dai per­so­nag­gi ai luo­ghi, il richia­mo all’antica civil­tà egi­zia­na e alle sue divi­ni­tà è l’unico pun­to fer­mo, qua­si il faro ver­so cui diri­ger­si quan­do si è per­sa la rot­ta per ritro­va­re il pro­prio pas­sa­to ed esse­re così capa­ci di affron­ta­re il presente.
La pro­ta­go­ni­sta del roman­zo è un’archeologa che scap­pa dal­la trap­po­la del­la vita coniu­ga­le per anda­re alla ricer­ca del­le anti­che divi­ni­tà fem­mi­ni­li in una socie­tà domi­na­ta dagli uomi­ni e dove anche il solo pen­sa­re che esi­sta­no divi­ni­tà fem­mi­ni­li è con­si­de­ra­to un tabù. L’uomo è padro­ne indi­scus­so di tut­to e depo­si­ta­rio del sape­re asso­lu­to e la don­na vive il rap­por­to con lui come uno scon­tro con­ti­nuo. Come ha nota­to Lau­ra Pisa­no, docen­te di sto­ria del gior­na­li­smo all’università di Caglia­ri, «il mari­to appa­re qua­si sem­pre sot­to for­ma di una voce che dà ordi­ni, nasco­sto die­tro le pagi­ne di un gior­na­le, qua­si come se la stam­pa fos­se vis­su­ta come vero stru­men­to di pote­re». Il para­dos­so però è che colui che ha il pote­re incon­tra­sta­to nel pae­se, il re, è anal­fa­be­ta, men­tre la don­na, pur non essen­do padro­na nep­pu­re del pro­prio desti­no, è una ricer­ca­tri­ce. «Chie­de­re cul­tu­ra da par­te del­la don­na – secon­do la Pisa­no – signi­fi­ca infran­ge­re il mono­po­lio del pote­re e l’idea che la cul­tu­ra fos­se una col­pa, una tra­sgres­sio­ne e una devia­zio­ne, era pre­sen­te anche in Euro­pa, dove la don­na ha avu­to acces­so all’istruzione di alto livel­lo solo mol­to tardi».
«Il pro­ble­ma del libe­ro acces­so alla cul­tu­ra e alla libe­ra espres­sio­ne del­le idee in Egit­to è anco­ra pre­sen­te – ha ricor­da­to Pao­la Gar­giu­lo, del grup­po par­la­men­ta­re don­ne al Sena­to – for­se anche per que­sto le nuo­ve gene­ra­zio­ni, che nel pae­se costi­tui­sco­no la mag­gio­ran­za del­la popo­la­zio­ne, cer­ca­no nuo­ve vie, in par­ti­co­la­re quel­la vir­tua­le. Mol­ti blog­ger sono però fini­ti in car­ce­re e anche la ragaz­za che su Face­book die­de ini­zio al tam tam del movi­men­to del 6 apri­le (per la pro­cla­ma­zio­ne del­lo scio­pe­ro gene­ra­le, fini­to pur­trop­po in un fia­sco sia nel 2008 che nel 2009, ndr) è fini­ta in car­ce­re. Anche il roman­zo a fumet­ti “Metro”, che cono­sce un enor­me suc­ces­so vir­tua­le sul­la rete, è sta­to seque­stra­to dal­le librerie.
Un esem­pio posi­ti­vo del rap­por­to fra scrit­tu­ra e pote­re – ha con­ti­nua­to la Gar­giu­lo – è inve­ce quel­lo del­la maroc­chi­na Rita el-Kha­yat che nel 1999 fu la pri­ma don­na nel mon­do ara­bo a scri­ve­re una let­te­ra al re del Maroc­co riguar­do la con­di­zio­ne fem­mi­ni­le, il docu­men­to for­se più auda­ce, corag­gio­so e scon­ve­nien­te del seco­lo scor­so e che richia­mò l’attenzione del sovra­no su pro­ble­mi non pri­ma pre­si nel­la giu­sta considerazione».
Nel suo ten­ta­ti­vo di ribel­lar­si con­tro que­sto tipo di socie­tà però la pro­ta­go­ni­sta tro­va un osta­co­lo anche nel­le altre don­ne e qui sem­bra che si pos­sa intra­ve­de­re una sor­ta di cri­ti­ca, che non sareb­be nep­pu­re ingiu­sti­fi­ca­ta, nei con­fron­ti del­le don­ne ara­be, spes­so inca­pa­ci esse stes­se, a vol­te per pigri­zia e altre per pau­ra, di abbat­te­re quel­le bar­rie­re con­tro cui la el-Sa’dawy lot­ta da tempo.
«Per riu­sci­re ad infran­ge­re le bar­rie­re – ha det­to la Pisa­no – è neces­sa­rio il dia­lo­go fra le cul­tu­re, sia di tipo reli­gio­so che arti­sti­co, let­te­ra­rio e cul­tu­ra­le, con­tra­stan­do tut­to ciò che crea osta­co­li e sepa­ra­zio­ni. In que­sto sen­so le reli­gio­ni, usa­te in modo poli­ti­co, sono viste dal­la el-Sa’dawy come ele­men­to di sepa­ra­zio­ne nel loro crea­re odi, divi­sio­ni e ingiustizie».
L’autrice stes­sa, in un con­ve­gno a Roma qual­che set­ti­ma­na fa, dis­se: «Biso­gna rele­ga­re la reli­gio­ne nel­la sfe­ra pri­va­ta del­la vita e non dar­le spa­zio in quel­la pub­bli­ca. Per que­sto ben ven­ga­no ini­zia­ti­ve come quel­la del gover­no fran­ce­se, che ha proi­bi­to qual­sia­si esi­bi­zio­ne di segni reli­gio­si negli ambien­ti pub­bli­ci. La reli­gio­ne per mol­ti ver­si è diven­ta­ta un fat­to socia­le come in Egit­to, dove le ragaz­ze indos­sa­no il velo con jeans e magliet­te stret­tis­si­mi. La reli­gio­ne non è mora­li­tà, ma poli­ti­ca. Stu­dian­do le reli­gio­ni mi sono tro­va­ta di fron­te a due tipi di mora­le, una per gli uomi­ni e una per le don­ne, una per i ric­chi e una per i pove­ri e ho nota­to che la reli­gio­ne crea solo divi­sio­ni. Abbia­mo biso­gno di vive­re in un mon­do sen­za reli­gio­ne, sen­za che ciò signi­fi­chi vive­re sen­za mora­le. Al con­tra­rio, sarem­mo più uma­ni e, quin­di, più uni­ti fra di noi».
Il pro­ble­ma fem­mi­ni­le secon­do la scrit­tri­ce è, oltre che reli­gio­so, poli­ti­co: «Le don­ne sono sot­to­po­ste a for­ti pres­sio­ni in tut­to il mon­do, sia di tipo socia­le, che eco­no­mi­co e poli­ti­co, e sono ovun­que vit­ti­me dei siste­mi: in Afgha­ni­stan, dove il regi­me tale­ba­no è sta­to crea­to dai Bush, come in Ame­ri­ca, dove domi­na il fon­da­men­ta­li­smo cri­stia­no, come in Euro­pa, dove sono schia­ve del­le con­ven­zio­ni sociali».
Non aven­do dun­que nes­su­no a cui rivol­ger­si nel mon­do rea­le, la pro­ta­go­ni­sta del roman­zo si rifu­gia sia nel ricor­do del­la sua infan­zia, dove domi­na la figu­ra del­la zia devo­ta all’Immacolata, figu­ra pre­sen­te nel­la tra­di­zio­ne cri­stia­na come in quel­la musul­ma­na, sia nel mon­do ance­stra­le e for­te­men­te sim­bo­li­co del­le anti­che divi­ni­tà fem­mi­ni­li, dove anche la sfin­ge, il cui nome in ara­bo, Abu el-Hol (padre del ter­ro­re), è maschi­le assu­me iden­ti­tà fem­mi­ni­le diven­tan­do Um el-Hol (madre del ter­ro­re). È così che in un libro in cui nes­sun per­so­nag­gio è iden­ti­fi­ca­to da un nome, solo le divi­ni­tà sono defi­ni­te, esat­ta­men­te come suc­ce­de­va in alcu­ni rac­con­ti di epo­ca farao­ni­ca, come ha ricor­da­to Ema­nue­le Ciam­pi­ni, esper­to di egit­to­lo­gia dell’università “Ca’ Fosca­ri” di Vene­zia. Sekh­met, dea leo­nes­sa, prin­ci­pio divi­no ter­ri­bi­le e por­ta­tri­ce di mor­te, diven­ta qua­si alter ego del­la pro­ta­go­ni­sta. Pro­prio come lei, infat­ti, era fug­gi­ta dall’Egitto dan­do ini­zio a stra­gi ter­ri­bi­li oltre i con­fi­ni del pae­se. Lo stes­so dio sole inter­ven­ne per argi­na­re la sua ira sen­za fre­ni e la dea fu ripor­ta­ta in Egit­to con l’inganno, da un grup­po di divi­ni­tà fra cui il “bra­vo compagno”.
Il rap­por­to con l’uomo insom­ma, se pur con­flit­tua­le, risul­ta qua­si neces­sa­rio e com­ple­men­ta­re alla figu­ra fem­mi­ni­le, come sem­bra sot­tin­ten­de­re anche la el-Sa’dawy nel­le ulti­me righe del romanzo:
«Ma quan­do lo sen­tì ride­re, rise anche lei.
La vita sem­brò miglio­re di quel­lo che era sta­ta in precedenza.
Fino a quan­do l’uomo avrà la capa­ci­tà di ride­re, la don­na non avrà desi­de­rio di scap­pa­re, alme­no non que­sta not­te. Con­ti­nue­rà a dor­mi­re e doma­ni ci pro­ve­rà di nuovo”».

0