Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra (S. Sukkar)

 15,00

SCHEDA LIBRO | EBOOK
TRADUZIONE DALL’INGLESE DI BARBARA BENINI

“Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra” racconta le intime sofferenze di una famiglia nel bel mezzo della guerra civile con un’empatia non comune, e con grande forza immaginativa.

Sumia Sukkar

Sumia Sukkar

“Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra ha … il grande pregio di rappresentare con uno sguardo inedito e sorprendente una delle più terribili crisi umanitarie del nostro tempo” Avvenire

Adam è un quattordicenne, affetto dalla sindrome di Asperger, che cerca di capire il conflitto siriano e i suoi effetti sulla propria vita, dipingendo le sue emozioni. Yasmine, la sorella maggiore, dedica la sua vita a lui, ma deve far fronte anche ai suoi traumi personali. I loro tre fratelli sono combattuti se prendere parte o meno al conflitto e sulle conseguenze che potrebbe avere questa scelta. Un reportage letterario pieno di colori da un luogo imprevedibile e spaventoso. Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra racconta le intime sofferenze di una famiglia nel bel mezzo della guerra civile siriana con un’empatia non comune, e con grande forza immaginativa.

The Boy From Aleppo Who Painted the War chronicles the intimate sufferings of a family in the midst of civil war with uncommon compassion, with and imaginative force. Told mainly from a 14-year-old boy with Asperger Syndrome who attempts to understand the Syrian conflict and its effect on his life by painting his feelings. The novel achieves the timeless dignity of a true report from an unpredictable and frightening place. Sukkar believes that the role of the Syrian artist today “is essential, in that we must portray the beauty that still exists in Syria despite the current war. Art is a powerful vehicle for expressing many things, and through my novel and Adam’s paintings I worked on expressing the inexpressible, because what may be lost in translation can be revived in art.”

The boy from Aleppo who painted the war raconte les souffrances intimes d’une famille dans le milieu de la guerre civile avec rare empathie, vigueur et imagination. Raconté du point de vue d’un garçon de 14 ans avec le syndrome d’Asperger qui tente de comprendre le conflit syrien et son effet sur sa vie en peignant ses émotions. Un reportage littéraire plein de couleurs d’un endroit à imprévisibles et effrayant. Sukkar estime que le rôle de l’artiste syrienne aujourd’hui “est essentiel, que nous devons dépeindre la beauté qui existe encore en Syrie malgré la guerre actuelle. L’art est un puissant véhicule pour exprimer beaucoup de choses, et à travers mon roman et les tableaux de Adam je essayé d’exprimer l’inexprimable, car ce qui peut être perdu dans la traduction peut revivre à travers l’art “.

Autore / Author


Sumia SukkarSumia Sukkar (Londra, 1992) è una giovanissima scrittrice britannica, figlia di padre siriano e madre algerina. Essere una scrittrice è sempre stato il suo sogno, che è diventato realtà frequentando il corso di laurea in Scrittura Creativa, alla Kingston University di Londra, dove tra i docenti ha incontrato il Dr. Todd Swift – poeta britannico-canadese e direttore della Casa Editrice Eyewear – che, estremamente impressionato dai suoi scritti, ancora sotto forma di work in progress all’epoca, l’ha incentivata a perseverare offrendole un contratto di pubblicazione. Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra è stato ufficialmente presentato a Londra nel 2013, il giorno dopo la cerimonia di laurea di Sumia. Un anno dopo, il canale 4 della BBC, ha trasmesso il riadattamento radiofonico nel corso del famoso programma “Saturday Drama”. Il libro è stato accolto con grande plauso dalla critica e ha ricevuto molteplici menzioni su varie testate nazionali come Irish Times, BBC e diverse piattaforme dedicate alla letteratura. Attualmente Sumia Sukkar lavora come redattore per un agenzia pubblicitaria e, al contempo, scrive il suo secondo romanzo, un thriller romantico ambientato a Londra, il cui tema principale sarà la solitudine.

Sumia Sukkar  (London, 1992) is a British writer, daughter of a Syrian father and Algerian mother. Being a writer has always been her dream, a dream that came true while attending her creative writing course for her BA at Kingston University in London, where she met Dr. Todd Swift – the Canadian-British poet, director of Eyewear Publishing, and one of her lecturers – who was incredibly impressed by her writing. A work in progress at that time, he gave her the incentive of a publishing contract, in order to push her to go on and publish ‘The boy from Aleppo who painted the war’, which was officially launched in London, the day after her graduation ceremony in 2013. A year later the book has been adapted into a radio play by BBC Radio 4, translated into foreign languages, selected as the Irish Times book of the week last year, and has received critical acclaim over the years from The TLS, The Sunday times, The Irish Times, BBC and many more literary platforms. Sumia is now working as a copywriter at an advertising agency, in the meanwhile she is writing her next novel which will be set in London and will be a romantic thriller that focuses on the theme of loneliness.

Traduttore / Translator


Barbara Benini

Barbara Benini

Barbara Benini (Ferrara, 10/10/1969) è attualmente responsabile della sezione culturale del Comitato Provinciale di Ferrara dell’Associazione Italiana Cultura Sport (A.I.C.S.), dove sin dal 2011 si occupa come volontaria dei progetti legati all’intercultura e gli adolescenti. Precedentemente ha insegnato l’italiano come lingua straniera al Cairo, in Egitto, dove ha abitato per dieci anni dedicandosi, al contempo, a coltivare la sua grande passione scoprire i talenti emergenti nel campo della letteratura araba. Grazie agli anni trascorsi a contatto con la giovane intellighenzia egiziana, si è sviluppato in lei un gusto particolare per la letteratura “fuori dagli schemi”, che si riflette anche nelle opere da lei sinora tradotte.

Barbara Benini (Ferrara, Italy, 10/10/1969) is currently the head of the Cultural Section of Ferrara’s branch of the Italian Association for Culture and Sport, where, since 2011, she has been working on intercultural projects focusing on teenagers. Before that she spent ten years in Cairo (Egypt) teaching Italian as a foreign language and in the meanwhile focusing on her passion: discovering emerging Arab voices in the literary field. Thanks to her years in deep contact with the Egyptian young intellighenzia she developed a taste for a kind of literature “out of the main stream”, which does reflects too on the works she translated up to know.

Peso 0.20 kg
Dimensioni 15 x 21 x 0.8 cm
ISBN

978-88-87847-57-4

Lingua / Language

Italiano / Italian

Lingua originale / Original language

Inglese / English

Titolo originale / Original title

The Boy From Aleppo Who Painted The War (London, 2013)

Traduzione / Translation

Barbara Benini

Foliazione / Pagination

VIII-184 pp., b/n

Prima edizione / First edition

16/09/2016

Rassegna stampa / Press


  • “Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra” di Sumia Sukkar, Spazio Asperger ONLUS, 26/09/2016
  • Novità editoriale: “Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra” di Sumia Sukkar, ARABPRESS, 26/09/2016
  • La Siria delle seconde generazioni al Pisa Book Festival, ARABPRESS, 10/11/2016
  • IL RAGAZZO DI ALEPPO CHE HA DIPINTO LA GUERRA, Lankenauta, 02/10/2016
  • Pisa Book Fest apre finestra su Siria con Hamadi e Sukkar, ANSAmed, 07/11/2016
  • il ragazzo di Aleppo al Pisa Book Festival, Radio Eco, 14/11/2016
  • “Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra” Sumia Sukkar, SaltinAria, 13/11/2016
  • intervista a Sumia Sukkar, Radio 3 Mondo, 24/11/2016
  • Appunti da un bordello turco (passando per New Orleans, Aleppo e Bucarest), il Fatto quotidiano, 29/11/2016
  • Sumia Sukkar, c’è un ragazzo che ha visto morire i colori di Aleppo, Francesca Paci, La Stampa, 09/01/2017
  • La guerra filtrata dai colori di Adam, Laura Badaracchi, SuperAbile, Gennaio 2017
  • La guerra di Aleppo vissuta con la sindrome di Asperger, Francesca Bellino, Reset, 11/01/2017
  • Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra, Lisa Puzella, Mangialibri, 11/01/2017
  • Intervista a Sumia Sukkar, Lisa Puzella, Mangialibri, , 11/01/2017
  • Il romanzo di Sumia Sukkar. Il dramma «a colori» di Aleppo, Riccardo Michelucci. Avvenire, 08/01/2017
  • Spazio ai lettori, dal Blog di Rachel Sandman, 12/01/2017
  • Leggere Sumia Sukkar a lume di candela, lume di candela, Maria Emilia Piccone, 20/01/2017
  • il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra, Tea Time Translation, Annateresa, 25/01/2017
  • Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra, Leggere:Tutti, Paquito Catanzaro, gennaio/febbraio 2017
  • Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra, Accaparlante, Annalisa Brunelli, 26/02/2017
  • Intervista con la giornalista e scrittrice Francesca Paci che ci parla di “Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra”, RadioLibri, Federica Manzitti, 01/03/2017
  • La Siria negli occhi di un bambino, Dialoghi Mediterranei, Marta Bellingreri, Marzo 2017
  • “Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra” di Sumia Sukkar: ma la guerra che colore ha?, Oubliette Magazine, Katia Debora Melis, Aprile 2017
  • Recensioni

    Ancora non ci sono recensioni.

    Recensisci per primo “Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra (S. Sukkar)”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *