Nawal Al Saadawi a Roma il 16 aprile 2009

ROMA – Il 16 Aprile a Palazzo Valentini (Roma) l’Editrice il Sirente presenta L’amore ai tempi del petrolio di Nawal al-Sa’dawi. Parteciperanno all’incontro l’on. Luisa Morgantini (vice presidente del Parlamento Europeo), l’on. Gemma Azuni (Consigliere Comune di Roma), Laura Pisano (ordinario di Storia del giornalismo presso l’Università di Cagliari) ed Emanuele M. Ciampini (ricercatore di Egittologia presso la “Cà Foscari” di Venezia).

*** INVITO [JPG] [PDF] ***

“Partì alla ricerca del suo orgoglio perduto. Aveva l’orgoglio di un animale che si impunta con le zampe e non vuole più camminare. Lei non era una donna né per la cucina né per il letto, non conosceva a memoria le canzoni che le donne cantano quando stanno in bagno. Non capiva nemmeno la passione che poteva suscitare nel cuore del marito l’osservarla mentre cucinava il cavolo ripieno. Inoltre, non sbatteva le ciglia quando il datore di lavoro, o Sua Maestà, la guardavano”

L’incontro si terrà alle ore 16,00 nella Sala Placido Martini (situata al piano terra di Palazzo Valentini, via IV Novembre n. 119/A). Nel corso della presentazione verranno proiettati due brevi video esplicativi dell’attività di Nawal al-Sa’dawi, l’intellettuale laica più influente del mondo arabo contemporaneo. INGRESSO LIBERO.

« Più di ogni altra donna, Nawal El Saadawi incarna le sofferenze del femminismo arabo. » San Francisco Chronicle

Un testo visionario. Un racconto spettacolare, inaspettatamente avvincente, ricco di tensione e curiosità per il destino della  protagonista.

In un oscuro regno del petrolio un’archeologa scompare senza lasciare traccia. La polizia che indaga si chiede se fosse una ribelle o una donna dalla dubbia morale, in un paese nel quale  nessuna donna ha mai osato abbandonare casa e marito, disobbedendo alle regole. Quando finalmente riappare lascia il marito per stare con un altro uomo… Una storia d’amore intrigante e insospettabile, densa di mistero. Un’educazione sentimentale e un viaggio di autocoscienza di una donna araba in un paese autoritario.
Un uomo può uscire e non tornare per sette anni e solo dopo quella data la donna può chiedere la separazione. Mentre per una donna una sola notte è sufficiente per lanciare l’allarme e gridare allo scandalo.
Pubblicato in varie antologie e tradotto in più di 20 lingue, in questo racconto Nawal al-Sa’dawi si interroga sul ruolo della donna in un ordine repressivo e patriarcale.
L’amore ai tempi del petrolio insieme a diversi altri romanzi della Saadawi sono stati censurati dalla massima istituzione religiosa egiziana Al Azhar, che dopo pochi mesi dalla pubblicazione ne ha ordinato il ritiro da tutte le librerie egiziane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.