Faïza Guène ospite al Festival Mediterraneo Downtown

Faïza Guène autrice di “Un uomo non piange mai” il 6 maggio a Mediterraneo Downtown (5–6-7 Maggio)

In con­co­mi­tan­za con l’uscita del libro “Un uomo non pian­ge mai” l’autrice par­te­ci­pe­rà ad un incon­tro di pre­sen­ta­zio­ne il 6 mag­gio all’interno del Festi­val Medi­ter­ra­neo Downtown

Medi­ter­ra­neo Down­to­wn: dia­lo­ghi, cul­tu­re e socie­tà si ter­rà il pri­mo week end di mag­gio (5–6 e 7 mag­gio) e, que­sta vol­ta, si trat­te­rà di una paci­fi­ca e ani­ma­ta inva­sio­ne del cen­tro sto­ri­co di Prato.

Il quar­tier gene­ra­le dell’evento sarà il com­ples­so del­la Ex Cam­pol­mi, tra il Museo del Tes­su­to e la Biblio­te­ca Laz­ze­ri­ni, ma saran­no le stra­de, le piaz­ze, i tea­tri, i cine­ma, i musei e le libre­rie di tut­ta la cit­tà ad esse­re pro­ta­go­ni­sti di una mani­fe­sta­zio­ne che assu­me­rà i con­no­ta­ti di un festi­val popo­la­re, di una ope­ra­zio­ne cul­tu­ra­le e divul­ga­ti­va, con una offer­ta che spa­zie­rà tra incon­tri pub­bli­ci con testi­mo­nial auto­re­vo­li, arte con­tem­po­ra­nea, con­cer­ti, libri, cine­ma, atti­vi­tà per bam­bi­ni, incon­tri di gio­va­ni stu­den­ti, atti­vi­tà sportive.

Al cen­tro dei dibat­ti­ti del talk show e del­le pre­sen­ta­zio­ni di libri, ci saran­no come al soli­to i diritti, decli­na­ti sui “fem­mi­ni­smi”, dirit­ti del­le don­ne ed Lgb­ti nel Medi­ter­ra­neo, le eco­no­mie e le rela­zio­ni eco­no­mi­che soste­ni­bi­li, gio­va­ni e inno­va­ti­ve, la liber­tà di espres­sio­ne vista attra­ver­so i fumet­ti e la gra­phic novel e, natu­ral­men­te, le migra­zio­ni: affron­ta­te que­sta vol­ta da una pro­spet­ti­va par­ti­co­la­re ovve­ro, “quan­do la migrazio­ni bus­sa­no alla tua porta”.

Al Festi­val pres­so ex fab­bri­ca Cam­pol­mi, di fron­te al Museo del Tes­su­to tro­ve­re­te anche la libre­ria con tut­ti i tito­li del­le col­la­ne Altria­ra­bi e Altria­ra­bi Migran­te dell’editrice il Sirente. 

Un uomo non piange mai : Faïza GuèneFaï­za Guè­ne pub­bli­ca il suo pri­mo libro all’età di 19 anni (Kif­fe Kif­fe, demain, 2004). Accol­to come il pro­to­ti­po del nuo­vo roman­zo “socia­le” fran­ce­se. L’autrice diven­ta, così, la por­ta­vo­ce di un disa­gio tut­to fran­ce­se, quel­lo dei “ban­lieu­sards”. “Un uomo non pian­ge mai” è il suo ulti­mo libro e quel­lo a cui è più affezionata.

Rac­con­ta con gar­bo e sen­si­bi­li­tà la sto­ria di una fami­glia alge­ri­na emi­gra­ta in Fran­cia. Sen­za giu­di­zio e sen­za durez­za, Faï­za Guè­ne si inter­ro­ga sul­la tra­di­zio­ne fami­lia­re e sul­la que­stio­ne del­la libertà.

«Tra­dot­ta in 26 lin­gue, 400.000 copie ven­du­te, Faï­za Guè­ne si è impo­sta come una del­le voci più ori­gi­na­li del­la let­te­ra­tu­ra fran­ce­se contemporanea.»

 

0

Spazio alla redazione con un contributo di Peter de Kuster

The Heroine’s Journey of Chiarastella Campanelli

di Peter de kuster 

What is the best thing that I love about my work?

Invent pro­jec­ts I belie­ve in and be able to rea­li­ze them

What is my idea of per­fect happiness?

Living in the pre­sent rejoi­cing each instant without thin­king of the moment after

What is my grea­te­st fear?

Stop drea­ming

What is the trait that I most deplo­re in myself?

Don’t belie­ve enou­gh in myself

Which living per­sons in my pro­fes­sion do I most admire?

I appre­cia­te various peo­ple for the strength and the pas­sion they put into their work such as Saphia Azzed­di­ne, the author we have just publi­shed, in per­fect balan­ce in her art and in its rea­li­za­tion as a woman.

What is my grea­te­st extravagance?

Take the time off and relax

On what occa­sion would I lie?

If it is neces­sa­ry to keep calm tho­se around me

What is the thing that I disli­ke the most in my work?

The human fac­tor when orga­ni­zing even­ts and authors deny their presence.

When and whe­re was I the hap­pie­st, in my work?

In my offi­ce last year when we found out to have been selec­ted by the Euro­pean Union for the lite­ra­ry trans­la­tion pro­ject, and I was the one who crea­ted the project.

If I could, what would I chan­ge about myself?

Mood swings

What is my grea­te­st achie­ve­ment in work?

Mana­ged throu­gh my work to influen­ce the publi­shing pano­ra­ma of my coun­try with our publications.

Whe­re would I most like to live?

Hap­py with my fami­ly in any place

What is my most trea­su­red possession?

The abi­li­ty to dream, to have pas­sion, to find the beau­ty in eve­ry­thing, plan and be skil­led in public relations.

What is my most mar­ked characteristic?

Being a lit­tle naïf and genuine

What is my most inspi­ra­tio­nal loca­tion, in my city?

The sights like the gar­den of oran­ge trees or clim­bing on the many church towers and see my city from abo­ve. Rome is the Eter­nal City, but the inspi­ra­tion is always within us.

What is my favou­ri­te pla­ce to eat and drink, in my city?

La Madia a small bar in the Tor­ri­no area (Rome)

What books influen­ced my life and how?

La coscien­za di Zeno” that I read when I was 16; it made me rea­li­ze that it is human to have weaknesses.

Who are my favo­ri­te writers?

Ita­lo Sve­vo, Pier Pao­lo Paso­li­ni, Orhan Pamuk, Susan Vreeland.

Who is my hero or heroi­ne in fiction?

Mar­cel­lo Mastroianni

Who are my heroes and heroi­nes in real life?

Peo­ple who have ener­gy and know how to tran­smit it.

Which movie would I recom­mend to see once in a lifetime?

Bla­de Run­ner” and “8 e ½”

What role plays art in my life and work?

Art is the focus of my life.

Who is my grea­te­st fan, spon­sor, part­ner in crime?

Festi­vals and Book Fairs.

Whom would I like to work with in 2017?

San­ta Mad­da­le­na Foun­da­tion and some forei­gn publi­shers for chil­dren who deve­lop cer­tain issues rela­ted to fai­ry tale and art.

Which peo­ple in my pro­fes­sion would I love to meet in 2017?

All our authors

What pro­ject, in 2017, am I loo­king for­ward to work on?

Start to open the way for new publi­shing pro­jec­ts. Open our cata­lo­gue to publi­ca­tions for chil­dren with a ‘Wal­dorf line’, to dream and bring to life the most remo­te part of the soul.

Whe­re can you see me or my work in 2017?

Medi­ter­ra­neo Down­to­wn Festi­val (Firen­ze, Pra­to 5–7 May) Salo­ne del Libro di Tori­no (Tori­no, 18–21 May) Festi­val Nues (Caglia­ri, Novem­ber 2) Più Libri Più Libe­ri (Decem­ber, Rome).

What do the words “Pas­sion Never Reti­res” mean to me?

The pas­sion is the base that sup­ports ideas.

Which crea­ti­ve heroi­nes should Peter invi­te to tell their story?

The wri­ter Sel­ma Dab­ba­gh in publi­ca­tion for our publi­sher for Sep­tem­ber 2017 (il Siren­te / Altria­ra­bi Migran­te series)

0

La letteratura è una sfida – intervista allo scrittore iracheno Hassan Blasim

C maga­zi­ne | Lune­dì, 31 mar­zo 2014 | Agne­se Troc­chi |

Agli invi­ti dei pochi ami­ci cri­ti­ci rispon­de­va citan­do lo scrit­to­re unghe­re­se Béla Ham­vas: “In casa impa­ri a cono­sce­re il mon­do, men­tre in viag­gio impa­ri a cono­sce­re te stes­so.” A qua­si cin­quan­ta­set­te anni, Kha­led al-Ham­rà­ny non ave­va mai lascia­to la sua cit­ta.” (Has­san Bla­sim, Il Mer­ca­to del­le Sto­rie in Il Mat­to di Piaz­za del­la Liber­tà, il Siren­te ed.)

Se Kha­led al-Ham­rà­ny, per­so­nag­gio del rac­con­to Il Mer­ca­to del­le Sto­rie, non si è mai mos­so dal­la piaz­za del mer­ca­to del­la sua cit­tà, lo stes­so non si può dire del suo auto­re, lo scrit­to­re ira­che­no Has­san Bla­sim. Con­ti­nua a leggere →

0

L’autunno siriano secondo Golan Haji

Fron­tie­re News | Mer­co­le­dì 11 dicem­bre 2013 | Moni­ca Ranieri |

Incon­tro Golan Haji, poe­ta cur­do siria­no, a Baridove è sta­to invi­ta­to per pre­sen­ta­re la sua rac­col­ta di poe­sie “L’autunno qui, è magi­co e immen­so”, edi­ta da “Il Siren­te”. Ho il libro tra le mani e lo sguar­do con­ti­nua a sof­fer­mar­si su alcu­ni ver­si che ave­vo sot­to­li­nea­to leg­gen­do­lo. “La mia ombra, appe­na calpestata/ si ripa­ra sot­to di me/ e le mie parole/che sono il mio deser­to e mi fan male/si accam­pa­no intor­no a me”. L’espressione degli occhi di Haji men­tre mi rac­con­ta del­la Siria, dei dirit­ti del popo­lo cur­do, e del suo muo­ver­si lun­go ed oltre i con­fi­ni del­le scrit­tu­re e del­le lin­gue, e il tono vibran­te del­la sua voce, mi han­no con­dot­to ami­che­vol­men­te lun­go i sen­tie­ri che le paro­le accam­pa­te trac­cia­no attra­ver­sa­no il deser­to.  Con­ti­nua a leggere →

0

Golan Haji — Every Writing is a Translation

Prai­rie Schoo­ner | Dome­ni­ca 16 giu­gno 2013 |

Photo of Golan Haji; Photo Credit: Mikel KruminsA patho­lo­gi­st and doc­tor, Golan Haji’s lite­ra­ry career inclu­des seve­ral col­lec­tions of poe­try; an Ara­bic trans­la­tion of Robert Louis Stevenson’s clas­sic, The Stran­ge Case of Dr. Jekyll & Mr. Hyde; and nume­rous appea­ran­ces at festi­vals world­wi­de. His fir­st col­lec­tion won the al-Maghut pri­ze and his late­st, A Cold Fara­way Home, will be publi­shed soon in Bei­rut. He lived in Dama­scus until he had to flee his coun­try in 2011. He set­tled in France.

It is hard to belie­ve that I met this Syrian/Kurdish poet two years ago in May 2011 as the cri­sis in Syria was only just begin­ning. It sad­dens me that it has con­ti­nued to be so bloo­dy for so long. When I met Golan we were in Bei­rut with Reel Festi­vals and he had no idea if he would be able to go back to his home as the bor­ders were often clo­sed and the road was dan­ge­rous. It was a stres­sful time to be in the region wor­king on trans­la­tions with the­se gene­rous and embat­tled poe­ts. Despi­te the stri­fe, we mana­ged to crea­te a free e-book of new Syrian and Leba­ne­se poe­try in trans­la­tion. Golan’s poe­tic gra­ce and thought­ful­ness con­ti­nues to be relevant.

Golan Haji: I think that eve­ry wri­ting is a trans­la­tion. For me as a Kurd, I talk in Kur­dish but I wri­te in Ara­bic. But it’s not as sim­ple as that, and I think that’s what’s going on in the poet’s head. Some­thing is lost, and the wri­ting is always incom­ple­te. When you try to find the right word or the right ima­ge, and it’s not always pos­si­ble, the poem takes its beau­ty from this pro­cess of imper­fec­tion. It’s always imper­fect, and that’s why the wri­ting never ends. Just as the idea of iden­ti­ty ends in death, when one is dead, that’s his final iden­ti­ty. One is always loo­king for others in other pla­ces and languages.

Trans­la­tion is a pro­cess of chan­ging pla­ces whi­le you are in the same pla­ce. It’s not rein­car­na­tion, or just to imi­ta­te the others. It’s the stran­ger who comes to your hou­se, is wel­co­med, is invi­ted, and you know that he will chan­ge you in a very secret way, even throu­gh silen­ce. And this deep, slow chan­ge that trans­la­tion gives is very impor­tant. I think that wri­ting, throu­gh the histo­ry of lite­ra­tu­re, was always influen­ced by trans­la­tions. I can­not see the modern poe­try of any pla­ce in the world [without] trans­la­tions;  that’s impos­si­ble. Modern Arab poe­try is influen­ced by English, Ame­ri­can, French, Japa­ne­se, and Ger­man poe­try, and I think in Ger­ma­ny and England it’s the same. This trans­la­tion makes poe­try more pre­ci­se to work with.

To trans­la­te poe­try well, you need to know what’s going on in the world, and that your roo­ts are eve­ry­whe­re, in all con­ti­nen­ts. Trans­la­tion is not just moving the words from lan­gua­ge to lan­gua­ge; it’s also the move­ment of the sha­dow of mea­ning, how you must be pre­ci­se to cap­tu­re the sen­sa­tions, the ima­ges. You are una­ware when you have chan­ged, and you don’t know how.

RVW: You can trans­la­te eve­ry word in a poem and still not have a poem. I like the notion that you’re trans­la­ting your­self. As a Syrian poet in the cur­rent cli­ma­te , you’ve said befo­re that “being ali­ve is a poe­tic act,” and I’m just won­de­ring how the even­ts in Syria are affec­ting your work?

GH: I think that poe­try in gene­ral is a poli­ti­cal act, anti-poli­tics. When you wri­te any poem, when you’re tal­king about any­thing, it’s a poli­ti­cal act. But what’s been going on in Syria in the past two mon­ths is very new for the Syrian peo­ple. For the fir­st time in four or five deca­des, peo­ple are in the street demon­stra­ting. That is very beau­ti­ful and ter­ri­fy­ing at the same time. You are in the street and afraid of being kil­led… I was ama­zed by such cou­ra­geous young peo­ple in the streets.

And when I see the death of a young man, when I see that beau­ty pass away, I feel com­ple­te­ly hel­pless. I’m una­ble to do any­thing, and that’s why my mind stop­ped for a who­le month, wat­ching tele­vi­sion, the Inter­net, I was una­ble to wri­te. I tried to arran­ge my ideas, just to con­trol this big con­fu­sion, but some­ti­mes I feel asha­med to be using words when such beau­ti­ful peo­ple are kil­led and you can­not do any­thing for them. Many friends and I who are wri­ters, poe­ts, and pain­ters suf­fer from the same cir­cum­stan­ces. Peo­ple in the street do not know us; I wri­te for them, but they do not read me. I wri­te for some peo­ple who I dream of, and I know them like they are my bro­thers and friends. And they chan­ged me.

It’s just two mon­ths but it feels like two years.  I look at my own coun­try in a dif­fe­rent way:  I know that Syria is going to chan­ge, and my only hope is not to see any more blood­shed, any more peo­ple thro­wn in jail, peo­ple who are afraid to talk, afraid to wri­te. Actual­ly fear is a great chain in the histo­ry of man. If you want to descri­be some­thing that is unu­sual psy­cho­lo­gi­cal­ly, it’s very impres­si­ve and at the same moment sad and cheer­ful; the­re are mixed fee­lings. Many peo­ple need time to see. Now, the situa­tion in Syria is com­ple­te­ly blur­red and con­fu­sed, but some­thing beau­ti­ful is coming out, and coming out soon, I hope.


For the com­ple­te inter­view, you can listen to the ori­gi­nal pod­ca­st at the Scot­tish Poe­try Library.

Watch “Road to Dama­scus,” a short film by Roxan­na Vilk fea­tu­ring Golan Haji.

Ryan Van Win­kle is a poet, per­for­mer, and cri­tic living in Edin­bur­gh. The­se inter­views are from his Scot­tish Poe­try Libra­ry pod­casts pro­du­ced and edi­ted by Colin Fra­ser. This team also pro­du­ces the arts pod­ca­st The Mul­ti-Colou­red Cul­tu­re Laser. He was awar­ded a Robert Louis Ste­ven­son fel­lo­w­ship for wri­ting in 2012.

0

Graphic Novelist Magdy El Shafee Arrested Near Clashes

| Ara­bic Lite­ra­tu­re | Saba­to 20 apri­le 2013 | Mly­n­x­qua­ley |

Accor­ding to mul­ti­ple sour­ces, Mag­dy El Sha­fee was one of 39 arre­sted yester­day at Abdel Moneim Riya­dh Squa­re: Youm7 repor­ted that El Sha­fee — god­fa­ther of the Egyp­tian gra­phic novel, who faced trials and other hurd­les for his ground-brea­king Metro – was arre­sted when he went down to try to stop the cla­shes yester­day. He was appa­ren­tly arre­sted at random.
Dar Merit Publi­sher Moham­mad Hashem said on Face­book that El Sha­fee was accu­sed of per­pe­tra­ting vio­len­ce. Al Mogaz quo­ted author Moham­mad Fathi as say­ing El Sha­fee didn’t try to esca­pe from poli­ce “becau­se he didn’t do anything.”
Other nove­lists said on Face­book that El Sha­fee was being inter­ro­ga­ted today at Abdeen Court. It also appea­red El Sha­fee may have been inju­red in the clashes.

0

Egitto: Al Khamissi, Usa e Ue frenino colpo di stato Morsi

ANSA­med | Mer­co­le­dì 5 dicem­bre 2012 | Lucia­na Borsatti |

”Gli Sta­ti Uni­ti e l’Europa, che han­no soste­nu­to Mor­si, devo­no ora man­dar­gli un mes­sag­gio chia­ro: che sono con­tra­ri ad un col­po di sta­to come quel­lo che sta com­pien­do”. Kha­led Al Kha­mis­si — scrit­to­re noto per il suo best-sel­ler ”Taxi”, tra­dot­to in più’ lin­gue — non usa mez­zi ter­mi­ni sul­le respon­sa­bi­li­tà dell’Occidente nel­la deri­va che l’Egitto ha pre­so in que­sti mesi, con gli ulti­mi col­pi di mano del pre­si­den­te Moha­med Mor­si sul pia­no isti­tu­zio­na­le ed i san­gui­no­si scon­tri di piaz­za tra suoi oppo­si­to­ri e sostenitori.

Gli Sta­ti Uni­ti in par­ti­co­la­re, sot­to­li­nea in un’intervista ad ANSA­med, han­no gran­di respon­sa­bi­li­tà nell’aver soste­nu­to il pre­si­den­te espres­so dai Fra­tel­li Musul­ma­ni. La sua ele­zio­ne e’ sta­ta il pun­to di arri­vo, osser­va, di una tran­si­zio­ne affi­da­ta all’esercito e rive­la­ta­si ”disa­stro­sa” per l’Egitto. Negli ulti­mi mesi Mor­si ha infat­ti por­ta­to avan­ti ”un coup d’etat”, denun­cia, con­tro gli altri pote­ri del­lo sta­to e le altre for­ze poli­ti­che. Insie­me ai Fra­tel­li Musul­ma­ni, ”ha pre­so tut­ti i pote­ri nel­le sue mani e pro­vo­ca­to una vera e pro­pria bat­ta­glia nel­le stra­de del Pae­se. Il regi­me ha per­so ogni legit­ti­mi­tà e quel­la di que­sti gior­ni e’ una situa­zio­ne di vero e pro­prio scon­tro con il popo­lo egi­zia­no”. Uno scon­tro in cui vi sono sta­ti anche i mor­ti di sta­se­ra, ma anche gesti come quel­li di un atti­vi­sta dei Fra­tel­li Musul­ma­ni che — rife­ri­sce dal­la sua casa del Cai­ro, men­tre si pre­pa­ra a tor­na­re anche lui a mani­fe­sta­re — avreb­be addi­rit­tu­ra taglia­to un orec­chio ad un oppositore.

Eppu­re vi sono sta­te del­le aper­tu­re da par­te dell’entourage di Mor­si alle istan­ze dell’opposizione, come si pos­so­no valu­ta­re? ”Noi voglia­mo fat­ti, non paro­le — rispon­de al Kha­mis­si, che in Taxi rac­col­se gli umo­ri dell’uomo del­la stra­da del Cai­ro pri­ma del­la rivo­lu­zio­ne -. Anche pri­ma Mor­si ave­va pro­mes­so che ci sareb­be sta­ta una nuo­va Costi­tu­zio­ne con­di­vi­sa da tut­ti, e cosi’ non e’ sta­to”. Eppu­re, Mor­si ha avu­to l’appoggio del voto popo­la­re alle ele­zio­ni. ”Dove­te ricon­si­de­ra­re que­sta idea del voto — rilan­cia — io non ho vota­to, e cosi’ mol­ti altri, perché non pote­va­mo accet­ta­re di dover sce­glie­re tra un can­di­da­to dei Fra­tel­li Musul­ma­ni ed un uomo come Sha­fik, del vec­chio regi­me di Muba­rak”. E chi ha vota­to per Mor­si lo ha fat­to pro­prio per­ché’ non vole­va Sha­fik, aggiun­ge, oppu­re per ave­re il ”dena­ro” che i Fra­tel­li Musul­ma­ni pote­va­no garan­ti­re loro.

Ma ora Euro­pa e Sta­ti Uni­ti non pos­so­no sta­re a guar­da­re e ”devo­no par­la­re chia­ro — con­clu­de lo scrit­to­re -. Deve ripar­ti­re il dia­lo­go con gli altri par­ti­ti poli­ti­ci per una tran­si­zio­ne paci­fi­ca e per una nuo­va Costi­tu­zio­ne di tutti”.

0

Il cambiamento è irreversibile presto toccherà anche la politica

La Repub­bli­ca | Saba­to 16 giu­gno 2012 | Dona­tel­la Alfonso |

LA LIBERTÀ ha sem­pre un prez­zo ma, avver­te Kha­led al Kha­mis­si, scrit­to­re e regi­sta cai­ro­ta che con il suo bestsel­ler Taxi (tra­dot­to in Ita­lia da “il Siren­te”) ha dato voce a pro­te­ste, sen­ti­men­ti, desi­de­ri del popo­lo egi­zia­no negli ulti­mi anni del regi­me di Hosni Muba­rak, «ormai è ini­zia­to un pro­ces­so irre­ver­si­bi­le, in Egit­to come negli altri Pae­si ara­bi. Pos­so­no anche veni­re i mili­ta­ri, può gover­na­re Sha­fiq, ma quel­la che è già una for­te tra­sfor­ma­zio­ne socia­le diven­te­rà, nell’ arco di due o tre anni, anche poli­ti­ca. È una rivo­lu­zio­ne sen­za par­ti­ti, pro­gram­mi, lea­der, ma è un per­cor­so di liber­tà. La stra­da è lun­ga, aspet­ta­te­ci: tra die­ci anni ci vedre­te». Kha­led al Kha­mis­si, si può par­la­re di un gol­pe in Egit­to? «La stam­pa occi­den­ta­le ado­ra i ter­mi­ni for­ti, ma io non la pen­so così. Se devo dire la veri­tà, non me ne impor­ta nul­la di quel­lo che acca­de sul­la cima del­la pira­mi­de, per­ché io guar­do alla base del­la pira­mi­de. Non inte­res­sa a me e non inte­res­sa alla gen­te. Che tor­ni Sha­fiq, che i mili­ta­ri pren­da­no il pote­re… sarà solo un pro­ble­ma di ver­ti­ce. I cam­bia­men­ti socia­li ormai sono irre­ver­si­bi­li». Ritor­no dei vec­chi gover­nan­ti, vit­to­ria dell’ Islam radi­ca­le un po’ dap­per­tut­to: la pri­ma­ve­ra ara­baè fini­ta? «Lo ripe­to dal gen­na­io del 2011: non c’ è nes­su­na pri­ma­ve­ra ara­ba, ma un cam­bia­men­to socia­le che con­ti­nua e por­te­rà a una vera tra­sfor­ma­zio­ne di tut­ti i nostri Pae­si entro una deci­na d’ anni. La gen­te sa che ci vuo­le tem­po, ma ha fidu­cia nel lun­go perio­do. Non teme né Sha­fiq, né i Fra­tel­li musul­ma­ni per­ché cre­de nel­la liber­tà, che gli isla­mi­sti inve­ce com­bat­to­no. Sha­fiq vuo­le veni­re? Bene, che ven­ga. Non cam­bie­rà quan­to sta acca­den­do alla base del­la socie­tà». Da quan­to lei dice sem­bra che i mili­ta­ri sia­no qua­si dei garan­ti del­la tra­sfor­ma­zio­ne: non teme inve­ce una guer­ra civi­le come ci fu in Alge­ria? «No, è pas­sa­to mol­to tem­po, la sto­ria è diver­sa, c’ è Inter­net, c’ è la pos­si­bi­li­tà di espri­mer­si e il corag­gio di far­lo. Inol­tre, non c’ è un nuo­vo pote­re isla­mi­co, i movi­men­ti radi­ca­li, negli anni, sono sta­ti soste­nu­ti e finan­zia­ti sia da Sadat che, soprat­tut­to, da Muba­rak. E, per quan­to riguar­da il Con­si­glio supre­mo del­le For­ze arma­te, non vedo la pos­si­bi­li­tà di una sfi­da tra il ritor­no al pote­re dell’ Ancien régi­me e un nuo­vo pote­re isla­mi­co. Ci sono inte­res­si poli­ti­ci e finan­zia­ri da difen­de­re, ser­ve una sta­bi­li­tà». Pen­sa a un ruo­lo degli intel­let­tua­li in que­sto per­cor­so di cre­sci­ta demo­cra­ti­ca? «No, gli intel­let­tua­li non han­no un peso suf­fi­cien­te. È la clas­se media, e soprat­tut­to sono i gio­va­ni, per­ché il 60 per cen­to degli egi­zia­ni ha meno di 25 anni, che non inten­do­no accet­ta­re né la for­ma­li­tà del siste­ma di Muba­rak né di quel­lo dei Fra­tel­li musul­ma­ni. Si andrà pro­gres­si­va­men­te ver­so una con­cre­tiz­za­zio­ne poli­ti­ca di quan­to si sta già facen­do sot­to il pro­fi­lo socia­le». Lei, quin­di, che futu­ro vede per il suo Pae­se? «Io sono otti­mi­sta. Il cam­bia­men­to e la liber­tà saran­no al pote­re tra una deci­na d’ anni. Aspettateci».

0

L’amore ai tempi del petrolio” di Nawal al-Sa’dawi

| Affri­ca | Vener­dì 23 mar­zo 2012 | Mari­sa Fois |

C’è un re, di cui si festeg­gia il com­plean­no e la noti­zia sul gior­na­le, in pri­ma pagi­na, a carat­te­ri cubi­ta­li, accom­pa­gna­ta da una foto­gra­fia a gran­dez­za natu­ra­le di Sua Mae­stà, ne offu­sca un’altra: “Don­na par­ti­ta e mai più tor­na­ta”.
Lì, in quel Pae­se non ben defi­ni­to, ma che ha carat­te­ri­sti­che ben pre­ci­se – auto­ri­ta­rio, ric­co, auto­re­fe­ren­zia­le – “non era mai suc­ces­so che una don­na fos­se usci­ta e non fos­se più tor­na­ta. L’uomo, inve­ce, pote­va par­ti­re e non tor­na­re per set­te anni e, solo dopo que­sto perio­do, la moglie ave­va il dirit­to di chie­de­re la sepa­ra­zio­ne”. La don­na scom­par­sa era un’archeologa e “ave­va una pas­sio­ne per la ricer­ca del­le mum­mie, una sor­ta di pas­sa­tem­po”, non indos­sa­va il velo, ama­va il suo lavo­ro, era eman­ci­pa­ta. Per­ché è spa­ri­ta? Qual­cu­no l’ha costret­ta o è sta­ta una libe­ra scel­ta? È dav­ve­ro scomparsa?
L’amore ai tem­pi del petro­lio” di Nawal al-Sa’dawi è una sor­ta di gial­lo intro­spet­ti­vo, che rac­con­ta la con­di­zio­ne fem­mi­ni­le non solo nei Pae­si auto­ri­ta­ri, ma, in una pro­spet­ti­va più ampia, in ogni socie­tà. For­se pro­prio que­sto ha spin­to l’autrice – scrit­tri­ce e psi­chia­tra, non­ché una tra le più note mili­tan­ti del fem­mi­ni­smo inter­na­zio­na­le –  a non uti­liz­za­re nomi, ma solo cate­go­rie (don­ne e uomi­ni ) in modo che l’immedesimazione potes­se risul­ta­re più sem­pli­ce. Don­ne sot­to­mes­se al lavo­ro, don­ne che lavo­ra­no anche e più degli uomi­ni ma sen­za uno sti­pen­dio, che vie­ne inve­ce paga­to all’uomo che sta al loro fian­co e con cui con­di­vi­do­no il let­to e la casa, a cui sono costret­te a dire sem­pre di sì. Don­ne omo­lo­ga­te.Don­ne domi­na­te socialmente, economicamente e cul­tu­ral­men­te. In più, le rela­zio­ni socia­li sono influen­za­te anche dal petro­lio e dal­la sua poten­za, che ridu­ce l’intero Pae­se in schia­vi­tù, dipen­den­te da una for­za ester­na onnipresente.
Il librousci­to in Egit­to nel 2001, è sta­to subi­to cen­su­ra­to con­dan­na­to dall’Università Al Azhar.  “L’amore ai tem­pi del petro­lio” è, infat­ti, una cri­ti­ca diret­ta a Muba­rak, allo­ra sal­da­men­te al pote­re, e al suo gover­no, for­te­men­te con­di­zio­na­to da inge­ren­ze ester­ne. Ma è anche una cri­ti­ca a chi ten­ta di can­cel­la­re la sto­ria (emble­ma­ti­co è il caso del­la tra­sfor­ma­zio­ne del­le sta­tue che rap­pre­sen­ta­no divi­ni­tà fem­mi­ni­li in divi­ni­tà maschi­li),  alla scar­sa col­la­bo­ra­zio­ne tra don­ne e alla loro pau­ra di anda­re con­tro quel­lo che riten­go­no un desti­no già scrit­to e immo­di­fi­ca­bi­le. La nar­ra­zio­ne è come un viag­gio oni­ri­co: l’archeologa alter­na momen­ti di veglia al sogno, qua­si per non esse­re assor­bi­ta da que­sta monar­chia del petro­lio.

0

Il camion per Berlino

| Mini­ma & Mora­lia | Lune­dì, 27 feb­bra­io 2012 |  |

Que­sto è l’incipit di un rac­con­to di Has­san Bla­sim, auto­re ira­che­no con­tem­po­ra­neo, tra­dot­to da Bar­ba­ra Tere­si per il libro «Il mat­to di piaz­za del­la Liber­tà» (edi­zio­ni Il Siren­te). Has­san Bla­sim, nato a Bagh­dad nel 1973, è poe­ta, regi­sta, blog­ger e auto­re di rac­con­ti bre­vi. Nel 2004, in segui­to a pro­ble­mi sca­tu­ri­ti dal­la rea­liz­za­zio­ne del film «Woun­ded Came­ra», ha dovu­to lascia­re l’Iraq e si è rifu­gia­to in Fin­lan­dia, dove vive tuttora.

Trat­to da: Has­san Bla­sim, «Il mat­to di piaz­za del­la Liber­tà», Il Siren­te, Roma 2012 Con­ti­nua a leggere →

0

Il successo di “Amalgam”, blog e fumetto della libanese Maya Zankoul

| Con­tro­cam­pus | Lune­dì, 19 dicem­bre 2011 | Bene­det­ta Michelangeli |

Si chia­ma Amal­gam ed è uno dei blog più segui­ti del mon­do ara­bo. L’autrice è la ven­ti­cin­quen­ne liba­ne­se Maya Zan­koul: ha stu­dia­to Gra­phic Desi­gn e seguen­do la sua pas­sio­ne per il dise­gno ha crea­to que­sto blog nel qua­le da due anni con­di­vi­de vignet­te che par­la­no del­la socie­tà liba­ne­se, sul­la scia di Mar­ja­ne Satra­pi che con Per­se­po­lis ha fat­to il suo rac­con­to del­la vita in Iran.
La gio­va­ne autri­ce liba­ne­se non ave­va pen­sa­to ad un libro: ini­zial­men­te l’idea era quel­la di sfrut­ta­re le poten­zia­li­tà del web per con­di­vi­de­re le vignet­te che face­va, inse­guen­do la pas­sio­ne del dise­gno che ha dall’età di cin­que anni. Non sol­tan­to imma­gi­ni che potes­se­ro dar sfo­go alla fru­stra­zio­ne cau­sa­ta dal­le con­trad­di­zio­ni e ingiu­sti­zie del­la socie­tà del suo pae­se, ma anche sem­pli­ci rac­con­ti di vicen­de quotidiane.
Maya si è fat­ta cono­sce­re nel 2009 quan­do in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni in Liba­no ha rea­liz­za­to del­le vignet­te “poli­ti­che” che han­no incu­rio­si­to media e gio­va­ni uten­ti del web. Sono sta­ti gli ami­ci di Maya a stam­pa­re tut­te le vignet­te del suo blog come rega­lo di com­plean­no. Suc­ces­si­va­men­te l’autrice ha auto­pro­dot­to il suo libro, stam­pan­do­ne 1000 copie. Con­tro ogni aspet­ta­ti­va il libro Amal­gam ha rag­giun­to il quin­to posto nel­le clas­si­fi­che di ven­di­ta del Vir­gin Mega­sto­re di Bei­rut. Ades­so il fumet­to in due volu­mi è sta­to tra­dot­to in ita­lia­no ed è edi­to da il Siren­te.
Maya è nata a Bei­rut ed è cre­sciu­ta a Jed­dah in Ara­bia Sau­di­ta dove ha fre­quen­ta­to la scuo­la fran­ce­se. Per i suoi pri­mi dise­gni usa­va il dia­let­to liba­ne­se. Scel­ta sosti­tui­ta pre­sto dall’inglese. Non ha avu­to pro­ble­mi di cen­su­ra in quan­to Inter­net in liba­no non sem­bra attual­men­te esse­re sog­get­to a con­trol­li, come acca­de in mol­ti altri pae­si arabi.
Que­ste vignet­te par­la­no del­le gra­vi ingiu­sti­zie socia­li, del­la cor­ru­zio­ne, del maschi­li­smo del­la socie­tà liba­ne­se. Ma lo fan­no con una giu­sta dose di humor, chia­ve del suc­ces­so di Maya. Tan­ti dise­gni sono dedi­ca­ti alla con­trad­dit­to­ria con­di­zio­ne del­le don­ne liba­ne­si: la liber­tà di indos­sa­re qual­sia­si capo di abbi­glia­men­to, l’ossessione dell’apparire per­fet­te soprat­tut­to gra­zie alla chi­rur­gia pla­sti­ca e paral­le­la­men­te la loro posi­zio­ne di sot­to­mis­sio­ne nel­la socie­tà. Dal­la strut­tu­ra patriar­ca­le in cui sono inse­ri­te, alla vio­len­za dome­sti­ca che spes­so subi­sco­no e dal­la qua­le è dif­fi­ci­le usci­re anche a cau­sa del­la man­can­za di una rete di pro­te­zio­ne fem­mi­ni­le. Insom­ma, una don­na che appa­re ma che non può deci­de­re nul­la, pri­va­ta anche del dirit­to di tra­smet­te­re la nazio­na­li­tà ai pro­pri figli.

0

Libri: ‘La danza dello scorpione’ di Akram Musallam

| ANSA­med | Lune­dì 10 otto­bre 2011 |

Era­va­mo ado­le­scen­ti. E’ venu­ta da me in ‘sala da bal­lo’ ver­so sera. E’ arri­va­ta all’improvviso e, dopo una pre­sen­ta­zio­ne piut­to­sto con­ci­sa, mi ha det­to di esse­re venu­ta a mostrar­mi uno scor­pio­ne che si era appe­na fat­ta tatua­re pro­prio dove comin­cia la colon­na ver­te­bra­le”. Ini­zia cosi’ il rac­con­to del gio­va­ne scrit­to­re pale­sti­ne­se, Akram Musal­lam, “La dan­za del­lo scor­pio­ne” (il Siren­te, pp. 114, 15 euro), in que­sti gior­ni nel­le libre­rie ita­lia­ne. Con il nar­ra­to­re la ragaz­za, di ori­gi­ni fran­ce­si, tra­scor­re­rà la not­te, per poi spa­ri­re e non tor­na­re mai più. Sarà inve­ce il pic­co­lo scor­pio­ne color inda­co a pren­de­re vita e ad osses­sio­na­re i sogni del gio­va­ne ogni not­te, nel tena­ce quan­to fal­li­men­ta­re ten­ta­ti­vo di arram­pi­car­si su uno spec­chio dal qua­le sci­vo­le­rà, con­su­ma­to da un’estenuante e vor­ti­co­sa dan­za. Costrui­to pro­prio sul­la meta­fo­ra del­lo scor­pio­ne e ambien­ta­to a Ramal­lah, que­sto bre­ve ma autoi­ro­ni­co roman­zo descri­ve con luci­di­tà e ama­rez­za la situa­zio­ne medio­rien­ta­le dopo gli Accor­di di Oslo e il fal­li­men­to del­la secon­da Inti­fa­da. Sul­lo sfon­do, l’occupazione israe­lia­na e il quo­ti­dia­no rap­por­to dei pale­sti­ne­si con la vita e la mor­te. “Ricor­do — scri­ve il nar­ra­to­re — di ave­re lascia­to Ramal­lah per qual­che tem­po, su con­si­glio medi­co, per ripo­sar­mi i ner­vi dal­le com­pli­ca­zio­ni di un rap­por­to quo­ti­dia­no con la mor­te o con noti­zie che la riguar­da­va­no”. L’impotenza del­lo scor­pio­ne nar­ra­ta da Akram è anche quel­la del padre del nar­ra­to­re, che ha per­so una gam­ba — e con essa la sua viri­li­tà — non a cau­sa dell’occupazione, ma sem­pli­ce­men­te per un chio­do arrug­gi­ni­to. Altre figu­re, dota­te cia­scu­na di una for­te cari­ca sim­bo­li­ca, appa­io­no in tut­ta la sto­ria per scom­pa­ri­re pre­sto. Tra que­ste, quel­la rap­pre­sen­ta­ta da un ex-dete­nu­to, “soma­ro del­la rivo­lu­zio­ne” che è appe­na sta­to rila­scia­to dopo diciot­to anni di car­ce­re, e che è costret­to a ripren­de­re ser­vi­zio pres­so colo­ro che lo han­no sem­pre con­si­de­ra­to un vero e pro­prio somaro.

Pre­mia­to nel 2007 dal­la pre­sti­gio­sa fon­da­zio­ne Abdul Moh­sen Al-Qat­tan, Akram è sta­to para­go­na­to del­la cri­ti­ca a Emil Habi­bi, scrit­to­re ara­bo israe­lia­no auto­re del “Pes­sot­ti­mi­sta”, scom­par­so nel 1996.

0

Akram Musallam

| Midad|

Im Allein­gang ero­bert der Erzä­hler des RomansAle­xan­ders Gedan­ken sei­ne Zuhö­rer: “Akram Musal­lam zeigt hier sei­ne Mei­ster­schaft, einen Mono­log in den Ausmaßen eines gan­zen Romans zu erfin­den.… Nur an man­chen Stel­len ent­wic­kelt sich ein Fra­ge- und Ant­worts­piel mit einem Unbe­kann­ten, das nicht über Bestä­ti­gung oder Ver­nei­nung der Fra­gen hinau­sge­ht. Spä­ter erfah­ren wir den Namen des Unbe­kann­ten: Akram. Zwei­fel­soh­ne pen­delt Akram Musal­lam, der Autor, zwi­schen die­sem Akram und dem Erzä­hler hin und her.“
Gebo­ren wur­de Musal­lam 1971 in Tal­feet-Nablus. Sein Vater unter­ri­ch­te­te Engli­sch in der Grund­schu­le des Dor­fes. Er wuchs zusam­men mit elf Gesch­wi­stern in einer Ein­zim­mer­woh­nung auf und mus­ste sich sei­nen Schla­f­pla­tz in einer der vier Ecken jeden Abend erkäm­p­fen. Eine Trep­pe zwi­schen der Küche und dem ein­zi­gen Zim­mer dien­te ihm als Schreib­ti­sch – der Geruch der Öllam­pe steckt ihm noch in der Nase. Nach dem Gym­na­sium arbei­te­te Akram Musal­lam zwei Jah­re lang auf einer Bau­stel­le. Heu­te schreibt er als Redak­teur für die loka­le Tageszei­tung „al-Ayyām“.
An der Bir­Zeit Uni­ver­si­tät stu­dier­te Akram Musal­lam ara­bi­sche Lite­ra­tur, wo er sich vor allem mit dem Werk Nie­tzsches befas­ste. Dort mach­te er die Bekann­tschaft mit dem Dich­ter und Phi­lo­so­phen Hus­sein Bar­ghou­thi, den er spä­ter in sei­nem Roman mit den Wor­ten zitier­te: „ Ich schrei­be nicht das Schö­ne, ich schrei­be das Unvergessene“.
In sei­nem Roman ver­zi­ch­tet der Autor auf kom­ple­xe Kon­struk­tio­nen. Ale­xan­ders Gedan­ken beste­ht aus Erzä­hlun­gen, die lose mitei­nan­der ver­k­nü­pft wer­den. Uni­deo­lo­gi­sch und leben­dig beri­ch­tet der Autor von Ale­xan­der — nicht dem „Großen“, son­dern dem „wir­kli­chen“ Ale­xan­der aus den Augen eines Kindes.

0

Strisce di rivolta: Egitto, giovani e fumetto, quando la denuncia si fa comic

| Rutin.it | Gio­ve­dì 6 otto­bre 2011 | Jle­nia Currò |

La pri­ma­ve­ra ara­ba non è sino­ni­mo del­la cadu­ci­tà del­le sta­gio­ni. Sim­bo­liz­za, piut­to­sto, la nasci­ta di una rivo­lu­zio­ne con­tro i regi­mi. Dal­le visce­re del­la ter­ra, non dal ver­ti­ce del­le pira­mi­di, si è innal­za­to lo ste­lo del­la rivo­lu­zio­ne. Ban­die­re di liber­tà, come peta­li di fio­ri, si sono dispie­ga­te sot­to un cie­lo che ha implo­ra­to eman­ci­pa­zio­ne dal­lo sta­to di oppres­sio­ne. Il movi­men­to di rivol­ta, in Egit­to, è nato dal bas­so: la ter­ra da cui sono sor­ti i meta­fo­ri­ci fio­ri di liber­tà è il con­te­sto omo­ge­neo del web 2.0, dei social net­work, dei blog.
Il 18 gen­na­io 2011 non è sta­to un poli­ti­co o una cele­bri­tà a denun­cia­re, per mez­zo di una pub­bli­ca dichia­ra­zio­ne, il regi­me di Hosni Muba­rak. Il meri­to di ave­re acce­so la mic­cia che ha infiam­ma­to la ter­ra di Cheo­pe è di Asmaa Mah­fouz, una gio­va­ne don­na egi­zia­na che, quel gior­no, ha posta­to su You­Tu­be un video di denun­cia con­tro il regi­me. Gli aggior­na­men­ti su Face­book e Twit­ter si sono sus­se­gui­ti con la rapi­di­tà di un anti­cor­po iniet­ta­to nel san­gue. La volon­tà di segna­la­re e ren­de­re noto lo sta­to di oppres­sio­ne si è tra­dot­ta nel corag­gio di mostra­re al mon­do quel­lo che si era sem­pre sapu­to e che però era resta­to intrap­po­la­to nel­la diplo­ma­zia dei ‘pia­ni alti’.
Anche per le stra­de del Cai­ro, la street art si fa por­ta­vo­ce del­le novi­tà che han­no inte­res­sa­to il Pae­se. Mum­mie ripor­ta­te in vita sui muri del­le vie egi­zia­ne non evo­ca­no ance­stra­li pau­re ma invo­ca­no la libertà.
Un medium con una natu­ra­le pro­pen­sio­ne a rap­pre­sen­ta­re gli impul­si, i desi­de­ri, le neces­si­tà la cui spin­ta pro­vie­ne dal bas­so, dal­la gen­te, è cer­ta­men­te il fumetto.
Del­la nona arte, infat­ti, si sono ser­vi­ti gli arti­sti vici­ni alle idee dei ribel­li con­tro il regi­me di Muba­rak. Pri­mo tra tut­ti Mag­dy El Sha­fee. La sua gra­phic novel Metro nar­ra le vicen­de di un soft­ware desi­gner, Sha­hib, nel rea­li­sti­co con­te­sto di un Egit­to ves­sa­to dai sopru­si del regime.
Metro annun­cia, pro­fe­ti­ca­men­te, quel­lo che sareb­be sta­to, tre anni dopo, il dis­sen­so mani­fe­sta­to dai ribel­li. Le allu­sio­ni ad un siste­ma cor­rot­to, al clien­te­li­smo, alla cen­su­ra sono evi­den­ti a tal pun­to che è pro­prio quest’ultima a col­pi­re l’autore del­la gra­phic novel. Nel 2008 Mag­dy El Sha­fee è com­par­so davan­ti al tri­bu­na­le del Cai­ro con l’accusa di ave­re pro­dot­to mate­ria­le por­no­gra­fi­co e di ave­re uti­liz­za­to un lin­guag­gio ecces­si­va­men­te vol­ga­re. Il fumet­to, quin­di, è sta­to riti­ra­to dal­le libre­rie del Cairo.
Risve­glia­re le coscien­ze in un siste­ma di oppres­sio­ne non è leci­to. Anche il solo uso del dia­let­to che par­la­no i per­so­nag­gi di Metro non è ben visto dai soste­ni­to­ri del regi­me. La scel­ta, infat­ti, non è casua­le: il fumet­to si ser­ve del­la varie­tà dia­let­ta­le come legit­ti­ma­zio­ne di una socie­tà ete­ro­ge­nea, vol­tan­do le spal­le all’esclusivo uti­liz­zo dell’arabo Fusha, sim­bo­lo dell’unità del mon­do arabo.
Più mez­zi, dun­que, vol­ti a rea­liz­za­re un uni­co obiet­ti­vo: docu­men­ta­re una inar­re­sta­bi­le pul­sio­ne di rivol­ta che, oggi, si è tra­dot­ta in azio­ne concreta.
Il fumet­to, anco­ra una vol­ta, si pre­sen­ta come un medium capa­ce di rivol­ger­si al pub­bli­co più dispa­ra­to: oltre la let­te­ra­tu­ra, oltre la rap­pre­sen­ta­zio­ne visi­va, oggi striz­za l’occhio agli idea­li di liber­tà, si fa mani­fe­sto dell’esigenza di testi­mo­nian­za e condivisione.

0

Cenere sotto il tappeto

| PUB | Lune­dì 19 set­tem­bre 2011 | Mad­da­le­na Sofia |

Metro è una gra­phic novel. Pub­bli­ca­ta per la pri­ma vol­ta nel­la pri­ma­ve­ra 2008 dal­la casa edi­tri­ce ara­ba Mela­meh, vie­ne cen­su­ra­ta dopo pochis­si­mo tem­po dal Tri­bu­na­le di Qasr el Nil de Il Cai­ro con l’accusa di con­te­ne­re “imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esistenti”.
Un fumet­to, una sto­ria sem­pli­ce, ric­ca di spun­ti di rifles­sio­ne riguar­do al mon­do musul­ma­no, o meglio, riguar­do alla per­ce­zio­ne che si ha di esso in quel che comu­ne­men­te vie­ne defi­ni­to Occi­den­te. Ma la let­tu­ra di Metro rap­pre­sen­ta anche un modo per avvi­ci­nar­si alle pro­ble­ma­ti­che socia­li, eco­no­mi­che e poli­ti­che che atta­na­glia­no i pae­si isla­mi­ci, soprat­tut­to alla luce degli ulti­mi avve­ni­men­ti riguar­dan­ti in par­ti­co­la­re l’Egitto e la Libia.
Metro  è ambien­ta­to pro­prio in Egit­to, al Cai­ro e fin dal­le pri­me pagi­ne l’autore rac­con­ta e met­te in risal­to la dif­fu­sa cor­ru­zio­ne e lo sfrut­ta­men­to dei più debo­li da par­te del­la clas­se politica.
L’incipit del­la sto­ria è la rapi­na a una impor­tan­te ban­ca del­la capi­ta­le, ad ope­ra di Shi­hab, il pro­ta­go­ni­sta, e Musta­fa, suo ami­co e col­le­ga. Sono entram­bi inge­gne­ri, lavo­ra­no in un uffi­cio di pro­gram­ma­zio­ne e han­no pro­get­ta­to un soft­ware per la sicu­rez­za del­la metro e del­le ban­che. I due con­ta­no di rea­liz­zar­lo con l’aiuto di un finan­zia­men­to per poi ven­der­lo e gua­da­gna­re un po’ di sol­di. Ma le ban­che non finan­zia­no il pro­get­to per­ché sono cor­rot­te e con­ni­ven­ti con per­so­nag­gi poli­ti­ci di spic­co che vor­reb­be­ro impos­ses­sar­si del soft­ware sen­za paga­re e abu­san­do del loro pote­re. Chiun­que si offra di aiu­ta­re i due ragaz­zi vie­ne mes­so fuo­ri gio­co con ricat­ti, vio­len­ze o assas­si­nii: per­ciò i due pro­ta­go­ni­sti opta­no per la deci­sio­ne estre­ma di ruba­re, atto qua­si giu­sti­fi­ca­to nel con­te­sto del­la sto­ria, come se fos­se l’unica solu­zio­ne pos­si­bi­le per sfug­gi­re a una dila­gan­te povertà.
La chia­ve di vol­ta nel­la sto­ria è la figu­ra di Dina, fidan­za­ta di Shi­hab. È una gior­na­li­sta cui è sta­to “ordi­na­to” di copri­re i misfat­ti del­la clas­se poli­ti­ca e la cor­ru­zio­ne del­lo Sta­to. Si evin­ce che in Egit­to la stam­pa è anco­ra mol­to con­trol­la­ta e mani­po­la­ta dal­la clas­se diri­gen­te, ma la voglia di riscat­to è più for­te e allo­ra lei deci­de di pub­bli­ca­re un arti­co­lo nel qua­le rac­con­ta la veri­tà su quel che c’è die­tro la fac­cen­da del soft­ware, sen­za men­zio­na­re la rapi­na: Shi­hab ini­zial­men­te si oppo­ne a que­sta scel­ta per pau­ra di esse­re sco­per­to, ma poi si ricre­de ed è pro­prio Dina a far­gli capi­re l’importanza di ren­de­re pub­bli­ci i loschi mec­ca­ni­smi sot­te­si ai gio­chi di pote­re. In par­te a cau­sa di que­ste rive­la­zio­ni, scop­pie­rà una rivol­ta a Il Cai­ro, sin­to­mo del mal­con­ten­to dif­fu­so del popolo.
Dina è un per­so­nag­gio cen­tra­le nel­la sto­ria e si cari­ca anco­ra di mag­gio­re impor­tan­za per­ché si trat­ta di una don­na; a dispet­to di qual­sia­si ste­reo­ti­po lega­to all’Islam, Dina appa­re eman­ci­pa­ta e impe­gna­ta poli­ti­ca­men­te, al con­tra­rio di quel­lo che si potreb­be pen­sa­re del­le don­ne musul­ma­ne, asso­cia­te mol­to spes­so all’immagine di vit­ti­me impo­ten­ti degli uomi­ni, obbli­ga­te a mor­ti­fi­ca­re il pro­prio cor­po indos­san­do il bur­qa.
L’autore uti­liz­za un approc­cio ori­gi­na­le e mol­to rea­li­sti­co nel­le scel­te edi­to­ria­li: l’uso del­le pian­te metro­po­li­ta­ne, che raf­fi­gu­ra­no lo spa­zio de Il Cai­ro per ren­der­ne meglio l’idea, e l’uso del dia­let­to egi­zia­no, sdo­ga­na­to da Inter­net, sono due ele­men­ti che fan­no pre­sa diret­ta con i let­to­ri. Dan­no un’idea di con­cre­tez­za, ci met­to­no di fron­te a una cit­tà e a un popo­lo come essi sono davvero.
L’intenzione edi­to­ria­le è quel­la di allon­ta­na­re il più pos­si­bi­le con­ce­zio­ni anco­ra lega­te all’esotismo: il mon­do ara­bo in gene­ra­le e quel­lo egi­zia­no in par­ti­co­la­re, non è fat­to solo di pira­mi­di, cam­mel­li e cose del genere.
Da Metro  si evin­ce, inve­ce, che l’uso del­le tec­no­lo­gie avan­za­te non è più esclu­si­va dell’“uomo bian­co”: l’Egitto è un Pae­se raf­fi­na­to da un pun­to di vista media­ti­co e i per­so­nag­gi sono per­fet­ta­men­te a loro agio nel rap­por­to con la tecnologia.
Una cosa che sor­pren­de nel fumet­to è l’assenza del­la reli­gio­ne, con­tra­ria­men­te alla comu­ne con­ce­zio­ne occi­den­ta­le, che vor­reb­be i musul­ma­ni qua­si osses­sio­na­ti dal loro dio fino a spin­ger­li a com­pie­re atti irrazionali.
Lun­gi dall’essere con­si­de­ra­to pre­cur­so­re del­le rivol­te con­su­ma­te­si in Egit­to e Libia, Metro si pone sol­tan­to come spun­to di rifles­sio­ne per pre­sen­ta­re il mon­do ara­bo con­tem­po­ra­neo sce­vro da qual­sia­si pre­con­cet­to e per ana­liz­za­re più da vici­no una situa­zio­ne socia­le, eco­no­mi­ca e poli­ti­ca a lun­go cova­ta, di cui i disor­di­ni in atto sono solo la pun­ta dell’iceberg. In effet­ti, anche nel rac­con­to, la rivol­ta non cam­bia uno sta­to di cose, che potreb­be esse­re modi­fi­ca­to sol­tan­to con una con­sa­pe­vo­lez­za rea­le e ade­ren­te alla cul­tu­ra di quei pae­si. Alla fine del­la sto­ria resta tut­to ugua­le: la rivol­ta vie­ne pre­ve­di­bil­men­te repres­sa dall’Hagg Kha­der, il par­ti­to egi­zia­no di mag­gio­ran­za, che, in caso di disor­di­ni, paga gen­te per pic­chia­re chi mani­fe­sta con­tro lo Sta­to e l’autore inse­ri­sce un col­po di sce­na fina­le, un enne­si­mo atto di diso­ne­stà, che con­dan­ne­rà Shi­hab ad esse­re abban­do­na­to al pro­prio destino.

Mag­dy El Sha­fee nasce in Libia, nel 1961; comin­cia la sua car­rie­ra nel 2001, come illu­stra­to­re e fumet­ti­sta in occa­sio­ne del Comic Work­shop Egypt, tenu­to­si pres­so l’Università Ame­ri­ca­na de Il Cairo.
Fin dagli esor­di, le sue ope­re rical­ca­no temi socia­li del­la vita quo­ti­dia­na del­la capi­ta­le egi­zia­na, ma toc­ca­no anche argo­men­ti spic­ca­ta­men­te lega­ti alla poli­ti­ca, all’economia, alla povertà.
Metro vie­ne pub­bli­ca­to per la pri­ma vol­ta nel 2008 in Egit­to; esso pro­cu­ra all’autore un pro­ces­so e una con­dan­na alla distru­zio­ne di tut­te le copie e al paga­men­to di una sala­ta ammen­da. La moti­va­zio­ne uffi­cia­le del seque­stro è quel­la di aver usa­to un lin­guag­gio trop­po spin­to, ma i veri moti­vi sem­bra­no esse­re la cri­ti­ca radi­ca­le al gover­no e alla cor­ru­zio­ne politica.
Il pro­ces­so a Mag­dy El Sha­fee e al suo edi­to­re, Moha­med Shar­qa­wi, ha avu­to una gran­de riso­nan­za, fino alla pub­bli­ca­zio­ne di Metro in Ita­lia nel 2010 all’interno del­la col­la­na Altria­ra­bi da par­te del­la casa edi­tri­ce Il Siren­te; altre pub­bli­ca­zio­ni sono pre­vi­ste all’inizio del 2012 in Fran­cia e in Inghilterra.

0

Riva Sud

La Repub­bli­ca | Dome­ni­ca 28 ago­sto 2011 | Sara Scheggia |

Taxi, vico­li, con­do­mi­ni. E il deser­to. Sono i luo­ghi del Magh­reb, quel­li che han­no tenu­to cal­de, sot­to la cene­re, le rivol­te esplo­se quest’anno. Descrit­ti da auto­ri egi­zia­ni ed alge­ri­ni, diven­te­ran­no tea­tro in uno spa­zio che si apre al pub­bli­co per la pri­ma vol­ta: il cor­ti­le del­la comu­ni­tà mino­ri­le di via del Pra­tel­lo. In quel luo­go, dove i ragaz­zi han­no crea­to un giar­di­no «segre­to» di pian­te offi­ci­na­li, ver­rà ospi­ta­to da doma­ni «Riva Sud Medi­ter­ra­neo», ras­se­gna di tea­tro, voci e musi­che che, oltre alla com­pa­gnia del Pra­tel­lo diret­ta da Pao­lo Bili, vedrà pro­ta­go­ni­ste anche altre real­tà cit­ta­di­ne. Si trat­ta di Tra un atto e l’altro, Tea­tri­no Clan­de­sti­no, Lala­ge Tea­tro e Medin­sud, che cure­rà l’accompagnamento musi­ca­le: insie­me ad atto­ri pro­fon­da­men­te diver­si ma tut­ti radi­ca­tia Bolo­gna, come Ange­la Mal­fi­ta­no, Fran­ce­sca Maz­za, Fio­ren­za Men­ni, Lucia­no Man­za­li­ni e Mau­ri­zio Car­dil­lo, met­te­ran­no in sce­na sei spet­ta­co­li per rac­con­ta­re le pri­ma­ve­re ara­be dei mesi scor­si. Ogni sera­ta, inol­tre, sarà intro­dot­ta da un inter­ven­to sul­la situa­zio­ne geo-poli­ti­ca in cor­so, con gli sto­ri­ci Gian­ni Sofri e Luca Ales­san­dri­ni, e lo scrit­to­re alge­ri­no resi­den­te a Raven­na Tahar Lamri.

«Il risul­ta­to pro­dot­to da atti­vi­tà come que­ste — spie­ga Giu­sep­pe Cen­to­ma­ni, diri­gen­te del Cen­tro di giu­sti­zia mino­ri­le dell’Emilia Roma­gna — vale il prez­zo da paga­re, cioè il rischio di fughe o l’incremento dei controlli.

In più, mol­ti ragaz­zi del car­ce­re e del­la comu­ni­tà sono di ori­gi­ne magre­bi­na: è impor­tan­te con­di­vi­de­re rifles­sio­ni sul loro mon­do». Il rife­ri­men­to è a qual­che mese fa, quan­do un dete­nu­to del car­ce­re del­la Doz­za è eva­so duran­te le pro­ve di uno spet­ta­co­lo teatrale.

«I mino­ri che seguia­mo rispon­do­no bene alle mani­fe­sta­zio­ni ester­ne — osser­va Loren­zo Roc­ca­ro, diret­to­re del­la Comu­ni­tà Pub­bli­ca di via del Pra­tel­lo 38, da cui pas­sa­no alme­no 130 ragaz­zi all’anno — Ora apri­ran­no le por­te del­la loro casa al pub­bli­co: li aiu­te­rà a per­ce­pi­re la comu­ni­tà come una vera resi­den­za in cui acco­glie­re ospi­ti». Riva Sud Medi­ter­ra­neo, soste­nu­ta da Lega­coop e Uni­pol e dai con­tri­bu­ti degli osti del­la stra­da, par­ti­rà doma­ni con «Voci dai taxi del Cai­ro. Oggi». Uno spet­ta­co­lo inter­pre­ta­to dai ragaz­zi del­la com­pa­gnia del Pra­tel­lo, trat­to dal roman­zo dell’egiziano Kha­led Al Kha­mis­si, che mixa mono­lo­ghi e dia­lo­ghi dei tas­si­sti del Cairo.

0

Magdi El Shafee — Metro (recensione di Giulia De Martino)

Scrit­ti d’Africa | Saba­to 18 giu­gno 2011 | Giu­lia De Martino |

Que­sta vol­ta par­lia­mo di un gra­phic novel, un fumet­to insom­ma. Bal­za­to alle cro­na­che, let­te­ra­rie e non, ita­lia­ne per un dop­pio moti­vo. Il pri­mo riguar­da la cen­su­ra e il pro­ces­so affron­ta­ti da auto­re ed edi­to­re, con­dan­na­ti, oltre che ad una ammen­da pecu­nia­ria, alla distru­zio­ne dell’opera che non può più cir­co­la­re in Egit­to. Il secon­do ha a che fare con quan­to sta acca­den­do, in que­sti gior­ni, al popo­lo egi­zia­no: la pre­sa di coscien­za che ha por­ta­to tut­ti per stra­da a recla­ma­re la fine del­la dit­ta­tu­ra di Muba­rak e l’instaurazione di un regi­me demo­cra­ti­co che garan­ti­sca liber­tà, dirit­ti socia­li e poli­ti­ci. Ebbe­ne, que­sto fumet­to, basta sfo­gliar­lo sol­tan­to, sem­bra una anti­ci­pa­zio­ne di que­sti avve­ni­men­ti, con pro­ta­go­ni­sti pro­prio quei gio­va­ni che stan­no riem­pien­do le stra­de del Cairo.
Cre­do sia dove­ro­so dire che qual­che altra anti­ci­pa­zio­ne, su che aria tira­va al Cai­ro, l’avevamo già avu­ta in due libri. Taxi di Al-Kha­mis­siEsse­re Abbas al- Abd di Ahmad al-Aidy ci ave­va­no pre­sen­ta­to que­sta cit­tà cao­ti­ca e con­trad­dit­to­ria, nevro­ti­ca e appiat­ti­ta su model­li cul­tu­ra­li volu­ti dal regi­me, con tan­ta gen­te ai mar­gi­ni, ma desi­de­ro­sa di far sen­ti­re la pro­pria voce, in mez­zo ad una ten­sio­ne tale da far sup­por­re che la tra­di­zio­na­le ras­se­gna­zio­ne stes­se per scoppiare.
Mag­dy el-Sha­fee ci rap­pre­sen­ta tut­to que­sto, scri­ven­do il pri­mo gra­phic novel del mon­do ara­bo, pro­po­nen­do una crea­zio­ne ori­gi­na­le nel­la gra­fi­ca  e nei con­te­nu­ti. Hugo Pratt, il suo model­lo, con­fes­sa in mol­te inter­vi­ste l’autore, inter­ve­nu­to in Ita­lia, al Salo­ne del fumet­to. Ci ha mes­so den­tro tut­to il suo amo­re per il dise­gno e per la liber­tà: come mol­ti gio­va­ni egi­zia­ni è un blog­ger( così anche il suo edi­to­re fini­to in car­ce­re per i fat­ti del 6 apri­le 2008) atti­vi­sta nel movi­men­to per il cam­bia­men­to demo­cra­ti­co dell’Egitto.
Pro­ta­go­ni­sta è il gio­va­ne inge­gne­re Shi­hab, pic­co­lo genio infor­ma­ti­co, pro­to­ti­po di quel­la gio­ven­tù che ha stu­dia­to, è capa­ce e intel­li­gen­te, ma non ha nes­su­na chan­ce di far­ce­la in una socie­tà dal­la scar­sa mobi­li­tà socia­le e non inte­res­sa­ta ai meri­ti di chi vuo­le pro­gre­di­re per sé e per il pae­se. Domi­na dap­per­tut­to il “siste­ma”: ovve­ro la cor­ru­zio­ne, le con­sor­te­rie del paren­ta­do e del pote­re, la rapa­ci­tà di ban­chie­ri, uomi­ni d’affari e poli­ziot­ti, pron­ti a sbra­nar­si tra di loro o a pro­teg­ger­si, a secon­da del­le con­ve­nien­ze. Shi­hab ha ten­ta­to di inse­rir­si in un affa­re più gros­so di lui, con il risul­ta­to di non riu­sci­re più a scrol­lar­si di dos­so i debi­ti con­trat­ti con uno stroz­zi­no, amma­ni­ca­to con pez­zi gros­si. Ha pen­sa­to di uscir­ne fuo­ri, ruban­do in una ban­ca, con l’aiuto dell’amico Musta­fa, i miste­rio­si sol­di di una vali­get­ta  che dove­va, inve­ce resta­re segre­ta. Ha sco­per­to un vero e pro­prio com­plot­to, ordi­to ai dan­ni di un uomo d’affari che, dopo ave­re divi­so un cam­mi­no di nefan­dez­ze con i suoi soci, disgu­sta­to ave­va deci­so di smet­ter­la, pro­vo­can­do­ne l’ira omi­ci­da. Ma la tra­ma non sta tut­ta qui nel thril­ler, per­ché den­tro c’è anche il tra­di­men­to dell’amico Musta­fa, fre­quen­ta­to sin dai tem­pi del­la scuo­la, pro­ve­nien­te da una fami­glia pove­ra, in cui una madre dispe­ra­ta se la pren­de con i figli che non rie­sco­no a lavo­ra­re. L’uno, Wael, si arran­gia can­tan­do alle feste, sognan­do di gira­re un memo­ra­bi­le video­clip, da cui trar­re fama e sol­di e intan­to accet­ta i sol­di del par­ti­to al pote­re per pic­chia­re, come infil­tra­to, i mani­fe­stan­ti del­le rivol­te del pane dell’aprile 2008. L’altro, Musta­fa, ruba i sol­di a Shi­hab, stra­vol­gen­do le paro­le dell’amico sui modi per usci­re dal­la trap­po­la in cui tut­ti sono rele­ga­ti, ma lo fa dopo la mor­te del fra­tel­lo alla mani­fe­sta­zio­ne, quan­do si accor­ge che ai poli­ti­ci non glie­ne impor­ta pro­prio nien­te che Wael sia mor­to per loro.
E c’è anche l’amore per la bel­la, gene­ro­sa, rivo­lu­zio­na­ria gior­na­li­sta Dina, che di mani­fe­sta­zio­ni non se ne per­de una, deci­sa a lot­ta­re con gli altri, per­ché fer­mi e zit­ti non si può più sta­re; Shi­hab è un disil­lu­so che gio­ca a fare il cini­co, ma l’affetto disin­te­res­sa­to del­la ragaz­za è uno spi­ra­glio di luce e di futu­ro, for­se il gio­va­ne fini­rà per dar­le retta.
Su tut­to domi­na la cit­tà, rap­pre­sen­ta­ta di sopra e di sot­to: gran par­te del­la sto­ria si svol­ge nei vago­ni metro­po­li­ta­ni o nel­le sta­zio­ni, alcu­ne chia­ma­te con i nomi di Nas­ser, Sadat e Muba­rak e iro­ni­ca­men­te accom­pa­gna­te da fra­si famo­se dei lea­der egi­zia­ni. Nei dise­gni, come nei qua­dri di Bosch, si svol­go­no tut­ta una serie di sto­rie mino­ri, quel­la del vec­chio Wan­nas, un po’ cri­stia­no e un po’ musul­ma­no quan­do si trat­ta di acchiap­pa­re ele­mo­si­ne, o del­la zia di Shi­hab, che è anche indo­vi­na, o anco­ra un ragaz­zi­no bec­ca­to da un con­trol­lo­re sen­za bigliet­to, un tra­slo­co, un caser­mo­ne rap­pre­sen­ta­to con tut­te le voci del­le fami­glie che si lamen­ta­no di tut­ti i mil­le pro­ble­mi del­la miseria.
Affre­sco affa­sci­nan­te e ori­gi­na­le, con­dot­to con un dise­gno in bian­co e nero, par­te da un con­tor­no net­to che si fa sem­pre più sfu­ma­to, qua­si che alla dis­so­lu­zio­ne del dise­gno cor­ri­spon­da il dis­sol­vi­men­to di que­sta mega­lo­po­li, inghiot­ti­ta dal­la man­can­za di futu­ro e di speranza.”Le per­so­ne vivo­no come ane­ste­tiz­za­te. Non c’è nien­te che le col­pi­sca. Per quan­te cose pos­sa­no vede­re alla fine diran­no sem­pre: fra­tel­lo, que­sto è pur sem­pre il mio pae­se…” dice ad un cer­to pun­to Shi­hab. Pre­sen­te nel testo pure un duro attac­co ai media, acco­da­ti al regi­me e ad un cri­te­rio fal­so di veri­tà. Solo i gio­va­ni blog­gers egi­zia­ni han­no sapu­to rom­pe­re que­sto imbam­bo­la­men­to del­le coscienze.
Eccel­len­te la tra­du­zio­ne di Erne­sto Paga­no, per­ché sap­pia­mo che il testo si espri­me in un dia­let­to egi­zia­no cru­do e popo­la­re, su cui già si era eser­ci­ta­to il tra­dut­to­re in Taxi. Plau­dia­mo anche alla scel­ta di lascia­re le tavo­le del fumet­to nel­la let­tu­ra da destra a sini­stra , comin­cian­do la sto­ria dall’ultima pagi­na,  come in un testo ara­bo, per non stra­vol­ge­re i dise­gni ori­gi­na­li: una pic­co­la fati­ca in più per i nostri occhi addo­me­sti­ca­ti all’uso con­sue­to, ma che vale la pena di affron­ta­re per un godi­men­to assicurato.

0

Khaled Al Khamissi, Taxi

Grup­po di let­tu­ra | Mer­co­le­dì 8 giu­gno 2011 |  |

In  tem­pi di “Pri­ma­ve­ra ara­ba” per­ché non leg­ge­re qual­co­sa che ci aiu­ti a sen­ti­re più da vici­no i pro­ble­mi che da mesi spin­go­no mol­tis­si­mi nor­da­fri­ca­ni dell’area medi­ter­ra­nea e  abi­tan­ti del Medio e vici­no Orien­te  a scen­de­re in piaz­za e a lot­ta­re per con­qui­sta­re il dirit­to alla liber­tà, nel­la spe­ran­za di vive­re in pae­si di rea­le democrazia?
È sta­to bel­lo vede­re tan­ti gio­va­ni e tra loro tan­te don­ne mani­fe­sta­re in mar­ce e cor­tei, riem­pi­re piaz­za Tahir, incu­ran­ti degli atti di repres­sio­ne di quei gover­ni che voglio­no can­cel­la­re. E in Tuni­sia e in Egit­to si è già arri­va­ti ad un cam­bia­men­to, in altri si lot­ta anco­ra con esi­ti incerti.
Tahar Ben Jel­loun ha già pub­bli­ca­to pres­so Bom­pia­ni La rivo­lu­zio­ne dei gel­so­mi­ni, in cui con luci­di­tà e sem­pli­ci­tà spie­ga che cosa è acca­du­to, cosa sta acca­den­do e cosa acca­drà. “Cado­no dei muri di Berlino”-dice l’autore- e nien­te dopo que­sti fat­ti sarà più come pri­ma nel mon­do ara­bo. Que­sti pae­si stan­no sco­pren­do, han­no sco­per­to e riven­di­che­ran­no d’ora in poi, il valo­re e l’autonomia dell’individuo in quan­to cittadino”.
Ma non voglio par­la­re  di que­sto libro che non ho anco­ra let­to, ma piut­to­sto di un libro di Kha­led Al Kha­mis­si, inti­to­la­to Taxi “e che ha come sot­to­ti­to­lo “Le stra­de del Cai­ro si raccontano”.
E’ stato pub­bli­ca­to nel 2008 dal­la casa edi­tri­ce abruz­ze­se, il Siren­te, che  ha così inau­gu­ra­to  la col­la­na Altria­ra­bi, con l’intento di  favo­ri­re, al di là dei soli­ti pregiudizi, ”una cono­scen­za diret­ta tra i popo­li sen­za fil­tri, nean­che linguistici”.
La let­tu­ra di que­sto libro, che non si può defi­ni­re roman­zo,  né inchie­sta gior­na­li­sti­ca, ci aiu­ta a capi­re qua­li sono le ragio­ni che han­no por­ta­to alla  recen­te rivol­ta in Egitto.
Ori­gi­na­le è l’idea di far cono­sce­re una cit­tà come il Cai­ro attra­ver­so l’abitacolo di un taxi, anzi dei tan­ti taxi pre­sen­ti. Pare sia­no 220.000 i tas­si­sti abu­si­vi e 80.000 rego­la­ri: è vero che il Cai­ro è la cit­tà più popo­lo­sa dell’Egitto con cir­ca 8 milio­ni di abi­tan­ti e oltre 15 milio­ni dell’area metro­po­li­ta­na e del gover­na­to­ra­to omo­ni­mo È vero che è anche la più gran­de cit­tà dell’intera Afri­ca e del Vici­no Orien­te e la dodi­ce­si­ma metro­po­li in ordi­ne di popo­la­zio­ne al mon­do, ma i tas­si­sti sono comun­que tanti.
Tan­ti e mol­to diver­si tra loro: anal­fa­be­ti e diplo­ma­ti o laureati,sognatori e fal­li­ti, a vol­te costret­ti a lavo­ra­re gior­no e not­te con scar­sa remu­ne­ra­zio­ne, one­sti e inge­nui, ma anche capa­ci di truf­fa­re il clien­te, a vol­te dispe­ra­ti, qual­cu­no  idio­ta. Ed ecco­li muo­ver­si nel cao­ti­co traf­fi­co del­la capi­ta­le nel cal­do, tra la fol­la e il sot­to­fon­do assor­dan­te dei clac­son nei loro taxi , mac­chi­ne nere a stri­sce bian­che, spes­so car­cas­se  da rot­ta­ma­re, e chiac­chie­ra­re con il clien­te che è a bordo.
Da que­ste con­ver­sa­zio­ni in 220 pagi­ne  ven­go­no fuo­ri 58 bre­vi rac­con­ti, che fini­sco­no per esse­re un vero docu­men­to di vita quo­ti­dia­na , denun­cia inge­nua, ma anche iro­ni­ca e cau­sti­ca del males­se­re socia­le di un popo­lo impo­ve­ri­to e  disilluso.
In eser­go Al Kamis­si, egi­zia­no lau­rea­to in scien­ze poli­ti­che alla Sor­bo­na, scri­ve: “rega­lo que­sto libro alla vita che abi­ta nel­le paro­le del­le per­so­ne sem­pli­ci. Nel­la spe­ran­za che ingoi il vuo­to che da anni dimo­ra den­tro di noi”.
In ogni capi­to­lo il pro­ta­go­ni­sta è quel tas­si­sta di cui cono­scia­mo par­ti­co­la­ri del­la sua vita per­so­na­le, ma anche, ai limi­ti del­la cen­su­ra,  il suo pen­sie­ro riguar­do alla poli­ti­ca, alla reli­gio­ne, alla società.

Il taxi divie­ne, dun­que,  il luo­go del con­fron­to in cui si rispec­chia la coscien­za col­let­ti­va e i tas­si­sti, come si dice nel­la coper­ti­na  del libro , “sono ama­bi­li can­ta­sto­rie che, con disin­vol­tu­ra, con­du­co­no il let­to­re in un deda­lo di real­tà e poe­sia che è l’Egitto  dei nostri gior­ni”, quel­lo che ha riem­pi­to le piaz­ze  in que­sto ini­zio del 2011 e che ha por­ta­to alla cadu­ta di Muba­rak, che dete­ne­va il pote­re da 30 anni.
Il qua­dro è quel­lo di un Egit­to sull’orlo del­la ban­ca­rot­ta, in cui la cor­ru­zio­ne è gene­ra­liz­za­ta, in cri­si mora­le dif­fu­sa, in cui ogni gior­no si lot­ta per la soprav­vi­ven­za nel­la indif­fe­ren­za del­le isti­tu­zio­ni. Rac­col­go qual­che fra­se qua e là dai 58 rac­con­ti, che per la diver­si­tà dei pun­ti di vista raf­fi­gu­ra­no per­fet­ta­men­te il mon­do ara­bo con­tem­po­ra­neo, come sot­to­li­nea lo stes­so Al Kha­mis­si nell’introduzione.
Tan­ti i discor­si seri dei tas­si­sti, che a vol­te rac­con­ta­no anche bar­zel­let­te diver­ten­ti, ma amare.
“La cor­ru­zio­ne è al mas­si­mo” […]  ”la giun­gla è il para­di­so rispet­to a noi”… qual è la solu­zio­ne per soprav­vi­ve­re?  o vai a ruba­re o comin­ci a doman­da­re maz­zet­te o lavo­ri tut­to il gior­no… la mal­nu­tri­zio­ne è così dif­fu­sa che il 10% dei bam­bi­ni egi­zia­ni del Said sof­fro­no di ritar­do mentale.”.
Secon­do i dati del­la Ban­ca Mon­dia­le il 58 % degli egi­zia­ni vive  infat­ti con due dol­la­ri al gior­no sot­to la linea del­la pover­tà, men­tre il 5% dei 75 milio­ni  di egi­zia­ni sono ric­chis­si­mi e indif­fe­ren­ti alle con­di­zio­ni gene­ra­li del­la popolazione.
“Chi non è diven­ta­to pez­zen­te con Muba­rak non lo diven­te­rà mai” dice uno di loro.
“Il discor­so del­la par­te­ci­pa­zio­ne poli­ti­ca è una bar­zel­let­ta di quel­le tri­sti, ma tri­sti davvero”…
“Abbia­mo già pro­va­to tut­to. Pro­vam­mo il re e non fuzio­na­va, pro­vam­mo il socia­li­smo con Nas­ser e nel pie­no del socia­li­smo ci sta­va­no i gran pascià dell’esercito e dei ser­vi­zi segre­ti… alla fine sia­mo arri­va­ti al capi­ta­li­smo che però ha il  mono­po­lio, il set­to­re pub­bli­co che scop­pia, la dit­ta­tu­ra e lo sta­to di emer­gen­za. E ci han­no fat­to diven­ta­re un poco ame­ri­ca­ni e tra poco pure israe­lia­ni; e allo­ra per­ché non pro­via­mo pure i Fra­tel­li Musulmani?”
“E poi que­sti ame­ri­ca­ni non si capi­sco­no pro­prio: aiu­ta­no Muba­rak, aiu­ta­no i Fra­tel­li Musul­ma­ni, aiu­ta­no i cop­ti espa­tria­ti che fan­no un casi­no da paz­zi. Poi sbor­sa­no i sol­di all’Arabia Sau­di­ta, che a sua vol­ta sbor­sa sol­di ai fon­da­men­ta­li­sti isl­mi­ci ‚che a loro vol­ta finan­zia­no gli atten­ta­ti con­tro, dicia­mo, gli americani”…
Un altro: “Il mon­do ormai… sono tut­ti pesci che si man­gia­no tra di  loro. Gros­so o pic­ci­ril­lo, tut­ti quan­ti si magna­no l’uno con l’altro”
Un altro anco­ra: “In Egit­to l’essere uma­no è come la pol­ve­re in un bic­chie­re cre­pa­to. Il bic­chie­re si può rom­pe­re in un nien­te e la pol­ve­re vola via. Impos­si­bi­le rac­co­glier­la e pure inu­ti­le: è solo un po’ di pol­ve­re. L’uomo in que­sto pae­se è così… non vale nien­te
Come ci ricor­da il tra­dut­to­re, Erne­sto Paga­no, “è il pri­mo libro scrit­to per tre quar­ti in dia­let­to, quin­di di non faci­le tra­du­ci­bi­li­tà. Per que­sto la par­la­ta col­lo­quia­le dei tas­si­sti è sta­ta tal­vol­ta colo­ra­ta da espres­sio­ni dia­let­ta­li meri­dio­na­li, per lo più napoletane.”

0

Questo libro contiene immagini e personaggi che somigliano a uomini e politici realmente esistenti

TG3 | Vener­dì 1 apri­le 2011 | Roma­na Fabri­zi |

Tra­dot­to in ita­lia­no poco pri­ma di esse­re cen­su­ra­to e riti­ra­to dal­le libre­rie in Egit­to, “Metro” è un fumet­to che ha denun­cia­to la vigi­lia del­la rivol­ta, la cri­si del­la socie­tà civi­le sot­to Muba­rak, dan­do il via alla libe­ra­liz­za­zio­ne del­la cul­tu­ra. Sen­tia­mo Roma­na Fabri­zi.
“Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni e poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”. È la fra­se sul­la quar­ta di coper­ti­na di “Metro”, libro a fumet­ti di Mag­dy El Sha­fee. La fra­se non è di pre­sen­ta­zio­ne ma di recen­sio­ne, rical­ca la sen­ten­za del tri­bu­na­le del Cai­ro che ha cen­su­ra­to e riti­ra­to il libro. Roman­zo poli­ti­co, metro­po­li­ta­no che denun­cia con dise­gni taglien­ti come lame cor­ru­zio­ne e clien­te­li­smo in Egit­to. Rac­con­ta la sto­ria di alcu­ni blog­ger egi­zia­ni, le ingiu­sti­zie, la cri­si finan­zia­ria e socia­le, si lega alle radi­ci del­la rivol­ta con­tro Mubarak.
Arri­va­to in Ita­lia pri­ma di esse­re seque­stra­to, si leg­ge al con­tra­rio come i gior­na­li ara­bi, comin­cian­do dall’ultima pagi­na. Denun­cia la natu­ra dispo­ti­ca del regi­me, un atti­mo pri­ma che comin­ci la rivol­ta il 25 gen­na­io 2011 quan­do la socie­tà civi­le mani­fe­sta per le stra­de d’Egitto come non si era mai visto negli ulti­mi 30 anni, fino alla cadu­ta di Mubarak.
Il fumet­to è solo per gran­di, spe­ci­fi­ca l’autore nell’edizione ara­ba, in real­tà solo per pochi, per chi è riu­sci­to a com­prar­lo pri­ma che venis­se riti­ra­to dal­le libre­rie del Cairo.

0

Magdy El Shafee, “METRO

L’indice dei libri del mese | Apri­le 2011 | Maria Ele­na Ingianni |

Pren­de­te un pez­zo di for­mag­gio, se è sca­den­te non impor­ta, ciò che con­ta è l’odore, che deve esse­re inten­so. Non vi ser­ve per cal­ma­re fret­to­lo­sa­men­te una fame improv­vi­sa: il vostro sco­po è quel­lo di cat­tu­ra­re un topo­li­no che ave­te visto nascon­der­si die­tro la cre­den­za del­la cuci­na. A ben pen­sar­ci voi non lo teme­te su serio, quel pic­co­lo rodi­to­re e, in fon­do, nep­pu­re vi dà così fasti­dio. Che cosa pro­va­te, dun­que, a cat­tu­ra riu­sci­ta? Sod­di­sfa­zio­ne, ecci­ta­zio­ne, disgu­sto? E se, diver­sa­men­te, foste voi il topo in trap­po­la? Se risve­glian­do­vi da un brut­to sogno nota­ste che il vostro cor­po è rico­per­to di un pelo irto e gri­gio e che il mon­do che ave­te davan­ti, a lato e die­tro è fat­to solo di sbar­ret­te di metal­lo? Que­sta è la con­di­zio­ne in cui si sen­te di vive­re Shi­hab, il pro­ta­go­ni­sta di Metro, il gra­phic novel egi­zia­no che è costa­to all’autore, Mag­dy El Sha­fee, un pro­ces­so con­clu­so­si con una con­dan­na alla distru­zio­ne di tut­te le copie, non­ché al paga­men­to di un’ammenda.
Attra­ver­so Shi­hab, gio­va­ne soft­ware desi­gner che per paga­re un debi­to orga­niz­za una rapi­na in ban­ce, Mag­dy, con­te­sta­to­re del regi­me di Muba­rak, denun­cia il cli­ma di cor­ru­zio­ne del­la poli­ti­ca egi­zia­na sen­za tace­re i nomi degli oppo­si­to­ri, e rac­con­ta i sen­ti­men­ti che ani­ma­no i gio­va­ni egi­zia­ni, tra­sfor­man­do­li in imma­gi­ni. Non è più sol­tan­to la paro­la a far­si pro­te­sta: il trat­to sapien­te e scon­si­de­ra­to dell’autore squar­cia il velo di Maya, die­tro il qua­le si nascon­de la tiran­nia. Il let­to­re vede i vol­ti degli accu­sa­ti, li rico­no­sce, iden­ti­fi­can­do a sua vol­ta se stes­so nell’oppresso, che par­la e, quin­di, leg­ge in ammeya, ovve­ro nel dia­let­to. Agni­zio­ne che diven­ta cono­scen­za e, di qui, moto di ribel­lio­ne. Il filo di Arian­na su cui si muo­ve la sto­ria di Shi­hab è la linea ros­sa del­la metro del Cai­ro. Si attra­ver­sa il traf­fi­co del­la “umm al-Dum­nia”, la madre del mon­do, come la chia­ma­no affet­tuo­sa­men­te gli egi­zia­ni, si entra nel­le bot­te­ghe, si con­ver­sa con il popo­lo, ci si scon­tra con lo sguar­do cie­co, il sor­ri­so dei vec­chi e la ras­se­gna­zio­ne al fat­to che l’assicurazione sani­ta­ria per gli ulti­mi non esi­ste. Shi­hab è un ragaz­zo in trap­po­la, con­fi­na­to a soprav­vi­ve­re den­tro le mura del popo­lo sud­di­to, in una con­di­zio­ne di meta­fo­ri­ca pri­gio­nia socia­le che descri­ve con que­ste paro­le: “Per te il pez­zo di for­mag­gio è un tele­fo­ni­no nuo­vo. Per il ric­co è una bel­la sven­to­la e la bel­la sven­to­la cor­re die­tro a una BMW ulti­mo medel­lo. Il pez­zo di for­mag­gio cre­sce fino a diven­ta­re un castel­lo a Sharm el-Shei­kh o una yacht ormeg­gia­to nel por­to di Mari­na (…) Quel­lo che con­ta è che tut­ti resti­no occu­pa­ti a rin­cor­re­re il loro for­mag­gio sen­za pen­sa­re a nient’altro”.
Accat­ti­van­te, inge­gno­sa, dis­sa­cran­te, spor­ca e ner­vo­sa, la mano di Mag­dy El Sha­fee fre­me sul­la pagi­na, nell’impeto pro­prio di una gene­ra­zio­ne che non vuo­le cede­re i pro­pri sogni all’arrendevolezza a cui è sta­ta edu­ca­ta. Se fino a due mesi fa que­sto gra­phic novel sem­bra­va espri­me­re l’urlo iso­la­to di un ribel­le, ades­so sap­pia­mo che i topi non inse­guo­no più solo il pez­zo di for­mag­gio, ma san­no anche sali­re sul­la metro e non scen­de­re alla fer­ma­ta Mubarak.

0

Una matita per la libertà

TG3 Medi­ter­ra­neo | Dome­ni­ca 27 mar­zo 2011 | Rober­to Alajmo |

Tra­dot­to in ita­lia­no poco pri­ma di esse­re cen­su­ra­to e riti­ra­to dal­le libre­rie in Egit­to, “Metro” è un fumet­to che ha denun­cia­to la vigi­lia del­la rivol­ta, la cri­si del­la socie­tà civi­le sot­to Muba­rak, dan­do il via alla libe­ra­liz­za­zio­ne del­la cul­tu­ra. Sen­tia­mo Rober­to Alajmo.
“Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni e poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”. È la fra­se sul­la quar­ta di coper­ti­na di “Metro”, libro a fumet­ti di Mag­dy El Sha­fee.

0

Magdi el Shafee, “Metro”

Inter­na­zio­na­le | Vener­dì 25 mar­zo 2011 | Fran­ce­sco Boille |

El Sha­fee vive in Egit­to ma è men­tal­men­te cosmo­po­li­ta, infat­ti subi­sce le influen­ze più varie: Hugo Pratt (di cui è inna­mo­ra­to), i supe­re­roi sta­tu­ni­ten­si o i man­ga, di cui que­sto libro pro­po­ne, oltre a un’influenza sti­li­sti­ca, la strut­tu­ra edi­to­ria­le e la let­tu­ra da sini­stra ver­so destra per le sin­go­le tavo­le. Auto­re ed edi­to­re loca­le sono sta­ti per­se­gui­ta­ti e cen­su­ra­ti in patria, con­dan­na­ti a paga­re una mul­ta sala­ta e a distrug­ge­re tut­te le copie del libro per pre­sun­te sce­ne di ses­so e rife­ri­men­ti a poli­ti­ci. Non è stra­no. La sfi­da-mes­sag­gio dell’autore è di libe­rar­si dal­la cor­ru­zio­ne, mate­ria­le e spi­ri­tua­le, che è in tut­ti noi (e che riguar­da anche l’Italia), libe­rar­si da que­sta pri­gio­ne men­ta­le e appro­priar­si con avi­di­tà di tut­te le oppor­tu­ni­tà che offre la demo­cra­zia. Mag­di deve lavo­ra­re anco­ra per tro­va­re un equi­li­brio tra imme­dia­tez­za (che lo ren­de peri­co­lo­so per il pote­re) e pro­fon­di­tà, nel­la chia­rez­za del­la costru­zio­ne del­le tavo­le e nell’amalgama del­le influen­ze (tal­vol­ta sor­pren­den­ti) e degli sti­li (dal rea­li­smo all’umorismo: in quest’ultimo il dise­gno eccel­le, El Sha­fee è infat­ti un vignet­ti­sta umo­ri­sti­co). Ma il let­to­re avrà una radio­gra­fia del­la situa­zio­ne in Egit­to incre­di­bil­men­te pre­ci­sa, nar­ra­ta in modo rapsodico.

0

Metro

Fumet­to d’Autore | Mar­te­dì 22 mar­zo 2011 | Gior­gio Messina |

Il fumet­to può rac­con­ta­re la real­tà che ci cir­con­da? Ovvia­men­te sì. E per far­lo, il fumet­to ha biso­gno neces­sa­ria­men­te di esse­re “gra­phic jour­na­li­sm”? Ma asso­lu­ta­men­te no. Il gene­re può benis­si­mo rac­con­ta­re anche l’attualità. Ce lo dimo­stra anco­ra una vol­ta — caso mai ce ne fos­se bisgo­no — “Metro”di Mag­dy El Sha­fee, la pri­ma “gra­phic novel” egi­zia­na, che con una sto­ria thril­ler a trat­ti noir (quel­lo che i fran­ce­si chia­me­reb­be­ro “polar”) rac­con­ta la situa­zio­ne dell’Egitto pri­ma del­la cadu­ta di Muba­rak, descri­ven­do­ne i fer­men­ti socia­li ben tre anni pri­ma che la Sto­ria con la S maiu­sco­la fac­cia dav­ve­ro il suo cor­so. E for­se que­sto fumet­to è sta­to tal­men­te anti­ci­pa­to­re degli even­ti degli ulti­mi mesi che non deve stu­pi­re se il con­te­nu­to è sta­to anche con­dan­na­to da un tri­bu­na­le egi­zia­no che ne ordi­nò il seque­stro del­le copie per­ché con­te­nen­ti “imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”. come si leg­ge nel­la sentenza.
Pur­trop­po però l’opera di El Sha­fee ha tut­ti i difet­ti di un fumet­to anco­ra imma­tu­ro. I testi e il rit­mo del­la sto­ria, ma soprat­tut­to i dise­gni, spes­so lascia­no a desi­de­ra­re, appa­ren­do appun­to anco­ra trop­po invo­lu­ti in cer­ti fran­gen­ti, ma Metro comun­que ha il gran­dis­si­mo pre­gio di fare entra­re il let­to­re facil­men­te all’interno del­la socie­tà egi­zia­na e del­le sue dina­mi­che. Così tra una rapi­na in ban­ca e un’assassinio, pos­sia­mo assi­ste­re nel­la sto­ria alle mani­fe­sta­zio­ni dei dimo­stran­ti, la mala­vi­ta, i poli­ti­ci cor­rot­ti e l’uomo del­la stra­da che vive di ele­mo­si­na. Il filo ros­so che uni­sce tut­ti que­sti ele­men­ti è il pro­ta­go­ni­sta, un inge­gne­re alle pre­se con la dif­fi­ci­le impre­sa di sbar­ca­re il luna­rio, di fare fron­te ai debi­ti ma anche di ave­re una vita pri­va­ta. La tra­ma si dipa­na e si intrec­cia tra le fer­ma­te del­la metro­po­li­ta­na del Cai­ro che con­fe­ri­sce il tito­lo all’opera. Alla fine non man­che­ran­no di fare capo­li­no, come in ogni bloc­k­bu­ster cine­ma­to­gra­fi­co che si rispet­ti, l’amore e la mor­te, per chiu­de­re con con il col­po di sce­na, ben con­ge­gna­to, del­la fre­ga­tu­ra pro­ve­nien­te dal per­so­nag­gio da cui meno ce lo sarem­mo aspettato.
El Sha­fee met­te in sce­na una sto­ria abba­stan­za soli­da che sareb­be potu­ta acca­de­re in qua­lun­que par­te del glo­bo, ma è lo sfon­do egi­zia­no che ne fa un’opera uni­ca nel suo gene­re. Un paio di note nega­ti­ve a due scel­te edi­to­ria­li infe­li­ci dell’editore “il Siren­te” che pub­bli­ca la sto­ria nel­la col­la­na “Altria­ra­bi”. Il bol­li­no in coper­ti­na “gra­phic novel” non ren­de mol­ta giu­sti­zia all’opera di El Sha­fee, pro­prio per­ché, come ci vie­ne spie­ga­to all’interno del volu­me, pri­ma di Metro, il ter­mi­ne “fumet­to” in Egit­to veni­va asso­cia­to a Topo­li­no. “Gra­phic Novel” sem­bra esse­re sem­pre di più una cate­go­ria com­mer­cia­le che inve­ce di esal­ta­re i con­te­nu­ti, spes­so, come in que­sto caso, rischia di smi­nuir­li. La secon­da nota riguar­da inve­ce l’indicazione nell’apparato edi­to­ria­le secon­do cui il libro a fumet­ti di El Sha­fee, espres­sio­ne  del­la cul­tu­ra ara­ba anche nel sen­so di let­tu­ra, si leg­ga “come un man­ga giap­po­ne­se”. Man­ga e Gra­phic Novel per spie­ga­re il fumet­to “Metro” rischia­no di fare un mine­stro­ne agli occhi di chi leg­ge e l’opera non se lo meri­ta, per­ché è tut­ta da asspo­ra­re e con gran­de inte­res­se, nono­stan­te i limi­ti che essa presenta.
E non potreb­be altri­men­ti quan­do una sto­ria ini­zia così: «Oggi ho deci­so di rapi­na­re una ban­ca. Non so come tut­ta que­sta rab­bia si sia anni­da­ta in me. Tut­to ciò che so è che la gen­te sta­va sem­pre da una par­te, e io da un’altra. A me è rima­sta solo una cosa: la mia testa… e ora ho final­men­te deci­so di fare quel­lo che mi dice».

0

Dalla rivoluzione in piazza a quella in libreria

Egit­tia­mo | Vener­dì 18 mar­zo 2011 | marco63 |

Dopo la rivo­lu­zio­ne del­le piaz­ze quel­la nel­le libre­rie? Se lo stan­no chie­den­do auto­ri e osser­va­to­ri atten­ti del pano­ra­ma cul­tu­ra­le egi­zia­no, attra­ver­sa­to da una ven­ta­ta di rin­no­va­men­to e fer­men­to creativo. 
“Biso­gna che la let­te­ra­tu­ra e la socie­tà civi­le ritro­vi­no quel con­tat­to a lun­go dimen­ti­ca­to, impo­ve­ri­to da anni di pub­bli­ca­zio­ni sot­to­po­ste al rigi­do con­trol­lo del­la cen­su­ra. Ma è un pro­ces­so che si sta già veri­fi­can­do. Pen­so ai nume­ro­si edi­to­ria­li che Ala al Aswa­ny, un auto­re di gran­de suc­ces­so ma fino­ra tenu­to ai mar­gi­ni dal regi­me, scri­ve in que­sti gior­ni sul quo­ti­dia­no indi­pen­den­te ‘Al masry al youm” osser­va Fadi, ex-respon­sa­bi­le del­la casa edi­tri­ce ‘Al Sho­rouk’ e oggi “com­ple­ta­men­te dedi­ca­to alla cau­sa del­la rivo­lu­zio­ne” come pre­ci­sa alla MISNA.
“Pri­ma, in Egit­to, era dif­fi­ci­le tro­va­re i suoi libri, come anche quel­li di mol­ti altri auto­ri mes­si all’indice per­ché non pia­ce­va­no o era­no dichia­ra­ta­men­te con­tro il gover­no. Ades­so, come per magia, sugli scaf­fa­li del­le libre­rie si vedo­no spun­ta­re tito­li pri­ma intro­va­bi­li e le case edi­tri­ci han­no già dispo­sto la ristam­pa di vec­chi sag­gi e pub­bli­ca­zio­ni che pri­ma cir­co­la­va­no solo di con­trab­ban­do” affer­ma l’attivista, secon­do cui “la mas­sic­cia par­te­ci­pa­zio­ne di intel­let­tua­li e scrit­to­ri alla rivo­lu­zio­ne ha final­men­te segna­to il momen­to, dell’uscita usci­ta dal­le ‘tor­ri d’avorio’ del­la let­te­ra­tu­ra e del­la con­di­vi­sio­ne di valo­ri e idea­li con la gen­te del popolo.
Tor­ri d’avorio che non han­no impe­di­to a Nawal el Saa­da­wi, ottan­ten­ne scrit­tri­ce e atti­vi­sta per i dirit­ti uma­ni di accam­par­si nel­la piaz­za Tah­rir assie­me ai ‘gio­va­ni del­la rivo­lu­zio­ne o ad auto­ri come Mag­dy el Sha­fee o lo stes­so Al Aswa­ny di pub­bli­ca­re libri come ‘Metro’, la pri­ma gra­phic novel egi­zia­na (edi­ta in Ita­lia da ‘il Siren­te’) o ‘Il palaz­zo Yacou­bian’; entram­be ope­re in cui si descri­ve con rea­li­smo la dif­fi­ci­le con­di­zio­ne di vita nell’Egitto dell’era Mubarak.
“C’è tut­ta una nuo­va gene­ra­zio­ne di scrit­to­ri e arti­sti egi­zia­ni che non aspet­ta altro che di far cono­sce­re il suo pun­to di vista su quel­lo che sta acca­den­do. La rivo­lu­zio­ne ha por­ta­to una ven­ta­ta d’aria fre­sca nel­la real­tà fino­ra asfit­ti­ca del­la pro­du­zio­ne cul­tu­ra­le” osser­va anco­ra Fadi. È in que­sto cli­ma di otti­mi­smo e fer­men­to che nasce la pos­si­bi­li­tà di tene­re la pros­si­ma fie­ra del libro del Cai­ro pro­prio in piaz­za Tah­rir, alla fine di mar­zo. Un even­to, a cui par­te­ci­pa­no ogni anno miglia­ia di case edi­tri­ci e auto­ri con incon­tri e semi­na­ri, nel luo­go sim­bo­lo del ‘nuo­vo Egitto’.

0

Cronache dall’Egitto prima della rivoluzione

Ter­ra | Mar­te­dì 15 mar­zo 2011 | Die­go Carmignani |

La rivo­lu­zio­ne anco­ra in pie­no atto nel Nord Afri­ca por­ta con sé un ven­to nuo­vo, tal­men­te poten­te da inve­sti­re a più livel­li un agi­re e un sen­ti­re ormai glo­ba­liz­za­ti. La liber­tà con­qui­sta­ta, ad esem­pio, in Egit­to è figlia e madre di un risve­glio crea­ti­vo par­ti­to dal bas­so, con i gio­va­ni in pri­mis­si­ma linea, e cir­co­la­to su gior­na­li, libri e pub­bli­ca­zio­ni varie, tan­to da far pro­no­sti­ca­re, già nei pros­si­mi mesi, una sanis­si­ma inva­sio­ne sui nostri scaf­fa­li di volu­mi e auto­ri ine­di­ti pro­ve­nien­ti da quel­le par­ti. Tra gli agi­ta­to­ri cul­tu­ra­li, che han­no avu­to il meri­to di pre­si­dia­re il luo­go sim­bo­lo del­la rivol­ta, piaz­za Tah­rir, figu­ra anche l’illustratore Mag­dy el Sha­fee, noto per aver rea­liz­za­to Metro, la pri­ma gra­phic novel (cioè pri­mo roman­zo dise­gna­to per adul­ti) di nazio­na­li­tà egi­zia­na, pub­bli­ca­ta a fine 2010 in Ita­lia dal­la casa edi­tri­ce il Siren­te, e oggi signi­fi­ca­ti­va testi­mo­nian­za di quel­lo che era il fer­men­to nel Pae­se afri­ca­no pri­ma che il regi­me fos­se rove­scia­to, sco­per­chian­do idee e ragio­ni cir­co­lan­ti, ma stroz­za­te dall’ordine costi­tui­to. Difat­ti, anche que­sta duris­si­ma sto­ria inchio­stra­ta è fini­ta sot­to la ghi­gliot­ti­na del­la cen­su­ra. Usci­to nel 2008, Metro costò ad el Sha­fee e al suo edi­to­re un pro­ces­so con­clu­so­si con la con­dan­na alla distru­zio­ne di tut­te le copie e al paga­men­to di un’ammenda di 5.000 lire egi­zia­ne, 700 euro cir­ca. Il moti­vo uffi­cia­le è la pre­sen­za nel lavo­ro di un lin­guag­gio trop­po spin­to, fuo­ri dal­la nor­ma per quel gene­re arti­sti­co e per quel­la nazio­ne. «Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti», reci­ta la sen­ten­za del tri­bu­na­le di Qasr el Nil, Cai­ro. Basta scor­re­re un po’ di pagi­ne, per accor­ger­si di come nel­le cri­ti­che piut­to­sto pale­si e auda­ci (anche per noi let­to­ri “occi­den­ta­li”) al gover­no Muba­rak, alla cor­ru­zio­ne del­la poli­ti­ca, ai mec­ca­ni­smi del pote­re, sia­no da rin­trac­cia­re i veri moti­vi del­la mes­sa all’indice. E anche, stan­do a quan­to ripor­ta­no gli addet­ti ai lavo­ri, del suc­ces­so di Metro tra le nuo­vis­si­me gene­ra­zio­ni, che, facen­do­lo cir­co­la­re sot­to­ban­co, ne han­no fat­to un ogget­to di cul­to. Le vicen­de che si intrec­cia­no sono quel­le di un sov­ver­si­vo inge­gne­re infor­ma­ti­co, di una gior­na­li­sta corag­gio­sa, di un anzia­no e affa­ma­to lustra­scar­pe, ribel­li più fru­stra­ti che eroi­ci, che spun­ta­no dall’Egitto ane­ste­tiz­za­to e impau­ri­to di pri­ma del­la rivo­lu­zio­ne. Lun­go le fer­ma­te del­la metro­po­li­ta­na (a cui el Sha­fee dà i nomi dei pre­si­den­ti Saad Zaa­ghloul, Nas­ser, Sadat, Muba­rak), scor­ro­no velo­ce­men­te epi­so­di cri­mi­no­si, fur­ti miliar­da­ri, mani­fe­sta­zio­ni repres­se: un vor­ti­ce di even­ti tre­men­da­men­te quo­ti­dia­ni, che fan­no intui­re come la feb­bri­le cao­ti­ca Cai­ro fos­se ormai sull’orlo del cambiamento.

0

Metro. Arriva in Italia la graphic novel egiziana contro Mubarak

Vogue | Mer­co­le­dì 16 feb­bra­io 2011 | Chia­ra Costa |

Nel 2008 Mag­dy El Sha­fee, blog­ger e fumet­ti­sta del Cai­ro, pub­bli­ca Metro, pri­ma gra­phic novel ara­ba. A pochi mesi dall’uscita vie­ne cen­su­ra­ta dal gover­no a cau­sa del­le “sce­ne di ses­so e del lin­guag­gio vol­ga­re”, ma in real­tà il pro­ble­ma è che le tavo­le sono pie­ne di cri­ti­che non mol­to vela­te al regi­me di Muba­rak: tut­te le copie ven­go­no riti­ra­te e distrut­te e auto­re ed edi­to­re con­dan­na­ti a paga­re una mul­ta. La casa edi­tri­ce il Siren­te ha di recen­te pub­bli­ca­to la ver­sio­ne ita­lia­na del fumet­to, in un momen­to del­la sto­ria egi­zia­na in cui que­sto roman­zo illu­stra­to ha il sapo­re di un’amara pre­vi­sio­ne.
Metro, che uti­liz­za l’omonimo font (crea­to nel 1927 negli USA) e si leg­ge a par­ti­re dal fon­do e da destra a sini­stra come nel­la ver­sio­ne ara­ba, non è sud­di­vi­so in capi­to­li: le tap­pe nar­ra­ti­ve sono pro­prio le fer­ma­te del­la metro, inti­to­la­te ai più influen­ti per­so­nag­gi poli­ti­ci egi­zia­ni. Alla sta­zio­ne Muba­rak il com­men­to è “La popo­la­zio­ne egi­zia­na sta cre­scen­do, ma io che pos­so far­ci?”, una fra­se che il pre­si­den­te egi­zia­no ha più vol­te pro­nun­cia­to nei suoi discorsi.
La pen­na di El Sha­fee dise­gna con trat­to deci­so una socie­tà mala­ta e cor­rot­ta. La metro­po­li­ta­na in bian­co e nero del Cai­ro è un tun­nel da cui è dif­fi­ci­le usci­re, un luo­go dove la spe­ran­za sem­bra ormai scom­par­sa e rea­liz­za­re i pro­pri sogni diven­ta un’impresa impos­si­bi­le. In que­sto thril­ler, che è anche sto­ria d’amore e roman­zo poli­ti­co urba­no, il gio­va­ne inge­gne­re e  pro­get­ta­to­re di soft­ware Shi­hab non rie­sce a dar voce al suo talen­to e si ritro­va pie­no di debi­ti; deci­de così di pro­get­ta­re una rapi­na con l’amico Musta­fà, che però lo tra­di­sce e scap­pa con la refur­ti­va.
Lo con­so­la la gior­na­li­sta pasio­na­ria Dina, che lo intro­du­ce alla pro­te­sta del­le piaz­ze con­tro il gover­no che ha affa­ma­to il pae­se. Lo stes­so gover­no il cui pre­si­den­te si è dimes­so in que­ste ore per via del­le mani­fe­sta­zio­ni. Lo stes­so gover­no che non si è mai mos­so con­tro auto­ri di roman­zi di denun­cia come Alaa Al Aswa­ni e Kha­led Al Kha­mis­si, a dimo­stra­zio­ne del fat­to che que­sto gene­re let­te­ra­rio par­la alla gen­te in modo diret­to attra­ver­so imma­gi­ni il cui impat­to visi­vo è dirom­pen­te, crean­do uno squar­cio di demo­cra­zia in un regi­me le cui cre­pe sono ormai vora­gi­ni pri­ma del crollo.

1

Ahmed Nagi: il cammello contro Internet nei giorni della protesta egiziana

| Fram­men­ti voca­li in MO:Israele e Pale­sti­na | Saba­to 12 feb­bra­io 2011 |

Ahmed Nagi, egi­zia­no, clas­se 1985, è scrit­to­re e blog­ger. Lavo­ra come redat­to­re per il set­ti­ma­na­le let­te­ra­rio Akh­bàr el Adab. Ha scrit­to recen­te­men­te Bolgs From Post to Tweet, un reso­con­to del pano­ra­ma Inter­net in Egit­to e Rogers e la Via del Dra­go divo­ra­to dal sole (il Siren­te, 2010). Il suo blog si chia­ma Wasa Kha­ia­lak. In que­sto con­tri­bu­to Nagi rac­con­ta i pri­mi gior­ni del­le mani­fe­sta­zio­ni egi­zia­ne, viste cam­mi­nan­do per le stra­de de Il Cai­ro in pro­te­sta. [Men­tre que­sto pez­zo veni­va scrit­to Omar Sou­lei­man ha annun­cia­to che il Pre­si­den­te egi­zia­no Muba­rak ha lascia­to il pote­re ed è par­ti­to da Il Cai­ro in dire­zio­ne di Sharm el Sheik. Il pote­re è tem­po­ra­nea­men­te nel­le mani dell’esercito.]

Per­so­nal­men­te non ero né a favo­re né con­tra­rio, e quan­do su Face­book mi arri­vò l’invito a par­te­ci­pa­re alle mani­fe­sta­zio­ni del 25 gen­na­io, ave­vo clic­ca­to “for­se”. Le mani­fe­sta­zio­ni tut­to som­ma­to fan­no sem­pre bene: sono bel­le occa­sio­ni per riu­nir­si, e ulti­ma­men­te, in Egit­to spun­ta­va­no come fun­ghi. Pas­seg­gian­do in una qual­sia­si mat­ti­na­ta cai­ro­ta da via Qasr el-Aini a via Abd al-Kha­liq Thar­wat era impos­si­bi­le non imbat­ter­si in alme­no set­te tra mani­fe­sta­zio­ni e sit-in: ognu­no con le sue richie­ste spe­ci­fi­che. Nes­su­na ha mai por­ta­to risul­ta­ti e que­sto riem­pi­va il cuo­re di delu­sio­ne e di dispe­ra­zio­ne­Fin dal­la mat­ti­na il 25 gen­na­io sem­bra­va un gior­no diver­so. Segui­vo dall’ufficio le noti­zie sull’affluenza alle mani­fe­sta­zio­ni: ne sta­va­no scop­pian­do in diver­si gover­na­to­ra­ti diver­si e in varie zone del Cai­ro, al di là di ogni aspet­ta­ti­va. La sera, rag­giun­gen­do Piaz­za Tah­rir, mi tro­vai davan­ti una sce­na com­ple­ta­men­te diver­sa da tut­to quel­lo che ave­vo visto nel­la mia vita: nono­stan­te i lacri­mo­ge­ni e i pro­iet­ti­li di gom­ma, sem­bra­va che in quel­la piaz­za la gen­te stes­se viven­do i momen­ti più feli­ci del­la sua vita: c’erano ener­gie posi­ti­ve. In un gior­no sol­tan­to la spe­ran­za era cre­sciu­ta, si era radi­ca­ta come un albe­ro la cui cre­sci­ta non pote­va esse­re più fer­ma­ta. Mi imbat­tei in un gio­va­ne che vaga­va per le stra­de del cen­tro: «Scu­si, come pos­so arri­va­re a Piaz­za Tah­rir?». Era­va­mo a via Hoda Sha­ra­wi. Men­tre gli indi­ca­vo la piaz­za mi inter­rup­pe: «Ma ci sono anco­ra le mani­fe­sta­zio­ni o è fini­to tut­to?», «No no, ci sono anco­ra». Mi rispo­se di get­to: «È che non cono­sco nes­su­no… Ho rice­vu­to un invi­to su Face­book ed ecco­mi qui…»Sembrava che fos­se­ro deci­ne di miglia­ia di per­so­ne che ave­va­no rice­vu­to quell’invito, che tan­tis­si­mi aves­se­ro clic­ca­to “sì”, ma anche tut­ti quel­li che ave­va­no clic­ca­to “for­se” ave­va­no poi deci­so di scen­de­re in piazza.
Le mani­fe­sta­zio­ni si sus­se­gui­va­no, le for­ze dell’ordine arri­va­va­no da tut­ti i lati e, già dal gio­ve­dì not­te, l’aria de Il Cai­ro era satu­ra di lacri­mo­ge­ni “made in USA” (un rega­lo gene­ro­so da par­te degli Sta­ti Uni­ti, che gli egi­zia­ni non dimen­ti­che­ran­no mai). Ma i linea­men­ti del­la gen­te e lo spie­ga­men­to del­le for­ze dell’ordine ren­de­va­no chia­ro che l’indomani, vener­dì 28 gen­na­io, sareb­be sta­to dav­ve­ro “il gior­no del­la rabbia”Quando mi alzai il vener­dì mat­ti­na sco­prii che la rete dei tele­fo­ni cel­lu­la­ri era inter­rot­ta e che Inter­net era sta­to bloc­ca­to in tut­to l’Egitto. Il mes­sag­gio era chia­ro: il Gover­no sta­va per com­pie­re una strage.
Da via al-Saha­fa uscii ver­so via al-Galaa, in cui avan­za­va un cor­teo gigan­te­sco, pie­no di don­ne e bam­bi­ni. I dipen­den­ti dell’ospedale di al-Galaa lan­cia­va­no le masche­re ai mani­fe­stan­ti per aiu­tar­li a resi­ste­re ai lacrimogeni.
Appe­na rag­giun­gem­mo la fine del­la stra­da ini­ziò la cari­ca: ho visto coi miei occhi un uffi­cia­le che avan­za­va tra le file dei sol­da­ti per lan­cia­re da solo più di quin­di­ci lacrimogeni.
Ho visto coi miei occhi don­ne fug­gi­re coi loro figli.
Ho visto coi miei occhi bam­bi­ni rischia­re di soffocare.
Ho visto coi miei occhi un lacri­mo­ge­no col­pi­re il viso di una don­na sui trent’anni. Por­ta­va il velo ed è mor­ta sul colpo.
Fug­gim­mo dal gas, mi sen­ti­vo sof­fo­ca­re, sta­vo per per­de­re i sen­si. Mi get­tai nel­le stra­di­ne late­ra­li di Bulaq: accet­tai l’invito di mastro Hisham ed entrai nel­la sua offi­ci­na. A Bulaq ho visto il com­mis­sa­rio rila­scia­re ban­di­ti e per­so­ne con pre­ce­den­ti pena­li sol­tan­to per inti­mi­di­re gli abi­tan­ti del quar­tie­re. Ma ho visto anche la gen­te di Bulaq che li arre­sta­va, li pic­chia­va, li costrin­ge­va a indos­sa­re cami­cie da don­na e a gira­re per le stra­de coper­ti dall’onta di aver tra­di­to la gen­te del loro stes­so quar­tie­re. Sono rima­sto bloc­ca­to a Bulaq per cir­ca cin­que ore, men­tre il fra­cas­so del­le gra­na­te lacri­mo­ge­ne e dei pro­iet­ti­li si era fat­to mono­to­no. I rumo­ri si cal­ma­ro­no leg­ger­men­te alla noti­zia del copri­fuo­co e con l’arrivo dei pri­mi car­ri arma­ti. Usci­to da Bulaq, mi dires­si ver­so il cen­tro e poi ver­so piaz­za Tah­rir. Per la pri­ma vol­ta l’aria del Cai­ro ave­va un sapo­re diver­so. I car­ri arma­ti dell’esercito ini­zia­ro­no a dispie­gar­si al palaz­zo del­la radio e del­la tv egi­zia­na, cer­can­do di far­si stra­da ver­so Piaz­za Tah­rir, in cui era­no rima­sti gli ulti­mi uomi­ni del­le for­ze di poli­zia che spa­ra­va­no anco­ra con­tro i mani­fe­stan­ti pro­iet­ti­li, metal­li­ci di gom­ma, e lacri­mo­ge­ni. I nego­zi del­le vie secon­da­rie era­no qua­si tut­ti chiu­si e sui vol­ti del­la gen­te c’era la sor­pre­sa e un sor­ri­so feli­ce. Le stra­de del Cai­ro era­no per la pri­ma vol­ta libe­re, appar­te­ne­va­no a tut­ti. Il cel­lu­la­re non pren­de­va più, nes­sun tele­fo­no squil­la­va, nes­su­no chia­ma­va, ma tut­ti cor­re­va­no, fra­ter­niz­za­va­no e si soste­ne­va­no. Si allun­ga­va­no mani con bot­ti­glie di ace­to, bibi­te gas­sa­te e fet­te di cipol­la. Un momen­to sto­ri­co­Fac­cio anco­ra fati­ca a met­te­re ordi­ne nel­le vicen­de suc­ces­si­ve. Mi sem­bra che tut­to sia suc­ces­so in un gior­no sol­tan­to. I discor­si del Pre­si­den­te sono sem­pre ugua­li, si sus­se­guo­no noti­zie di dimis­sio­ni e nuo­vi inca­ri­chi, sem­pre ugua­li: fac­ce che spa­ri­sco­no per fare posto ad altre masche­re del­le stes­se per­so­ne, fol­le di mani­fe­stan­ti che afflui­sco­no a Piaz­za Tah­rir e in altri gover­na­to­ra­ti. Il regi­me sta gio­can­do le sue ulti­me car­te. Il Pre­si­den­te si affac­cia e per la pri­ma vol­ta: lo sen­tia­mo abban­do­na­re la sua super­bia e rife­rir­si a se stes­so dicen­do «Io» inve­ce di «Noi».
Si trat­ta del­lo stes­so Muba­rak che qual­che set­ti­ma­na fa, quan­do qual­cu­no dell’opposizione ave­vo chie­sto un pare­re a pro­po­si­to di pro­get­ti di rifor­ma, ave­va rispo­sto «lascia­te­li diver­ti­re». Ora, sep­pur par­li con un tono qua­si sup­pli­che­vo­le, con­ti­nua a soste­ne­re che «mori­rà su que­sta ter­ra», cioè che non inten­de dimet­ter­si. Ogni vol­ta che tor­ne­rà in tele­vi­sio­ne l’ira del­la gen­te aumen­te­rà, e si tor­ne­rà a manifestare.
Qual­che ora dopo il pri­mo discor­so del Pre­si­den­te, i suoi soste­ni­to­ri e gli uomi­ni del­le for­ze dell’ordine han­no cer­ca­to di entra­re nel­la piaz­za con la for­za, attac­can­do i mani­fe­stan­ti in sel­la a caval­li, cam­mel­li e muli. Non si trat­ta più di una bat­ta­glia poli­ti­ca: in gio­co c’è la dife­sa del­la civil­tà. L’immagine è chia­ra: sia­mo davan­ti a un regi­me dal­la men­ta­li­tà medie­va­le, che gover­na in nome di un capo­tri­bù. La disob­be­dien­za vie­ne con­si­de­ra­ta una for­ma di male­du­ca­zio­ne e i suoi soste­ni­to­ri caval­ca­no per le stra­de del­la cit­tà caval­li e cam­mel­li. Dall’altro lato ci sono inve­ce i gio­va­ni del nuo­vo Egit­to, espo­nen­ti di tut­to l’arcobaleno poli­ti­co, dai Fra­tel­li Musul­ma­ni alla sini­stra radi­ca­le, uni­ti da Inter­net e dai social net­work. Il cam­mel­lo e il caval­lo con­tro Inter­net e i cel­lu­la­ri, e in mez­zo l’esercito egi­zia­no, con­fu­so, ma comun­que insod­di­sfat­to dei com­por­ta­men­ti del regi­me, sen­za tut­ta­via poter dis­sen­ti­re col suo capo supre­mo, il Pre­si­den­teI miei geni­to­ri si sono incon­tra­ti, si sono inna­mo­ra­ti, si sono spo­sa­ti e poi mi han­no dato alla luce. Sono nato, ho impa­ra­to a cam­mi­na­re, mi sono spun­ta­ti la bar­ba e i baf­fi, mi sono lau­rea­to, i miei capel­li han­no comin­cia­to a cade­re, mi sono spo­sa­to e in tut­to ciò i capel­li di Muba­rak sono anco­ra neri!Il pro­di­gio mag­gio­re di Muba­rak, secon­do la pro­pa­gan­da del suo par­ti­to, è la “sta­bi­li­tà”. Sono sta­to testi­mo­ne, come tan­ti altri scrit­to­ri e intel­let­tua­li, di come il regi­me abbia dato pie­no soste­gno a valo­ri e idee anti­che, e di come abbia eser­ci­ta­to la cen­su­ra con­tro la crea­ti­vi­tà e le pub­bli­ca­zio­ni ori­gi­na­li, con la scu­sa del­la reli­gio­ne o del­la sal­va­guar­dia del­la sicu­rez­za nazio­na­le. Ero accan­to agli ami­ci che han­no per­so il lavo­ro per le loro posi­zio­ni, ero accan­to a Mag­dy el-Sha­fee quan­do il Gover­no ha cen­su­ra­to la pri­ma gra­phic novel in ara­bo, Metro, per i suoi rife­ri­men­ti alle figu­re del par­ti­to cor­rot­to di Muba­ra­kLa cor­ru­zio­ne del regi­me di Muba­rak non si è limi­ta­ta sol­tan­to alla dit­ta­tu­ra e all’economia, ma con l’aiuto del­la mostruo­sa mac­chi­na di pro­pa­gan­da che dif­fon­de­va deci­ne di men­zo­gne e di leg­gen­de ha col­pi­to l’infrastruttura cul­tu­ra­le e socia­le egi­zia­na. Quel­lo che più stu­pi­sce è che ades­so vedia­mo ripe­te­re le stes­se men­zo­gne sui media euro­pei, le ascol­tia­mo sul­la boc­ca di poli­ti­ci di rilie­vo, come la can­cel­lie­ra Mer­kel o Ber­lu­sco­ni, l’amico inti­mo di Muba­rak. Qua­li sono que­ste menzogne?

L’Egitto, come altri pae­si, deve rima­ne­re sot­to un regi­me dit­ta­to­ria­le per garan­ti­re che gli isla­mi­sti non arri­vi­no al potere.
È il con­tra­rio: la dit­ta­tu­ra è uno dei moti­vi alla base del­la dif­fu­sio­ne dei movi­men­ti ter­ro­ri­sti­ci e del ricor­so alla vio­len­za. Que­sto regi­me non è mai sta­to lai­co: sot­to Nas­ser gli isla­mi­sti sono sta­ti tor­tu­ra­ti nel­le pri­gio­ni; Sadat poi li ha usa­ti per ster­mi­na­re i movi­men­ti di sini­stra e i grup­pi libe­ra­li. Com­piu­ta que­sta mis­sio­ne, li ha man­da­ti in Afgha­ni­stan a com­bat­te­re con­tro l’Unione Sovie­ti­ca. Quan­do sono tor­na­ti li ha incar­ce­ra­ti, li ha tor­tu­ra­ti, sen­za avvia­re alcun ten­ta­ti­vo di dia­lo­go. Que­sto li ha por­ta­ti ad allon­ta­nar­si dal­le loro linee di pen­sie­ro e a fidar­si di pagliac­ci del cali­bro di Bin Laden o al-Zar­qa­wi. L’esistenza di un siste­ma demo­cra­ti­co è un dirit­to in qual­sia­si socie­tà ed è l’unico modo per­ché si avvii un dia­lo­go vero tra i diver­si grup­pi socia­li. La demo­cra­zia auten­ti­ca garan­ti­sce il pro­ces­so di inte­gra­zio­ne dei movi­men­ti isla­mi­sti all’interno di uno sta­to civi­le e moder­no. Tro­van­do cana­li veri di par­te­ci­pa­zio­ne al dia­lo­go socia­le e poli­ti­co nes­su­no avrà biso­gno di far­si esplo­de­re per­ché suo padre è sta­to ucci­so sot­to tor­tu­ra o per­ché suo fra­tel­lo è sta­to licenziato.
 
Il rapi­do pas­sag­gio da un siste­ma dit­ta­to­ria­le a uno demo­cra­ti­co può por­ta­re al caos.
Ho sen­ti­to la Mer­kel ripe­te­re que­sta favo­la. Mi ha stu­pi­to il fat­to che fos­se anche lo stes­so pre­te­sto usa­to da Muba­rak per rifiu­ta­re le dimis­sio­ni imme­dia­te. In real­tà quan­do il 28 gen­na­io la poli­zia ha abban­do­na­to le posi­zio­ni e si è riti­ra­ta, in poche ore gli egi­zia­ni si sono orga­niz­za­ti e in ogni quar­tie­re sono nati dei comi­ta­ti popo­la­ri. Negli ulti­mi gior­ni abbia­mo visto che il popo­lo egi­zia­no è sce­so per stra­da per sal­va­guar­da­re le sue pro­prie­tà, per diri­ge­re il traf­fi­co e per rac­co­glie­re la spaz­za­tu­ra, men­tre Muba­rak e il suo nuo­vo Pri­mo Mini­stro non sono capa­ci di nomi­na­re un Gover­no. Abbia­mo visto i musul­ma­ni fare da guar­dia alle chie­se, non c’è sta­ta alcu­na mole­stia ses­sua­le, abbia­mo visto disoc­cu­pa­ti fare la guar­dia a ban­che in cui si sono accu­mu­la­te le for­tu­ne di uomi­ni d’affari cor­rot­ti. Tut­to que­sto è avve­nu­to per­ché gli egi­zia­ni rifiu­ta­no il van­da­li­smo e il caos: sono un popo­lo attac­ca­to e alle isti­tu­zio­ni. La sen­si­bi­li­tà che ha mostra­to la socie­tà egi­zia­na è sta­ta una sor­pre­sa per tan­ti, me com­pre­so, e ci ha mostra­to che que­sta socie­tà è in gra­do di gestir­si sen­za biso­gno del­la custo­dia di un vec­chio gene­ra­le o dei con­si­gli dei lea­der poli­ti­ci europei.
La pre­sen­za di Muba­rak ras­si­cu­ra Israe­le e por­ta avan­ti il pro­ces­so di pace, garan­ten­do quin­di la sta­bi­li­tà in Medio Oriente.
La veri­tà è che in più di due set­ti­ma­ne di mani­fe­sta­zio­ni in tut­te le stra­de e le piaz­ze dell’Egitto non si è sen­ti­to nep­pu­re uno slo­gan reli­gio­so o osti­le a un qual­che pae­se del mon­do. Il regi­me di Muba­rak, che in pub­bli­co dichia­ra di soste­ne­re la pace, in real­tà soste­ne­va le poli­ti­che e le idee dell’odio nei con­fron­ti dell’altro, per poi dipin­ger­si come l’affidabile custo­de dei con­fi­ni e del­la sicu­rez­za del Pae­se. Il regi­me di Muba­rak ha tut­to l’interesse a man­te­ne­re inso­lu­ta la que­stio­ne pale­sti­ne­se, per­ché si trat­ta di una car­ta che può usa­re con ame­ri­ca­ni e euro­pei. Il popo­lo egi­zia­no, per le vite che ha paga­to, aspi­ra sol­tan­to alla pace: nes­su­no met­te in dub­bio l’esigenza di tro­va­re una solu­zio­ne alla cau­sa pale­sti­ne­se basa­ta sul­la legit­ti­mi­tà inter­na­zio­na­leIe­ri sera ha pio­vu­to sui mani­fe­stan­ti di Piaz­za Tah­rir. C’era un ragaz­zo che suo­na­va la chi­tar­ra e can­ta­va entu­sia­sta in mez­zo alla fol­la. Un altro pre­ga­va ver­so l’esterno del­la piaz­za. Una casa­lin­ga era sedu­ta sul mar­cia­pie­de e rac­con­ta­va una sto­ria ai suoi figli. Alcu­ne ragaz­ze si face­va­no le foto accan­to ai car­ri arma­ti. Un gio­va­ne medi­co cura­va le feri­te di un mani­fe­stan­te col­pi­to duran­te un attac­co dei delin­quen­ti di Muba­rak. C’erano gio­va­ni che par­la­va­no di crea­re un sito per docu­men­ta­re gli avve­ni­men­ti di Piaz­za Tah­rir. C’era la festa di matri­mo­nio di due ragaz­zi che han­no deci­so di spo­sar­si in piaz­za, in mez­zo ai mani­fe­stan­ti. C’era un pre­te che si pre­pa­ra­va a cele­bra­re la Mes­sa per l’anima dei mar­ti­ri del­la rivo­lu­zio­ne. C’erano alcu­ni arti­sti che dipin­ge­va­no sul mar­cia­pie­de. C’era un vec­chio che cam­mi­na­va gri­dan­do: «Io sono il popo­lo. E il popo­lo vuo­le la cadu­ta del regime».

Ma il Pre­si­den­te rifiu­ta di dimet­ter­si e i suoi capel­li sono anco­ra neri e lucidi.
A te la scel­ta. Sostie­ni la rivoluzione.

0

Potere alla parola! Gli scrittori egiziani e la rivolta

WUZ | Mer­co­le­dì 9 feb­bra­io 2011 | Mat­teo Baldi |

Le noti­zie che arri­va­no dal Cai­ro in que­sti gior­ni, vio­len­te e con­fu­se, par­la­no di un popo­lo che sta pro­van­do a cam­bia­re le cose, a dispet­to dell’acquiescenza del resto del mon­do. Ma che ruo­lo han­no gli intel­let­tua­li, in una situa­zio­ne come quel­la attua­le? E qua­le voce? Ci sono spa­zi per espri­me­re dis­sen­so, in un pae­se come l’Egitto? E i libri, rac­con­ta­no (o han­no pre­vi­sto) quel che sta acca­den­do? Andia­mo a vedere. 

Il mon­do inte­ro dovreb­be esse­re orgo­glio­so dell’inerzia con cui ha assi­sti­to alla libe­ra­zio­ne del popo­lo egi­zia­no. Il regi­me di Muba­rak era soli­to nomi­na­re mala­vi­to­si e adot­ta­re un regi­me di poli­zia sel­vag­gio per soste­ne­re i mem­bri del suo par­la­men­to e sop­pri­me­re la nostra ani­ma più auten­ti­ca, l’anima del­la liber­tà. Ma noi ci stia­mo impegnando”.
Ci scri­ve dal suo blac­k­ber­ry, con ama­ris­si­ma iro­nia,  Mag­dy El Sha­fee, fumet­ti­sta con­dan­na­to l’anno scor­so in segui­to al pro­ces­so per osce­ni­tà che gli era sta­to inten­ta­to dal­lo Sta­to egi­zia­no. La sua gra­phic novel “Metro”, infat­ti (pub­bli­ca­ta in Ita­lia dal­le edi­zio­ni Il Siren­te), all’interno di una vicen­da di spio­nag­gio, mostra un uomo e una don­na inten­ti in un rap­por­to sessuale.I dise­gni sono sta­ti con­si­de­ra­ti por­no­gra­fi­ci, e quin­di offen­si­vi. Tut­te le copie distri­bui­te al Cai­ro sono sta­te riti­ra­te e distrut­te, e Mag­dy ha dovu­to paga­re un’ammenda sala­ta. Ma sarà dav­ve­ro sola­men­te una que­stio­ne di dise­gni immorali?
Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”, reci­ta la sen­ten­za emes­sa dal Trbu­na­le, e allo­ra si capi­sce for­se meglio cosa pos­sa aver dato tan­to fasti­dio alle auto­ri­tà, in un pae­se (e una cul­tu­ra) in cui il ses­so for­se non vie­ne osten­ta­to pub­bli­ca­men­te ma cer­to non è tabù nel­le con­ver­sa­zio­ni e non può esse­re l’unica ragio­ne per met­te­re all’indice un libro a fumetti.
El Sha­fee, però, non è l’unica vit­ti­ma di un regi­me che mostra un vol­to pre­sen­ta­bi­le sola­men­te al resto del mon­do, e cen­su­ra il dis­sen­so impo­nen­do un con­trol­lo rigi­do anche sul web.
Nei pri­mi gior­ni degli scon­tri, la rete in Egit­to ha subi­to un vero e pro­prio blac­kout, per impe­di­re che le noti­zie di quel che sta­va acca­den­do fil­tras­se­ro ver­so gli altri Pae­si, ma anche per far sen­ti­re più iso­la­ti i blog­ger e tut­ti que­gli egi­zia­ni che tro­va­no in inter­net una fine­stra sul mondo.
Ala ‘Al Aswa­ni, cele­bra­to auto­re di Palaz­zo Yacou­bian (Fel­tri­nel­li edi­zio­ni), pro­muo­ve da anni un salot­to let­te­ra­rio al Cai­ro, cit­tà nel­la qua­le svol­ge la pro­fes­sio­ne di den­ti­sta ed è un intel­let­tua­le cono­sciu­to e rispet­ta­to. L’espressione “salot­to let­te­ra­rio”, però evo­ca imme­dia­ta­men­te imma­gi­ni di con­ci­lian­ti sedu­te che si svol­go­no fra ape­ri­ti­vi e mol­lez­ze – appun­to – salottiere.
Nul­la di più lon­ta­no dal vero, però, nei pae­si in cui la liber­tà di stam­pa è limi­ta­ta, i dirit­ti del­le don­ne sono un argo­men­to pura­men­te acca­de­mi­co e tut­ti i gior­ni la cor­ru­zio­ne che per­mea l’apparato poli­ti­co e ammi­ni­stra­ti­vo del Pae­se vin­co­la ogni serio ten­ta­ti­vo di miglio­ra­re le con­di­zio­ni del­la società.
Ten­go anco­ra i miei semi­na­ri per discu­te­re di que­stio­ni cul­tu­ra­li. Li ten­go dal 1996.
L’ho fat­to anche nei caf­fè, pub­bli­ca­men­te. Nel 2004 il gover­no ha minac­cia­to il pro­prie­ta­rio del caf­fè all’interno del qua­le li tene­va­mo, e allo­ra ci sia­mo spo­sta­ti nel palaz­zo dove ha sede “Kifa­ya” (“Abba­stan­za”), movi­men­to poli­ti­co che rac­co­glie intel­let­tua­li di diver­sa estra­zio­ne”, spie­ga­va Al Aswa­ni in un’intervista rac­col­ta a mar­gi­ne del­la sua par­te­ci­pa­zio­ne alla scor­sa edi­zio­ne del Salo­ne Inter­na­zio­na­le del Libro di Tori­no, dove l’Egitto era il Pae­se ospite.

Altri scrit­to­ri sono Nawal Al Saa­da­wi, auto­re de L’amore ai tem­pi del petro­lio, Ahmed Nagy, auto­re di Rogers e Kha­led Al Kamis­si, auto­re di Taxi.
I tre libri, oltre al fat­to di esse­re pub­bli­ca­ti in Ita­lia dal­lo stes­so edi­to­re (Il siren­te), han­no in comu­ne la capa­ci­tà di descri­ve­re la socie­tà civi­le egi­zia­na coglien­do­ne al tem­po stes­so la vita­li­tà e le scle­ro­si. Nel caso di Al Kamis­si, ad esem­pio, il Cai­ro è un bru­li­chio inin­ter­rot­to di vita col­to dal fine­stri­no del taxi, e i taxi­sti stes­si sono un pre­ci­pi­ta­to d’Egitto, con il loro lamen­tar­si del­le isti­tu­zio­ni e del­la cor­ru­zio­ne che però non por­ta a nulla.
Rogers”, inve­ce, è ope­ra di un blog­ger segui­tis­si­mo, un’opera ispi­ra­ta addi­rit­tu­ra a “The wall” di Roger Waters. Dal­la sche­da dedi­ca­ta a Ahmed Nagy sul sito de Il siren­te: “… in Egit­to è mol­to noto come blog­ger, ma soprat­tut­to per esse­re uno dei più gio­va­ni redat­to­ri di Akh­bàr el Adab, il pre­sti­gio­so set­ti­ma­na­le let­te­ra­rio diret­to da Gamàl al-Ghi­tà­ni. Auto­re d’avanguardia, usa la Rete per scuo­te­re il pano­ra­ma let­te­ra­rio con­ser­va­to­re. Il suo blog Wasa kha­ia­lak (Allar­ga la tua imma­gi­na­zio­ne), ini­zia­to nel 2005, par­la di socio­lo­gia, pop art, dirit­ti uma­ni e cul­tu­ra: “spe­ri­men­to un diver­so livel­lo di lin­guag­gi per avvi­ci­na­re la gen­te alla letteratura”.

Nawal Al Saa­da­wi, infi­ne, è una pio­nie­ra del fem­mi­ni­smo nel mon­do ara­bo. Scrit­tri­ce e psi­chia­tra, ha sor­ti­to gran­de influen­za sul­le gene­ra­zio­ni più gio­va­ni, pro­prio gra­zie ai suoi libri. Can­di­da­ta­si alle ele­zio­ni pre­si­den­zia­li nel 2004, ha anche pas­sa­to un perio­do in gale­ra duran­te la pre­si­den­za di Sadat, ed è sta­ta iscrit­ta nel­la lista degli obiet­ti­vi di un grup­po fon­da­men­ta­li­sta. L’amore ai tem­pi del petro­lio, sot­to le spo­glie di un roman­zo gial­lo, com­pie un’indagine sul­la con­di­zio­ne del­le don­ne nei pae­si arabi, muovendo i suoi let­to­ri a una pre­sa di coscienza.
Altra scrit­tri­ce egi­zia­na è Gha­da Abdel Aal, autri­ce di un libro e un blog mol­to segui­to inti­to­la­ti Che il velo sia da spo­sa (pub­bli­ca­to in Ita­lia da Epo­ché). In Egit­to il libro ha cono­sciu­to tale e tan­ta noto­rie­tà che la tele­vi­sio­ne ne ha trat­to uno sce­neg­gia­to, inter­pre­ta­to nel ruo­lo del­la pro­ta­go­ni­sta da una del­le attri­ci più cele­bri del mon­do ara­bo. Ma la sto­ria di Bri­de, gio­va­ne don­na in cer­ca di un mari­to da spo­sa­re per amo­re, è anche la gal­le­ria di una serie di “tipi” che rias­su­mo­no mol­to bene carat­te­ri­sti­che e difet­ti degli uomi­ni cui una don­na “in età da mari­to” può ambi­re in Egit­to, e que­sta è la ragion per cui Gha­da, con il suo alter ego roman­ze­sco, si è gua­da­gna­ta il sopran­no­me di “Brid­get Jones” ara­ba (sopran­no­me che — va det­to — all’autrice non pia­ce per nul­la)… noi abbia­mo inter­vi­sta­to Gha­da Abdel Aal nei dif­fi­ci­li gior­ni del­le pro­te­ste e del­le mani­fe­sta­zio­ni per cac­cia­re il Pre­si­den­te Mubarak.

0

Il mio diario a fumetti da piazza Tahrir

La Repub­bli­ca | Dome­ni­ca 6 feb­bra­io 2011 | pp. 32–33 | sezio­ne: Dome­ni­ca­le | Fran­ce­sca Cafer­ri |

Lune­dì 24 gen­na­io. È la sera pri­ma del­la mani­fe­sta­zio­ne, non sap­pia­mo cosa aspet­tar­ci. Abbia­mo mol­te spe­ran­ze, ma doma­ni quan­te saran­no le per­so­ne che ver­ran­no in piaz­za? Comin­cio a rice­ve­re un sac­co di tele­fo­na­te di ami­ci, e così mi ritro­vo a pen­sa­re, a sape­re nel pro­fon­do del mio cuo­re, che quel­la che stia­mo per vive­re è la fine del regi­me di Muba­rak. Dico a tut­ti quel­li che cono­sco che doma­ni dob­bia­mo anda­re in piaz­za: se non cam­bi qual­co­sa di pic­co­lo tu, le cose gran­di non cam­bie­ran­no mai.

Mar­te­dì 25 gen­na­io. Il mio sogno sta diven­tan­do real­tà: in stra­da, improv­vi­sa­men­te, ci sono miglia­ia di per­so­ne. Gen­te che non ha nes­su­na espe­rien­za poli­ti­ca, che non è mai sta­ta atti­va, ma che oggi rispon­de all’ appel­lo lan­cia­to in nome di Kha­lid Said (un gio­va­ne atti­vi­sta egi­zia­no fer­ma­to e pic­chia­to a mor­te da due poli­ziot­ti fuo­ri da un inter­net cafè ad Ales­san­dria qual­che mese fa). La pagi­na a suo nome su Face­book è sta­ta una di quel­le che han­no chia­ma­to alla pro­te­sta: ma non mi aspet­ta­vo che in così tan­ti rispondessero.

Mer­co­le­dì 26 gen­na­io. Pos­sia­mo far­ce­la. Dopo la fiam­ma­ta di ieri, anche oggi la gen­te è tor­na­ta in stra­da. Inter­net non fun­zio­na, i tele­fo­ni­ni sono muti, nien­te sms. Ma tut­ti ci sia­mo diret­ti a piaz­za Tah­rir: per pas­sa­pa­ro­la, per­ché que­sta è la piaz­za del­la Libe­ra­zio­ne (Tah­rir in ara­bo, ndr). E noi voglia­mo esse­re libe­ri. È una spe­cie di mira­co­lo, ritro­var­ci tut­ti qui. Oggi abbia­mo deci­so: il momen­to deci­si­vo sarà vener­dì, dopo la pre­ghie­ra di mezzogiorno.

Vener­dì 28 gen­na­io. In cen­tro, con mia moglie. Andia­mo ver­so piaz­za Tah­rir, vedia­mo arri­va­re gen­te da ogni dire­zio­ne. Occu­pia­mo la piaz­za. La poli­zia è pre­oc­cu­pa­ta, ma noi sia­mo tan­tis­si­mi. Pro­va­no a fer­mar­ci, scon­tri, ma dav­ve­ro è impos­si­bi­le but­tar­ci fuo­ri da que­sta piaz­za. Tut­to acca­de mol­to in fret­ta: pri­ma la gio­ia, poi la rab­bia, gli scon­tri con la poli­zia, i can­no­ni ad acqua, le pal­lot­to­le di gom­ma. Arri­va­no i tank dell’ eser­ci­to, abbia­mo dav­ve­ro pau­ra: non sap­pia­mo cosa faran­no. Poi ci dico­no: «Sia­mo con voi». Un’ esplo­sio­ne di feli­ci­tà. Dura poco: la tele­vi­sio­ne annun­cia un discor­so di Muba­rak. Ciò che dice gela il nostro umo­re, la piaz­za è furio­sa. Una gior­na­ta paz­ze­sca oggi. Tor­no a casa tar­dis­si­mo, solo per ripo­sa­re un po’ .

Saba­to 29 gen­na­io. Mi sve­glio anco­ra pie­no di rab­bia. Tut­to è così ingiu­sto. Le pro­mes­se fat­te ieri sera da Muba­rak non pos­sia­mo accet­tar­le. Que­sto è anco­ra più chia­ro ora, al sor­ge­re del sole. Trop­po poco, trop­po tar­di. Dob­bia­mo tro­va­re il modo di urlar­lo al mon­do che ci guar­da: così non va bene. Voi in Occi­den­te ave­te scrit­to mol­to su Moham­med El Bara­dei (l’ex segre­ta­rio gene­ra­le dell’ Aiea, pre­mio Nobel per la pace e da mesi indi­ca­to come l’ anti­Mu­ba­rak, ndr). Noi arti­sti e intel­let­tua­li lo appog­gia­mo in vista di una tran­si­zio­ne: anche i Fra­tel­li musul­ma­ni lo fan­no. Ma dove­te sta­re atten­ti: è la rab­bia del­la gen­te che muo­ve que­sta pro­te­sta, soprat­tut­to la rab­bia dei gio­va­ni che si orga­niz­za­no via Inter­net. Sono le loro voci che devo­no esse­re ascol­ta­te, non quel­le del­la politica.

Lune­dì 31 gen­na­io. Resta­re in piaz­za, non anda­re via: è l’ uni­co modo per otte­ne­re qual­co­sa. E allo­ra la gen­te deci­de di resta­re a piaz­za Tah­rir, dan­do­si il cam­bio. «Come a Tie­nan­men», mi dice un ami­co. Lo sap­pia­mo, ci abbia­mo pen­sa­to. Lo voglio dire chia­ro: a que­sto pun­to sia­mo pron­ti a tut­to. Se Muba­rak vuo­le fare un bagno di san­gue, sap­pia che la gen­te è pron­ta al bagno di san­gue. Chi sta in piaz­za oggi non è più un cit­ta­di­no ordi­na­rio dell’Egitto, è una per­so­na con­sa­pe­vo­le. «Voglio ren­de­re il mio pae­se miglio­re», mi ha det­to un ragaz­zi­no: ave­va vin­to una bor­sa di stu­dio, dove­va par­ti­re, non lo ha fat­to, non è il momen­to. Non sia­mo più silen­zio­si e ras­se­gna­ti: la gen­te intor­noa me vuo­le solo una cosa. Un cam­bia­men­to vero e uno sta­to real­men­te demo­cra­ti­co: non ci fidia­mo di Omar Sulei­man (il capo dei ser­vi­zi segre­ti nomi­na­to vice­pre­si­den­te qual­che gior­no fa, ndr ), non voglia­mo ascol­ta­re le sue paro­le quan­do par­la di «tran­si­zio­ne»: non sia­mo sce­si in piaz­za per ave­re lui: voglia­mo esse­re libe­ri, inse­gna­re alla gen­te cosa sono i par­ti­ti e la democrazia.

Gio­ve­dì 3 feb­bra­io. Quel­lo che sta acca­den­do è la rea­liz­za­zio­ne del­le idee che ho scrit­to nel mio libro: l’ iner­zia a usci­ree par­te­ci­pa­re che tan­to cri­ti­ca­vo oraè fini­ta. Una ven­det­ta con­tro la cen­su­ra che ha bloc­ca­to il mio libro? No, non è que­sto. Io non mi ven­di­co, ma è bel­lis­si­mo. Non come fini­rà. Muba­rak ha par­la­to di nuo­vo ieri, pen­sa­va­mo che si dimet­tes­se: non lo ha fat­to. Non capi­sce che la gen­te non lo vuo­le. La rab­bia mon­ta. Gli agen­ti del­la sua guar­dia nazio­na­le, che indos­sa­no le uni­for­mi dell’ eser­ci­to, ci stan­no attac­can­do, tira­no sas­si, alcu­ni sono arma­ti. Ma non ci fer­mia­mo. Ieri ho dise­gna­to. Poco, solo per rac­con­ta­re quel­lo che sta suc­ce­den­do. Scri­ve­rò un altro libro quan­do tut­to que­sto sarà fini­to. E sarà la sto­ria di que­sti gior­ni. Ma ora è trop­po pre­sto per pensarci.

0

L’attimo prima della rivolta

| Cospe Onlus | Vener­dì 4 feb­bra­io 2011 | Pame­la Cioni |

La liber­tà va chie­sta con for­za. Va pre­sa, non può esse­re con­ces­sa», dice Mag­di El Sha­fei, auto­re del pri­mo gra­phic novel del mon­do ara­bo, Metro. Che è sta­to un vero e pro­prio caso edi­to­ria­le, cen­su­ra­to in Egit­to subi­to dopo la pub­bli­ca­zio­ne con la pic­co­la casa edi­tri­ce di Muham­mad Shar­qa­wi (tra­dot­to in ingle­se e fran­ce­se, in Ita­lia è usci­to per i tipi de il Siren­te). Mag­di par­la fuman­do inin­ter­rot­ta­men­te e alzan­do la voce sopra il bru­sio di fon­do del cen­tra­le bar Grop­pi nel quar­tie­re cai­ro­ta di Down Town: è il 24 gen­na­io, un gior­no dall’aria tie­pi­da e pri­ma­ve­ri­le, e man­ca­no poche ore a quel­lo che sarà ricor­da­to nel­la sto­ria egi­zia­na come “il gior­no del­la Rab­bia”. I blin­da­ti e gli agen­ti del­la Poli­zia gover­na­ti­va, la fami­ge­ra­ta Sicu­rez­za nazio­na­le, già cir­con­da­no edi­fi­ci e pre­si­dia­no le piaz­ze, ma la vita scor­re — anco­ra — tran­quil­la, anzi fre­ne­ti­ca, come sem­pre, nel cosid­det­to quar­tie­re degli intel­let­tua­li e tea­tro degli scon­tri più duri tra mani­fe­stan­ti e gover­no. È a pochi pas­si dal bar infat­ti l’ormai famo­sa piaz­za Tah­rir, “Libe­ra­zio­ne”. Mag­di è un fiu­me in pie­na e par­la ecci­ta­to e ansio­so pen­san­do alla gran­de mani­fe­sta­zio­ne pre­vi­sta per il gior­no suc­ces­si­vo, gior­no di festa nazio­na­le, para­dos­sal­men­te pro­prio indet­ta per cele­bra­re un qual­che glo­rio­so even­to del­la poli­zia egi­zia­na. «Doma­ni scen­de­re­mo in piaz­za e chie­de­re­mo con­to del­le tan­te pro­mes­se che ci sono sta­te fat­te in que­sti anni e che non sono sta­te mai rea­liz­za­te. Le per­so­ne sono stan­che, esa­spe­ra­te. Lo sen­to tut­ti i gior­ni, per stra­da, sui mini­bus, sui taxi». Mag­di El Sha­fei, lau­rea in Far­ma­cia e fumet­ti­sta di pun­ta del­la nuo­va gene­ra­zio­ne egi­zia­na, è uno che degli umo­ri del­la stra­da se ne inten­de e li ha inter­pre­ta­ti e usa­ti per modu­la­re il lin­guag­gio, per rac­con­ta­re sogni, aspi­ra­zio­ni e vicis­si­tu­di­ni del pro­ta­go­ni­sta del suo pri­mo roman­zo a fumet­ti: Shi­hab, un gio­va­ne inge­gne­re infor­ma­ti­co che, rima­sto disoc­cu­pa­to, deci­de di com­pie­re una rapi­na, come ribel­lio­ne, come uni­co gesto di riscat­to dopo aver pro­va­to a rea­liz­za­re legal­men­te i pro­pri pro­get­ti e aver incon­tra­to nel suo umi­lian­te per­cor­so una tra­fi­la di cor­rot­ti e usu­rai. «Esse­re fuo­ri­leg­ge, può esse­re un atto di ribel­lio­ne, se stai lot­tan­do per la tua liber­tà, per i tuoi dirit­ti e se è la socie­tà a esse­re sba­glia­ta, cor­rot­ta». I veri cri­mi­na­li nel roman­zo infat­ti sono altri: sono gli alti fun­zio­na­ri, è il siste­ma del­la maz­zet­ta e il Male dei Mali è rap­pre­sen­ta­to da una socie­tà sta­gnan­te in cui man­ca un vero Sta­to socia­le, una socie­tà in cui il livel­lo di istru­zio­ne è bas­sis­si­mo, in cui gran par­te del­la popo­la­zio­ne tira a cam­pa­re con pochi dol­la­ri al mese viven­do di espe­dien­ti in quar­tie­ri pove­ris­si­mi, spor­chi e sovrappopolati.
In Metro vie­ne rap­pre­sen­ta­ta tut­ta que­sta fet­ta del­la socie­tà ma sono for­se Shi­hab e la gior­na­li­sta Dina, con cui, ine­vi­ta­bi­le, scat­ta la sto­ria d’amore, che rap­pre­sen­ta­no più da vici­no quei ragaz­zi che dal 25 gen­na­io scor­so sono in piaz­za e che riven­di­ca­no un Pae­se più giu­sto e soprat­tut­to più libe­ro. Sen­za cen­su­ra e con vera liber­tà di espres­sio­ne. Sono i ragaz­zi del­la rivo­lu­zio­ne dei social media, quel­li che fuo­ri da schie­ra­men­ti poli­ti­ci veri e pro­pri, si sono incon­tra­ti prin­ci­pal­men­te nel­le piaz­ze vir­tua­li di inter­net, su face­book e su twit­ter. Sono i gio­va­ni, che rap­pre­sen­ta­no i due ter­zi di que­sto Pae­se, che usa­no inter­net e cel­lu­la­ri tut­ti i gior­ni e che sull’onda bene­fi­ca e ispi­ra­tri­ce del­la Tuni­sia si sono dati appun­ta­men­to per pro­te­sta­re con­tro il regi­me. Sul­la pagi­na face­book più fre­quen­ta­ta, “We are all Kha­led Said” in memo­ria di uno stu­den­te di Ales­san­dria ucci­so nel giu­gno scor­so dal­la poli­zia, era­no in 90mila il gior­no pri­ma a dire che sì, ci sareb­be­ro sta­ti, lì in piaz­za a mani­fe­sta­re per cam­bia­re il pro­prio futu­ro, per­ché se è suc­ces­so in Tuni­sia può suc­ce­de­re anche qui, per­ché nien­te è immu­ta­bi­le e per­ché l’entusiasmo è con­ta­gio­so tra i gio­va­ni, che meno facil­men­te accet­ta­no un desti­no che sem­bra scrit­to una vol­ta per tut­te: «La cosa che for­se ci ha scos­so di più nell’ultimo perio­do è sta­ta l’annuncio del­la suc­ces­sio­ne al gover­no (per le pre­vi­ste ele­zio­ni del novem­bre 2011, ndr) del figlio di Muba­rak, Gamal — dice Al Sha­fei con­ti­nuan­do a fuma­re e sor­seg­gian­do un lun­go caf­fè tur­co -. Que­sta enne­si­ma impo­si­zio­ne, que­sta idea del­la discen­den­za monar­chi­ca del pote­re, ha vera­men­te dato uno schiaf­fo alle nostre coscien­ze. Altre vol­te c’erano sta­ti foco­lai di rivol­ta, nel 2005 con gli scio­pe­ri a El Mahal­la (loca­li­tà a 60 chi­lo­me­tri dal Cai­ro, ndr), nel 2008, anno in cui nac­que il “Movi­men­to del 6 apri­le” che pren­de il nome dal gior­no del­le pro­te­ste. Ma ades­so c’è qual­co­sa di più e di diver­so: c’è l’esempio del­la Tuni­sia. Ades­so sap­pia­mo che è pos­si­bi­le». L’entusiasmo del­lo scrit­to­re alla vigi­lia dell’appuntamento con la Sto­ria sem­bra dav­ve­ro incon­te­ni­bi­le: «Doma­ni — aggiun­ge pro­fe­ti­co — sarà la socie­tà civi­le a scen­de­re in piaz­za, ci sarà solo la “bra­va gen­te”, non ci saran­no par­ti­ti né grup­pi reli­gio­si a met­te­re il cap­pel­lo sul­la mani­fe­sta­zio­ne». E ave­va ragio­ne. I tan­to temu­ti Fra­tel­li musul­ma­ni, uni­co vero par­ti­to di oppo­si­zio­ne a Muba­rak, non han­no par­te­ci­pa­to all’organizzazione del­la mani­fe­sta­zio­ne né han­no ade­ri­to alle pro­te­ste fino al vener­dì 28 gen­na­io. I pri­mi quat­tro gior­ni di pro­te­ste sono sta­ti dun­que anche un test per misu­ra­re la for­za del­la socie­tà civi­le lai­ca e autoor­ga­niz­za­ta e la rispo­sta è sta­ta feno­me­na­le. Eppu­re solo la set­ti­ma­na pri­ma il radu­no indet­to a favo­re del­la Tuni­sia sot­to il Par­la­men­to ave­va rac­col­to solo alcu­ne deci­ne di “duri e puri”. E non era­no in pochi a esse­re scet­ti­ci pri­ma del­la vigi­lia del­la mani­fe­sta­zio­ne o per­lo meno più cau­ti del fumettista.

Tra que­sti, un altro scrit­to­re, una voce auto­re­vo­le tra gli intel­let­tua­li cai­ro­ti, Kha­led Al Kha­mis­si, gior­na­li­sta, sce­neg­gia­to­re e pro­dut­to­re cine­ma­to­gra­fi­co, anche lui resi­den­te nel­la “Rive Gau­che” del Nilo. Il suo libro Taxi. Le stra­de del Cai­ro si rac­con­ta­no, che in Egit­to ha avu­to 12 ristam­pe (pub­bli­ca­to anche in Ita­lia), rac­con­ta uno spac­ca­to del­la socie­tà egi­zia­na, vista dal bas­so, cioè dal­la par­te dei tas­si­sti, tra le cate­go­rie più disa­gia­te del­la metro­po­li: sono 80mila, gua­da­gna­no pochis­si­mo e fan­no una vita di infer­no fra tas­se da paga­re e ora­ri impos­si­bi­li in mez­zo al traf­fi­co più ingar­bu­glia­to del mon­do. Eppu­re nel libro di Al Kha­mis­si sono pro­prio i tas­si­sti, novel­li can­ta­sto­rie, a esse­re deten­to­ri del­la sag­gez­za popo­la­re e a rac­con­ta­re l’Egitto moder­no con le sue con­trad­di­zio­ni socia­li e cul­tu­ra­li, con le sue ten­sio­ni e anche con i suoi lati di comi­ci­tà e iro­nia tipi­ca di que­sto Pae­se. Kha­led dice che già all’epoca del­la pri­ma ste­su­ra del libro (2006) era con­vin­to che qual­co­sa stes­se esplo­den­do, che qual­co­sa doves­se suc­ce­de­re per­ché la misu­ra era già col­ma, ma poi nien­te. «Il tut­to, comin­cia­to con scio­pe­ri di lavo­ra­to­ri, ope­rai e pro­te­ste dif­fu­se, si è sgon­fia­to per­ché il regi­me di Muba­rak è sta­to più fur­bo e stri­scian­te di quel­lo tuni­si­no, offri­va spi­ra­gli e aper­tu­re che impe­di­va­no al “pallone/società” di scop­pia­re. Dava un po’ di pote­re a tut­ti, ai musul­ma­ni, ai cop­ti, si erge­va a pala­di­no del­la lai­ci­tà nei con­fron­ti dell’Occidente e allo stes­so tem­po finan­zia­va i grup­pi isla­mi­ci più estre­mi­sti. Cen­su­ra­va i gior­na­li ma ci per­met­te­va di par­la­re libe­ra­men­te per stra­da, impe­di­va alcu­ne pub­bli­ca­zio­ni ma con­ce­de­va spa­zi tele­vi­si­vi a dibat­ti­ti poli­ti­ci». E aggiun­ge: «Ora però sarà sicu­ra­men­te l’inizio di un cam­bia­men­to e un’era, quel­la del con­ser­va­to­ri­smo, dell’estremismo e del­la “brut­tez­za”, sta finen­do qui come in tut­ta Euro­pa. I gio­va­ni che pure qui sono nati sot­to que­sto regi­me e sot­to le leg­gi spe­cia­li di “emer­gen­za” (in vigo­re dagli anni Ottan­ta, ndr) sono tan­ti, sono for­ti e voglio­no liber­tà. Han­no una men­ta­li­tà com­ple­ta­men­te diver­sa dal­la nostra e gra­zie ai nuo­vi stru­men­ti e le nuo­ve tec­no­lo­gie che han­no cam­bia­to il loro modo di pen­sa­re, di vede­re il mon­do e di cono­sce­re, cam­bie­ran­no que­sto Pae­se. È solo que­stio­ne di tem­po». Il tem­po è arri­va­to, nono­stan­te gli scet­ti­ci, e la Rivo­lu­zio­ne anche.

0

Luci della città

| I viag­gi del Sole | Feb­bra­io 2011 | Kha­led Al Kha­mis­si |

I taxi, impre­ve­di­bi­li e indi­sci­pli­na­ti. I quar­tie­ri cre­sciu­ti a dismi­su­ra. Le moschee e i musei a cie­lo aper­to. Sto­rie e memo­rie del­la capi­ta­le. Dall’alba al tramonto.

Non è mai faci­le par­la­re del­la rela­zio­ne di una per­so­na con la pro­pria cit­tà: è un rap­por­to com­pli­ca­to, come quel­lo tra un uomo e la pro­pria fami­glia. La cit­tà è una per­so­na­li­tà viven­te che si modi­fi­ca a ogni istan­te, ma su una base sto­ri­ca mol­to for­te. Figu­ria­mo­ci, quin­di, se si trat­ta del Cai­ro, dove sono nato nel 1962 e dove sono sem­pre vis­su­to, a par­te i quat­tro anni tra­scor­si in Fran­cia per il dot­to­ra­to in Scien­ze poli­ti­che alla Sor­bo­na. Come potrei pen­sa­re a tut­ti i ricor­di rela­ti­vi ai miei ami­ci sen­za pen­sa­re anche, nel con­tem­po, alla mia cit­tà? È impos­si­bi­le. Mi sono inna­mo­ra­to mol­to pre­sto del Cai­ro, del­la sua geo­gra­fia e del­la sua sto­ria: un amo­re a pri­ma vista, si potreb­be dire. Cam­mi­na­vo nel­le sue stra­de, per i suoi vico­li per sco­prir­ne i segre­ti, e in quel modo leg­ge­vo e inter­pre­ta­vo le com­pli­ca­te vicen­de. Tan­to che, in una del­le mie let­tu­re pre­fe­ri­te, quan­do ave­vo 12–13 anni, era L’origine dei nomi del­le vie del Cai­ro… Dopo­di­ché usci­vo di casa e anda­vo alla ricer­ca di quel­le stra­de. Non dob­bia­mo dimen­ti­ca­re, infat­ti, che il Cai­ro è una cit­tà mil­le­na­ria, in cui si sono stra­ti­fi­ca­ti tan­ti cam­bia­men­ti, tan­te cul­tu­ra e tan­te influenze.
Oggi potrei con­si­de­ra­re la pos­si­bi­li­tà di vive­re qual­che perio­do all’estero; l’ha anche fat­to. Ma non sono con­vin­to di riu­sci­re psi­co­lo­gi­ca­men­te a gesti­re que­sta lon­ta­nan­za per lun­go tem­po. Né sono in gra­do di imma­gi­na­re quan­to sof­fe­ren­za com­por­te­reb­be per la mia ani­ma pro­fon­da­men­te cai­ro­ta. È anche vero che la situa­zio­ne poli­ti­ca è diven­ta­ta inso­ste­ni­bi­le: la ten­sio­ne socia­le mi pesa sui pol­mo­ni, facen­do­mi qua­si sof­fo­ca­re. Il brut­to e il degra­do vin­co­no ovun­que. Negli ulti­mi anni la mia ama­ta cit­tà è sta­ta sfi­gu­ra­ta. Innan­zi­tut­to il nume­ro degli abi­tan­ti è aumen­ta­to in manie­ra spa­ven­to­sa. Quan­do sono nato era­va­mo 3 milio­ni, per sali­re a 5 milio­ni negli Anni 70, a 8 milio­ni quan­do anda­vo all’università, men­tre ades­so ha supe­ra­to i 18 milioni!
Per non par­la­re poi del nostro pre­si­den­te Hosni Muba­rak, al pote­re dal 1981 (ormai sono 30 anni!). Il suo regi­me ha fal­li­to com­ple­ta­men­te nel pro­get­to di svi­lup­po del Pae­se, e la nostra capi­ta­le è una testi­mo­nian­za ine­qui­vo­ca­bi­le di que­sto insuc­ces­so. La cre­sci­ta di movi­men­ti rea­zio­na­ri finan­zia­ti dai petrol­dol­la­ri non ha poi fat­to altro che peg­gio­ra­re la brut­tez­za del­la cit­tà. Per non par­la­re del tas­so di inqui­na­men­to, dell’aria e del­le acque, che è diven­ta­to dav­ve­ro dif­fi­ci­le da gesti­re. Per for­tu­na alcu­ne cose sono rima­ste immu­ta­te: il fasci­no del Nilo, le memo­rie, la bel­lez­za inte­rio­re, il popo­lo egi­zia­no con la sua gran­de civi­liz­za­zio­ne… Lo stress, le rivo­lu­zio­ni socia­li pos­so­no pro­vo­ca­re dei muta­men­ti nel tem­pe­ra­men­to, ma non nell’essenza del­le per­so­ne. E gli egi­zia­ni resta­no con­ta­di­ni paci­fi­ci, dol­ci, tol­le­ran­ti e anche un po’ imbro­glio­ni, qua­li­tà essen­zia­li for­se per far fron­te a dit­ta­tu­re mil­le­na­rie. Tut­te que­ste cose mes­se insie­me, in una tale cit­tà dai mil­le vol­ti, per me sono irre­si­sti­bi­li e mi attrag­go­no come una cala­mi­ta. Come il museo a cie­lo aper­to di Saq­qa­ra, un’immensa necro­po­li che risa­le a qua­si cin­que­mi­la anni fa, o il mer­ca­to del­le fave sot­to casa mia. Abbia­mo ton­nel­la­te di sim­bo­li nei qua­li ci rico­no­scia­mo. La pira­mi­de di Cheo­pe, il mou­lid (i festeg­gia­men­ti in ono­re di un san­to o di un per­so­nag­gio vene­ra­bi­le, a metà tra fie­ra e festa reli­gio­sa) di Sayy­id­na al-Hus­sein o quel­lo di Sayy­i­da Zei­nab, la gran­de Moschea-Madra­sa del Sul­ta­no Has­san, che può esse­re con­si­de­ra­ta come una sor­ta di pira­mi­de dell’architettura isla­mi­ca. E poi, per ricon­ci­liar­si con la vita, che c’è di meglio di un giro in felu­ca sul Nilo al tramonto?
Ovvia­men­te, con­si­glio anche di pren­de­re il taxi e di fare due chiac­che­re con il con­du­cen­te. Esse­re un tas­si­sta al Cai­ro non è un mestie­re come altro­ve, è un modo per cer­ca­re di lavo­ra­re o alme­no di aumen­ta­re le entra­te men­si­li. I tas­si­sti pro­ven­go­no da ogni ango­lo del pae­se e tra loro si pos­so­no tro­va­re, con la stes­sa faci­li­tà, pro­fes­so­ri, medi­ci, con­ta­bi­li o anche anal­fa­be­ti. Rap­pre­sen­ta­no la clas­se socia­le di chi ha pro­ble­mi a sbar­ca­re il luna­rio: pra­ti­ca­men­te l’80 per cen­to del­la popo­la­zio­ne egi­zia­na. Per que­sto, far­li par­la­re, in Taxi, è sta­to come dare la paro­la all’intera cit­tà, la vera pro­ta­go­ni­sta, se voglia­mo l’eroina, del libro. E anche nel più recen­te L’arca di Noè, sep­pu­re in nega­ti­vo, c’è il Cai­ro: rap­pre­sen­ta la grot­ta in cui cado­no tut­te le per­so­na­li­tà, desi­de­ro­se di scap­pa­re via, maga­ri in Ame­ri­ca, per evi­ta­re la catastrofe.

0

In “Metro” El Shafee ha anticipato la rivolta del popolo egiziano

| Ali­bi Onli­ne | Mar­te­dì 1 feb­bra­io 2011 | Saul Stucchi |

Con i rac­con­ti bre­vi del suo libro inti­to­la­to Taxi, Kha­led Al Kha­mis­si ci ha sve­la­to la vita quo­ti­dia­na per le stra­de del Cai­ro: sogni, pau­re, dif­fi­col­tà pic­co­le e gran­di dei suoi abi­tan­ti come ven­go­no fuo­ri dai dia­lo­ghi tra clien­ti e tas­si­sti. Per la stes­sa col­la­na Altria­ra­bi l’editore il Siren­te ha da poco man­da­to in libre­ria la gra­phic novel Metro in cui l’autore Mag­dy El Sha­fee affron­ta la real­tà dell’Egitto con­tem­po­ra­neo lascian­do da par­te l’ironia dai toni spes­so ras­se­gna­ti di Al Kha­mis­si per con­cen­trar­si sull’evoluzione ver­so cui i pro­ta­go­ni­sti del­la sua sto­ria sono spin­ti dal­la dram­ma­ti­ca real­tà fino al pun­to di rot­tu­ra sen­za pos­si­bi­li­tà di ritor­no. Il tito­lo si rife­ri­sce in pri­ma bat­tu­ta alla metro­po­li­ta­na cai­ro­ta che fa da ambien­ta­zio­ne per mol­te sce­ne del­la vicen­da: i per­so­nag­gi si spo­sta­no nel­la mega­lo­po­li o a pie­di o appun­to uti­liz­zan­do que­sto mez­zo di tra­spor­to. In diver­se pagi­ne com­pa­re la map­pa del­le sta­zio­ni e se ci fac­cia­mo caso, pos­sia­mo nota­re che quel­le più impor­tan­ti, ovve­ro quel­le di scam­bio, sono dedi­ca­te agli ulti­mi due pre­si­den­ti: Sadat e Muba­rak. Il tito­lo allu­de però anche anche all’omonimo carat­te­re tipo­gra­fi­co con cui è stam­pa­to il fumet­to. Come ricor­da la nota a fine libro, que­sto font ven­ne rea­liz­za­to dal gra­phic desi­gner ame­ri­ca­no Wil­liam Addi­son Dwig­gins. Dire che la vicen­da rac­con­ta­ta a fumet­ti da El Sha­fee è sta­ta anti­ci­pa­tri­ce del­la rivol­ta popo­la­re che sta scon­vol­gen­do l’Egitto in que­sti gior­ni (di cui nes­su­no sa anco­ra pre­ve­de­re l’esito, anche se – comun­que vada a fini­re – il pae­se non sarà più lo stes­so di pri­ma) è fin trop­po bana­le. L’autore ha avu­to il meri­to di pun­ta­re il dito e dire la veri­tà sot­to gli occhi di tut­ti da decen­ni: il re, anzi il farao­ne, è nudo e la pira­mi­de in cima alla qua­le sta sedu­to si pog­gia su cor­ru­zio­ne e vio­len­za, ma soprat­tut­to sul­la pau­ra e sul­la ras­se­gna­zio­ne di milio­ni di egi­zia­ni. Eppu­re fino a pochi gior­ni fa, pri­ma che la rivol­ta tuni­si­na pro­vo­cas­se un effet­to domi­no che for­se è solo all’inizio, la mag­gior par­te dei cit­ta­di­ni del­le “demo­cra­zie occi­den­ta­li” ave­va­no dell’Egitto una cono­scen­za sol­tan­to per luo­ghi comu­ni: pira­mi­di, farao­ni e Mar Rosso.

El Sha­fee si rifà inve­ce alla tra­di­zio­ne gra­fi­ca più popo­la­re e anti­ca del suo pae­se, per svi­co­la­re dai rigi­di det­ta­mi dell’arte uffi­cia­le, dun­que di pro­pa­gan­da. Come nei graf­fi­ti lascia­ti dagli ope­rai che costrui­ro­no le tom­be di sovra­ni, digni­ta­ri e sacer­do­ti riaf­fio­ra la real­tà quo­ti­dia­na degli anti­chi egi­zi, così nel­le tavo­le di El Sha­fee è la vita di stra­da dei cai­ro­ti di oggi a occu­pa­re la sce­na, rac­con­tan­do la real­tà, tan­to più sco­mo­da quan­to meno edul­co­ra­ta e ane­ste­tiz­za­ta. “Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti” reci­ta la sen­ten­za di con­dan­na del tri­bu­na­le di Qasr El Nil del Cai­ro, ripro­dot­ta sul­la quar­ta di coper­ti­na. E l’autore può ora fre­giar­se­ne come se fos­se una meda­glia. Ma non tra­scu­ria­mo che la dedi­ca è ai geni­to­ri e ai blog­ger egi­zia­ni: sono que­sti ulti­mi che vei­co­la­no le infor­ma­zio­ni per tut­to il Pae­se, men­tre i gior­na­li e la tele­vi­sio­ne sono addo­me­sti­ca­ti dal regi­me. “I gior­na­li… sono una del­le nostre più gran­di tra­ge­die” dice il pro­ta­go­ni­sta Shi­hab alla sua bel­la, la gior­na­li­sta Dina. E quan­do lei cer­ca di infon­de­re corag­gio al vec­chio Wan­nas ormai mori­bon­do dicen­do­gli: “Non aver pau­ra, zio Wan­nas”, la sua rispo­sta è dav­ve­ro emble­ma­ti­ca: “ahhh, se sol­tan­to qual­cu­no me l’avesse det­to sessant’anni fa…”. Metro si leg­ge “al con­tra­rio” da destra a sini­stra, come nei man­ga, per non “stra­vol­ge­re l’equilibrio dei dise­gni”, spie­ga l’avvertenza. All’inizio può risul­ta­re un po’ sco­mo­do, ma poi la sto­ria pren­de il soprav­ven­to e ci si dimen­ti­ca del ver­so di let­tu­ra oppo­sto all’abituale. La sto­ria di Shi­hab è quel­la di milio­ni di gio­va­ni egi­zia­ni a cui non è offer­ta più una pro­spet­ti­va di cre­sci­ta, non solo eco­no­mi­ca, pri­va­ti del­le liber­tà più ele­men­ta­ri, a comin­cia­re da quel­le di espres­sio­ne e dis­sen­so. Il trat­to aspro e velo­ce di El Sha­fee arri­va ai nostri occhi come uno schiaf­fo che ci apre gli occhi sul­la vio­len­za e sul­la mor­te di gio­va­ni che per le stra­de si tro­va­no divi­si, ai ver­san­ti oppo­sti del­le bar­ri­ca­te (come oggi tra mani­fe­stan­ti, poli­ziot­ti e sol­da­ti), ma sono acco­mu­na­ti dal­la tra­ge­dia di un inte­ro popo­lo. Metro è a tut­ti gli effet­ti un libro di sto­ria. Spe­ria­mo che gli Egi­zia­ni pos­sa­no scri­ve­re insie­me il pros­si­mo capi­to­lo, sen­za più censure.
Metro è scrit­to e illu­stra­to da Mag­dy al-Sha­fee (al-Šāfiʿī). Egli dice di sé che da pic­co­lo avreb­be volu­to fare il pit­to­re e che stu­dia­va gli impres­sio­ni­sti, Modi­glia­ni e Kan­di­skij. Che si è poi ispi­ra­to a Hugo Pratt e al gio­va­ne roman­zie­re egi­zia­no Aḥmad al-ʿAydī, in par­ti­co­la­re al buon ven­to nuo­vo del­la sua ope­ra “Esse­re ʿAbbās al-ʿAbd”. Che la sua istan­za si può ricon­dur­re a quel­la di tut­ti colo­ro che recla­ma­no il dirit­to del popo­lo alla liber­tà e ad una vita digni­to­sa, pri­mo fra tut­ti Aḥmad ʿUra­bī, che riven­di­cò già a fine XIX seco­lo “l’Egitto per gli egiziani”.
0

Metro, quando il romanzo predice la realtà

| Medi­ter­ra­nea Onli­ne | Mar­te­dì 1 feb­bra­io 2011 | Cri­sti­na Giudice |

Pre­sen­ta­ta a Roma la tra­du­zio­ne del­la pri­ma gra­phic novel ara­ba, che annun­cia­va con due anni di anti­ci­po la rivol­ta egi­zia­na di que­sti giorni. 

«Voglia­mo dire addio a Muba­rak e ai Fra­tel­li insie­me». È que­sto lo sco­po del­la rivol­ta che sta scon­vol­gen­do l’Egitto in que­sti gior­ni secon­do Mag­dy alSha­fee, auto­re del­la gra­phic novelMetro”, usci­ta nel 2008 e imme­dia­ta­men­te cen­su­ra­ta dal gover­no egi­zia­no e riti­ra­ta dal com­mer­cio per­ché, secon­do la sen­ten­za di con­dan­na emes­sa dal tri­bu­na­le di Qasr elNil del Cai­ro, «con­tie­ne imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che asso­mi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esistenti».
Il pub­bli­co ita­lia­no potrà con­sta­ta­re la “fon­da­tez­za” del­le accu­se rivol­te al libro, intro­va­bi­le da tem­po nel­le libre­rie egi­zia­ne, gra­zie all’edizione pub­bli­ca­ta dal­la casa “il Siren­te” nel­la col­la­na “Altria­ra­bi”, pre­sen­ta­ta a Roma a dicembre.
«Il comics non deve sem­pre rac­con­ta­re sto­rie di supe­re­roi — ha det­to l’autore — ma può esse­re uno stru­men­to per par­la­re di temi socia­li for­ti, impe­gna­ti. Quel­lo che mi ha spin­to a scri­ve­re “Metro è l’assoluta man­can­za di giu­sti­zia socia­le del pae­se. Rispet­to i valo­ri del­la socie­tà in cui vivo, e sono favo­re­vo­le alla diver­si­tà e al plu­ra­li­smo, ma cre­do nel­la mia liber­tà e rispet­to quel­la altrui: non per­met­to a nes­su­no di impor­mi del­le rego­le». Paro­le che, let­te sul­la scia del­le mani­fe­sta­zio­ni di mas­sa che han­no risve­glia­to la coscien­za popo­la­re egi­zia­na in que­sto perio­do, sem­bra­no ave­re un che di profetico.
AlSha­fee è sce­so in piaz­za in que­sti gior­ni unen­do­si ai dimo­stran­ti che chie­do­no la cac­cia­ta di Muba­rak: «Rifiu­tia­mo i cam­bia­men­ti che ha fat­to Muba­rak, come la nomi­na di Slei­man e Sha­fiq – ha dichia­ra­to all’agenzia Aki — poi­ché pro­ven­go­no da quel­lo stes­so gover­no cor­rot­to. Non li voglio io e non li vuo­le nes­su­no di colo­ro che aspi­ra­no al cambiamento».
Ha accu­sa­to il Mini­ste­ro dell’Interno del suo Pae­se di esse­re «die­tro le ope­ra­zio­ni di rapi­na e sac­cheg­gio com­piu­te da alcu­ni ele­men­ti in que­sti gior­ni in Egit­to», aggiun­gen­do: «Sono loro i delin­quen­ti che fal­si­fi­ca­va­no le ele­zio­ni a loro favo­re». Ha chie­sto «un gover­no di tran­si­zio­ne gui­da­to da Kamal alJan­zu­ri, ex pri­mo mini­stro che gode anco­ra di gran­de popo­la­ri­tà, per la dura­ta di un anno, duran­te il qua­le si pos­sa pro­ce­de­re a cam­bia­re la costi­tu­zio­ne e ad accre­sce­re la con­sa­pe­vo­lez­za del­la gen­te in sen­so demo­cra­ti­co, in modo che pos­sa sce­glie­re i pro­pri rap­pre­sen­tan­ti in base alle idee, ai pro­gram­mi e alle pro­mes­se vere».
La let­tu­ra di “Metro” può aiu­ta­re a capi­re quel­lo che sta suc­ce­den­do in Egit­to, spie­gan­do l’origine del­la rab­bia popo­la­re che ha spin­to la gen­te a dire basta al regi­me. Il libro si pro­po­ne come una novi­tà asso­lu­ta, uti­liz­zan­do le imma­gi­ni al posto del­le paro­le per far arri­va­re il mes­sag­gio in modo diret­to e pre­ci­so. Il pro­ta­go­ni­sta, Shi­hab, è un gio­va­ne pro­gram­ma­to­re inde­bi­ta­to­si fino al col­lo con un usu­ra­io per col­pa di un poli­ti­co cor­rot­to. Sen­ten­do­si ormai sen­za via di fuga, e dopo aver assi­sti­to all’omicidio dell’unica per­so­na che avreb­be potu­to aiu­tar­lo, Shi­hab deci­de di rapi­na­re una ban­ca insie­me all’amico Musta­fa, per tro­var­si a sua vol­ta intrap­po­la­to in una sto­ria di cor­ru­zio­ne poli­ti­co-finan­zia­ria. Shi­hab è il rap­pre­sen­tan­te di una gene­ra­zio­ne di milio­ni di gio­va­ni egi­zia­ni, capa­ci e moti­va­ti, che non rie­sco­no a rea­liz­za­re i pro­pri pro­get­ti a cau­sa del­la cor­ru­zio­ne dila­gan­te nel pae­se e del­la cri­si eco­no­mi­ca e poli­ti­ca che sof­fo­ca le loro intel­li­gen­ze. Insie­me a lui Dina, gior­na­li­sta rivo­lu­zio­na­ria e corag­gio­sa che vor­reb­be, come mol­ti gior­na­li­sti in Egit­to, gri­da­re la veri­tà e ribal­ta­re il siste­ma sen­za aver pau­ra di nascon­der­si; Musta­fa il cui fra­tel­lo, a cau­sa del­la pover­tà in cui vivo­no, è diven­ta­to un pic­chia­to­re del regi­me; l’anziano lustra­scar­pe Wan­nas, por­ta­vo­ce di quel­la che è for­se la par­te più ai mar­gi­ni del­la socie­tà egiziana.
I per­so­nag­gi si muo­vo­no sul­lo sfon­do del­le fer­ma­te del­la metro cai­ro­ta che inter­val­la­no la nar­ra­zio­ne e la vita nel­la metro­po­li è descrit­ta con asso­lu­to rea­li­smo gra­zie ai dise­gni, in par­te lascia­ti in ara­bo, che foto­gra­fa­no il Cai­ro in modo pre­ci­so: le stra­de di Wst elBa­lad, vici­nis­si­me all’ormai famo­sa piaz­za Tah­rir, i camion­ci­ni del­la cate­na Cilan­tro, le inse­gne dell’Alfa Mar­ket, per­fi­no le anti­che sta­tuet­te egi­zie nel­la sta­zio­ne di Sadat e il poster del­la star del cal­cio loca­le Abu Tre­ka. Addi­rit­tu­ra le suo­ne­rie dei cel­lu­la­ri che sono adat­ta­te al pro­prie­ta­rio! Una foto­gra­fia resa anco­ra più viva dall’uso del­la lin­gua: il dia­let­to egi­zia­no del­la stra­da, lo slang più cru­do e popo­la­re, che ha pro­cu­ra­to all’autore l’accusa di vol­ga­ri­tà. In real­tà inve­ce quel­le espres­sio­ni, che dan­no anche un toc­co di comi­ci­tà alle sce­ne (carat­te­ri­sti­co degli egi­zia­ni è il riu­sci­re a tro­va­re il lato comi­co anche nel­le situa­zio­ni più tra­gi­che), ren­do­no se pos­si­bi­le anco­ra più rea­li­sti­ca la sto­ria. Ed è pro­prio que­sto for­se che ha spa­ven­ta­to mag­gior­men­te la cen­su­ra, poi­ché l’uso del­la lin­gua del­la gen­te comu­ne ren­de il roman­zo più acces­si­bi­le a tutti.
«Ho scel­to di usa­re l’egiziano dei blog piut­to­sto che l’arabo clas­si­co — ha det­to alSha­fee — per­ché cre­do che que­sto stru­men­to lin­gui­sti­co por­ti avan­ti una pic­co­la rivo­lu­zio­ne let­te­ra­ria. La dif­fu­sio­ne di inter­net ha por­ta­to ad una for­te aper­tu­ra nei con­fron­ti del­la real­tà ester­na e al desi­de­rio di osser­va­re e capi­re il pro­prio con­te­sto in raf­fron­to con il mon­do inte­ro, per pro­va­re a cam­bia­re le cose». E a soste­gno di quan­to affer­ma­to dall’autore, la rivol­ta egi­zia­na che sta chie­den­do la cac­cia­ta di Muba­rak è par­ti­ta pro­prio dal popo­lo del web, attra­ver­so un tam­tam vir­tua­le nato dal­la gen­te comu­ne, sen­za ideo­lo­gie di par­te né poli­ti­che né reli­gio­se, ma basa­to sem­pli­ce­men­te sul­la riven­di­ca­zio­ne dei pro­pri dirit­ti, sul desi­de­rio del popo­lo egi­zia­no di ripren­der­si il pro­prio pae­se ormai sof­fo­ca­to dal­la mor­sa del­la cor­ru­zio­ne. L’Egitto sem­bra­va esse­re arri­va­to ad un livel­lo di ras­se­gna­zio­ne tale da impe­di­re qual­sia­si for­ma di oppo­si­zio­ne, così come dice lo stes­so Shi­hab in “Metro”: «Le per­so­ne vivo­no come ane­ste­tiz­za­te, non c’è nien­te che le col­pi­sca. Per quan­te cose pos­sa­no vede­re, alla fine diran­no sem­pre: fra­tel­lo, que­sto è pur sem­pre il mio pae­se». E anco­ra: «I gior­na­li sono una del­le nostre più gran­di tra­ge­die… Inten­de­vo gior­na­li, tele­vi­sio­ne e tut­te le altre cose che ci han­no abi­tua­ti alla sot­to­mis­sio­ne, al fat­to che la cor­ru­zio­ne reste­rà tale e qua­le… all’oppressione, alle code per un pez­zo di pane…». Alla fine però uno stru­men­to sem­pli­ce e a por­ta­ta di tut­ti come inter­net è riu­sci­to a far smuo­ve­re le mas­se, per­met­ten­do ai cit­ta­di­ni di espri­me­re la pro­pria idea e con­di­vi­der­la con gli altri. Basta­va che qual­cu­no des­se il la per­ché altri riu­scis­se­ro a pren­de­re corag­gio e cre­de­re dav­ve­ro che il cam­bia­men­to fos­se pos­si­bi­le. Così anche Shi­hab aggiun­ge: «Non mi fac­cio distrar­re dal­la cro­na­ca… Non dimen­ti­co i veri respon­sa­bi­li!». E que­sto per­ché, come ha det­to alSha­fee in que­sti gior­ni di rivol­ta, «quel­lo egi­zia­no è un popo­lo civi­le ric­co di crea­ti­vi­tà, e que­sta è la sua carat­te­ri­sti­ca migliore».

0

L’amore ai tempi del petrolio

Vita | Lune­dì 31 gen­na­io 2011 | Lub­na Ammou­ne |

Visco­so e nero come il petro­lio. Sem­bre­reb­be que­sta la carat­te­ri­sti­ca pecu­lia­re di un amo­re pre­sen­ta­to nel libro di Nawal al-Sa’dawi, scrit­tri­ce e psi­chia­tra egi­zia­na, cono­sciu­ta a livel­lo inter­na­zio­na­le per la sua bat­ta­glia in nome dei dirit­ti del­le don­ne e del­la demo­cra­tiz­za­zio­ne nel mon­do ara­bo. In que­sto suo roman­zo, L’amore ai tem­pi del petro­lio, l’autrice per­cor­re una sto­ria den­sa di miste­ro di una don­na di cui non cono­scia­mo il nome. La pro­ta­go­ni­sta è un’archeologa che scom­pa­re sen­za lascia­re trac­cia. Il suo viag­gio, rea­le e allo stes­so tem­po visio­na­rio, si rive­la come il per­cor­so del­la men­te e del­la coscien­za di una don­na che vive in un regno auto­ri­ta­rio in cui tut­to ciò che por­ta il gene­re fem­mi­ni­le a inte­res­si che esu­la­no dal­la casa è sin­to­mo di una malat­tia psi­co­lo­gi­ca. È un mon­do in cui lumi­na­ri del­la Ter­ra non pos­so­no che esse­re uomi­ni, e dun­que è risa­pu­to, anche se taciu­to, il fat­to che ci sia­no sta­te fal­si­fi­ca­zio­ni sto­ri­che ine­ren­ti alla tra­sfor­ma­zio­ne del­le dee in dei, come quan­do Abu al Haul pre­se con la for­za il tro­no e ordi­nò che fos­se­ro rimos­si i seni da una sta­tua fem­mi­ni­le per­ché venis­se aggiun­ta la bar­ba. La ricer­ca­tri­ce scom­pa­re e dall’indomani si leg­ge la noti­zia sui gior­na­li, per­ché nes­su­na don­na ha mai osa­to abban­do­na­re casa e mari­to, disob­be­den­do alle rego­le, tan­to che la poli­zia si chie­de se sia una ribel­le o una don­na dal­la dub­bia mora­le. Men­tre il com­mis­sa­rio inter­ro­ga il mari­to del­la don­na scom­par­sa per far luce sul­le ragio­ni del­la fuga, l’archeologa ripen­sa al suo inna­mo­ra­men­to. Si chie­de se suo mari­to sia vera­men­te suo mari­to. Per­va­sa da que­sto dub­bio arri­va a cre­de­re che l’avesse spo­sa­ta for­se in sua assen­za, men­tre il con­trat­to era sta­to pre­pa­ra­to sen­za di lei, per­ché la don­na non è soli­ta par­te­ci­pa­re al pro­prio matri­mo­nio. L’universo maschi­le si allar­ga e com­pa­io­no altre figu­re, tra cui il dato­re di lavo­ro del­la pro­ta­go­ni­sta e l’uomo con cui deci­de di sta­re quan­do riap­pa­re e per il qua­le lascia il mari­to. Sem­bra­no qua­si mac­chie da cui la don­na si sen­te però inspie­ga­bil­men­te e istan­ta­nea­men­te attrat­ta, respin­ta e distac­ca­ta. La sua fuga potreb­be por­tar­la a ritro­va­re il suo orgo­glio, le sue aspi­ra­zio­ni e la sua dignità. Questo scat­to di auto­co­scien­za e di for­mi­da­bi­le intro­spe­zio­ne si riflet­te e si allar­ga ad altre figu­re fem­mi­ni­li che solo in quel momen­to capi­sco­no che “non sono meri­te­vo­li di un dirit­to che pren­do­no da mani che non sono loro” e che “han­no per­mes­so a loro stes­se del­le con­di­zio­ni che nem­me­no gli ani­ma­li accetterebbero”. Eppure l’archeologa con­ti­nua a strug­ger­si d’amore e non tro­va anco­ra un sen­so da con­fe­ri­re alla sua vita. Così, nel­la luce fio­ca di alcu­ne not­ti in cui il pro­get­to di scap­pa­re appa­re com­piu­to v’è qual­co­sa d’intralcio. Per­ché “fino a quan­do l’uomo avrà la capa­ci­tà di ride­re, la don­na non avrà desi­de­rio di scap­pa­re, alme­no non que­sta notte…”.

0

Egitto, la rivolta prevista in un fumetto. Lo scrittore: ”Via Mubarak”

| AKI ADN­Kro­nos | Saba­to 29 gen­na­io 2011 |

Voglia­mo dire addio a Muba­rak, ma anche ai Fra­tel­li Musul­ma­ni”. E’ con que­ste paro­le che lo scrit­to­re egi­zia­no Mag­dy El Sha­fee com­men­ta ad AKIADNKRONOS INTERNATIONAL la rivol­ta in cor­so in Egit­to con­tro il pre­si­den­te Hosni Mubarak.
“Non ci basta­no i cam­bia­men­ti deci­si da Muba­rak — affer­ma in un’intervista da piaz­za Tah­rir al Cai­ro, dove par­te­ci­pa alle mani­fe­sta­zio­ni — non ci basta la nomi­na di Omar Sulei­man come suo vice. Entram­be fan­no par­te del­lo stes­so gover­no di cor­rot­ti. Noi voglia­mo un cam­bia­men­to vero”.
El Sha­fee, che lo scor­so anno ven­ne arre­sta­to per ‘Metro’, pri­mo gra­phic novel del mon­do ara­bo, la cui ver­sio­ne in ita­lia­no è anche su ‘You­Tu­be’, ave­va pre­vi­sto per l’Egitto uno sce­na­rio simi­le a quel­lo attua­le. Per que­sto, lo scrit­to­re chie­de “che si for­mi un gover­no di tran­si­zio­ne”, ma chie­de anche ”le dimis­sio­ni di Muba­rak in modo da poter cam­bia­re la Costi­tu­zio­ne e per­met­te­re al popo­lo di sce­glie­re i suoi rap­pre­sen­tan­ti democraticamente”.

0

Il blogger e scrittore ahmed nagi: nessuna forza politica controlla la rivolta egiziana

Nena News | Vener­dì 28 gen­na­io 2011 | Azzur­ra Merignolo |

Mol­ti movi­men­ti poli­ti­ci tra­di­zio­na­li stan­no ora cer­can­do di par­la­re a nome di que­sti dimo­stran­ti, ma non è affat­to giu­sto per­ché non li rappresentano.

Entu­sia­sti del par­zia­le suc­ces­so otte­nu­to nei gior­ni pre­ce­den­ti anche oggi miglia­ia di egi­zia­ni mani­fe­ste­ran­no in tut­to il pae­se,  gri­dan­do le loro richie­ste a un regi­me che imper­ter­ri­to non rispon­de.  “Il gover­no accen­de e spe­gne  a pia­ci­men­to l’accesso a Face­book  e le con­nes­sio­ni inter­net, spe­ran­do così di con­te­ne­re il pro­pa­gar­si  di una rivol­ta, nata e orga­niz­za­ta nel­la sfe­ra vir­tua­le” dice Ahmed Nagi, -  cele­bre blog­gers sin dai tem­pi di Kifa­ya, gior­na­li­sta, scrit­to­re di “Rogers”, ora tra­dot­to anche in ita­lia­no, e gio­va­ne redat­to­re di Akbar el Adab, il pre­sti­gio­so set­ti­ma­na­le let­te­ra­rio diret­to da Gamal al- Ghi­ta­ni.  

Il gior­no del­la col­le­ra é sfo­cia­to in una som­mos­sa popo­la­re, cosa suc­ce­de­rà nei pros­si­mi gior­ni sul­le spon­de del Nilo?
Sin­ce­ra­men­te, non lo so, vor­rei poter­lo pre­di­re, ma nes­su­no può dire con esat­tez­za quel­lo che acca­drà nei pros­si­mi gior­ni. Le mani­fe­sta­zio­ni che sono ini­zia­te non sono con­trol­la­te da nes­su­na for­za poli­ti­ca. E’ anche que­sto quel­lo che ren­de que­sta som­mos­sa tan­to par­ti­co­la­re e, for­se, inci­si­va. Le per­so­ne che sono sce­se in stra­da in tut­to il pae­se sono cit­ta­di­ni ordi­na­ri, qua­lun­que. Que­sto non vuo­le però dire che non ci tro­via­mo davan­ti a un movi­men­to che è al cen­to per cen­to poli­ti­ca, ha riven­di­ca­zio­ni socio-poli­ti­che e lot­ta per la crea­zio­ne di un nuo­vo siste­ma politico.

Cosa faran­no i movi­men­ti poli­ti­ci che han­no dato soste­gno ai dimo­stran­ti, ma non han­no par­te­ci­pa­to diret­ta­men­te alle manifestazioni?
Mol­ti lea­der di que­sti movi­men­ti han­no di fat­to par­te­ci­pa­to alle dimo­stra­zio­ni, sono sce­si in stra­da per oppor­si al regi­me. Mol­ti movi­men­ti, i Fra­tel­li musul­ma­ni e il Tagam­mu (il par­ti­to comunista)per esem­pio, stan­no ora cer­can­do di par­la­re a nome di que­sti dimo­stran­ti, ma non è affat­to giu­sto per­ché non li rap­pre­sen­ta­no pie­na­men­te.  Anche se voles­se­ro pren­de­re il con­trol­lo sui mani­fe­stan­ti, non potreb­be­ro mai e poi mai riuscirci.

Come sta rea­gen­do il regi­me  a que­sto mon­ta­re di col­le­ra popolare?
Tut­to quel­lo che il gover­no sta facen­do per neu­tra­liz­za­re e disar­ma­re la sfe­ra vir­tua­le e’ un chia­ro indi­ca­to­re del­la pau­ra che i lea­der del regi­me stan­no pro­van­do. Anche le for­ze di poli­zia han­no pau­ra e si leg­ge il timo­re nei loro occhi. Il regi­me si tro­va a dover rispon­de­re a una situa­zio­ne che gli è sfug­gi­ta di mano e non ci è abi­tua­to.  La que­stio­ne si sta facen­do gros­sa. Io non ero anco­ra nato, ma chi è poco più gran­de di me mi rac­con­ta che sce­ne simi­li non si vede­va­no dal 1972.

Mol­tis­si­me per­so­ne, egi­zia­ne e non, in tut­to il mon­do han­no dato ori­gi­ni a mani­fe­sta­zio­ni  in soste­gno alla gior­na­ta del­la col­le­ra, que­sto sup­por­to può esse­re incisivo?
Tut­ti i media stan­no copren­do in manie­ra non ogget­ti­va gli avve­ni­men­ti che stan­no acca­den­do nel l pae­se. Facen­do così non fan­no che soste­ne­re indi­ret­ta­men­te il regi­me. Il gover­no è ter­ro­riz­za­to dall’evolversi degli even­ti, per que­sto ha deci­so imme­dia­ta­men­te di oscu­ra­re i social net­works attra­ver­so i qua­li gli atti­vi­sti sta­va­no por­tan­do avan­ti la loro ribel­lio­ne. Pri­ma ha spen­to twet­ter e poi il rais ha stac­ca­to la spi­na  a Face­book. In alcu­ni quar­tie­ri, Shu­bra per esem­pio, é sta­ta del tut­to taglia­ta la con­nes­sio­ne ad inter­net. Per que­sto moti­vo tut­to il soste­gno che pos­sia­mo rice­ve­re dall’esterno è mol­to uti­le alla nostra cau­sa e al pro­se­gui­men­to del­la sommossa.

Mar­te­dì sera Hila­ry Clin­ton  chie­sto al gover­no e ai mani­fe­stan­ti di usa­re mode­ra­zio­ne dicen­do­si con­vin­ta del­la sta­bi­li­tà del regi­me di Muba­rak e del­le sue inten­zio­ni di rispon­de­re alle richie­ste avan­za­te dal­la popo­la­zio­ne. Come sono sta­te inter­pre­ta­te le paro­le del segre­ta­rio di sta­to americano?
Tut­ti quel­li che era­no a Midan al Tah­rir  -piaz­za cen­tra­le del Cai­ro (ndr)- e han­no sapu­to cosa ave­va det­to il segre­ta­rio di sta­to ame­ri­ca­no han­no avu­to l’ennesima  con­fer­ma che gli Sta­ti Uni­ti sono dal­la par­te de regi­me  e voglio­no con­ti­nua­re a soste­ner­lo.  La poli­zia col­pi­va i mani­fe­stan­ti bom­bar­dan­do­li con lacri­mo­ge­ni e gli Sta­ti Uni­ti dico­no che il regi­me cer­ca di rispon­de­re alle nostre doman­de? E’ come se a lan­cia­re quei lacri­mo­ge­ni ci fos­se­ro sta­ti loro. Hila­ry Clin­ton può ora dire quel­lo che vuo­le, ma per gli egi­zia­ni il mes­sag­gio è mol­to chia­ro: ci sta­te bombardando.

0

Se il raìs non parla si scatenera il caos

| Il Rifor­mi­sta | Vener­dì 28 gen­na­io 2011 | a.m. |

«Gli egi­zia­ni sono usci­ti dal­le !oro cave­me pri­gio­ni intel­let­tua­li e imma­gi­na­rie che li tene­va­no costret­ti da anni. II futu­ro sara del­le per­so­ne, del popo­lo» dice Mag­di al-Sha­fee, auto­re di Metro, il pri­mo roman­zo a fumet­ti in lin­gua ara­ba, ora tra­dot­to in ita­lia­no. Nel 2008 Metro e sta­to seque­stra­to dal­la poli­zia mora­le per alcu­ne imma­gi­ni con­si­de­ra­te por­no. Pili che peri cor­pi che met­te­va a nudo, Metro e sta­to riti­ra­to dal com­mer­cio per­ché sve­la­va Ia natu­ra dispo­ti­ca del regi­me egi­zia­no e per­che Sha­fee e uno di quei per­so­nag­gi dei qua­li il regi­me vuo­le libe­rar­si: sim­pa­tiz­zan­te di “Kifa­ya”- movi­men­to che gia nel2005 ha orga­niz­za­to mani­fe­sta­zio­ni anti­go­ve­ma­ti­ve e blog­ger atti­vo. Sono tan­tis­si­mi quel­li ehe so no sce­si per stra­da e non ci si aspet­ta­va un tale nume­ro, una rivol­ta sto­ri­ca? Si trat­ta di cer­to di un avve­ni­men­to sto­ri­co, ci tro­via­mo sui pun to di gira­re una pagi­na. Sem­bra­va­mo un Pae­se addor­men­ta­to e stia­mo mostran­do il con­tra­rio. Gia nel perio­do di “Kifa­ya” ave­va­mo cer­ca­to di far­ci vede­re per oppor­ci al pre­si­den­te Muba­rak e alia pos­si­bi­le can­di­da­tu­ra di suo figlio Gamal. Nel­le stra­de egi­zia­ne in que­sti gio­mi si vedo­no per­so­ne che gri­da­no con­tro l’immagine del pre­si­den­te e quel­la di suo figlio. Gli atti­vi­sti sono usci­ti allo sco­per­to non se lo aspet­ta­va nes­su­no que­sto suc­ces­so. Pri­ma che si spe­gnes­se Face­book gli atti­vi­sti si sono dati appun­ta­men­to a vener­di dopo Ia pre­ghie­ra. Come evol­ve­ra Ia som­mos­sa? A pren­de­re le stra­de sono sta­ti degli atti­vi­sti, non dei movi­men­ti poli­ti­ci. Ora ci sono dei poli­ti­ci che si stan­no facen­do avan­ti: i Fra­tel­li Musul­ma­ni e il Movi­men­to peril Cam­bia­men­to di Moham­med el Bara­dei. II segui­to sara dif­fi­ci­le, ma que­sti grup­pi cer­che­ran­no di pren­de­re in par­te Ia testa del­la som­mos­sa. II regi­me con­ti­nua a non rispon­de­re aile doman­de del­la popo­la­zio­ne e que­sto com­pli­ca Ia situa­zio­ne. In gove­mo non ha det­to una paro­la a tut­te le per­so­ne che sono sce­se in stra­da. Ma se il gover­no con­ti­nua a tace­re e pro­ba­bi­le che si sca­te­ni il caos. La poli­zia non con­ti­nue­ra in ete­mo a com­bat­te­re con­tro i civi­li, potreb­be anche arri­va­re un momen­to nel qua­le que­sta fini­sce le sue azio­ni con­tro Ia popo­la­zio­ne e si uni­sce ai mani­fe­stan­ti. II pre­si­den­te Ben Ali ave­va cer­ca­to di par­la­re con i tuni­si­ni, il pre­si­den­te Muba­rak e inve­ce ter­ro­riz­za­to dall’ idea di far­lo. Ha pau­ra del­la rea­zio­ne popo­la­re. Pri­ma Twit­ter, poi Face­book . Pas­so dopo pas­so il gover­no sta stac­can­do Ia spi­na agli inter­nau­ti e taglian­do le con­nes­sio­ni inter­net. E’ la sfe­ra vir­tua­le il pri­mo nemi­co del regi­me? E’ deci­sa­men­te un gros­so nemi­co, per­che pili dif­fi­ci­le da con­trol­la­re rispet­to ad altri e con u?a gr~nde abi­li­ta di pro­pa­ga­re i suoi mes­sag­gL Twit­ter e uno degli stru­men­ti pili uti­li peri mani­fe­stan­ti per­chC e mol­to pili imme­dia­to di Face­book, arri­va ovun­que e sene ha l’accesso anche sui cel­lu­la­ri. Que­sto perr­net­te ai mani­fe­stan­ti di comu­ni­ca­re tra di !oro e anche di met­ter­si in con­tat­to con chi non e in stra­da, nar­ran­do cosa sta avve­nen­do. II regi­me quin­di ha ini­zia­to taglian­do que­sto cana­le che none pen) scom­par­so del tut­to per­che Twit­ter fun­zio­na anche tra­mi­te i Blac­k­ber­ry e il regi­me que­sti non rie­sce a con­trol­lar­li. Cer­to non sono in mol­ti quel­li che han­no il Blac­k­ber­ry, rna basta una sola per­so­na tra mol­ti mani­fe­stan­ti per dif­fon­de­re le notizie.ll pro­ble­ma e sta­to l’intervento del gove­mo sul­la coper­tu­ra tele­fo­ni­ca. A Suez ieri il regi­me ha reso del tut­to impos­si­bi­le Ia comu­ni­ca­zio­ne tele­fo­ni­ca, a Shu­bra e in altri sob­bor­ghi han­no taglia­to I’ acces­so a inter­net. Que­sto pen) sta crean­do pro­ble­mi a! regi­me stesso. 

0

Magdy El Shafee, censuré en Egypte, publié en Italie

| BoDoï | Mer­co­le­dì 5 gen­na­io 2011 | Eloï­se Fagard |

Pour sa 3e édition en décem­bre der­nier, le festi­val de la ban­de des­si­née médi­ter­ra­néen­ne de Caglia­ri (Sar­dai­gne, Ita­lie) accueil­lait Mag­dy El Sha­fee. L’artiste égyp­tien a publié en 2008 Metro, le pre­mier roman gra­phi­que en ara­be. Prix Une­sco de la BD afri­cai­ne, Metro racon­te l’histoire d’un jeu­ne infor­ma­ti­cien qui déci­de de bra­quer une ban­que pour rem­bour­ser une det­te con­trac­tée auprès de fonc­tion­nai­res cor­rom­pus. Le ton cru et sans com­plai­san­ce de Mag­dy El Sha­fee lui a valu de sérieux pro­blè­mes avec la justi­ce égyp­tien­ne, et tous les exem­plai­res de Metro ont été reti­rés de la ven­te. Aujourd’hui, en dehors de quel­ques extrai­ts publiés en anglais sur Inter­net, on ne peut lire son œuvre qu’en ita­lien. Ren­con­tre avec un auteur enga­gé et enthousiaste.

Pour­quoi avoir choi­si le for­mat du roman graphique?
Ce gen­re n’existait pas chez moi et, d’ailleurs, Metro est aus­si la pre­miè­re pro­duc­tion pour adul­tes du mon­de ara­be: c’est sans dou­te pour cela qu’elle a ren­con­tré autant de suc­cès. Et aus­si, peut-être, par­ce que son public était déjà prêt. En effet, beau­coup d’Egyptiens lisent des ban­des des­si­nées du mon­de entier sur Inter­net. Depuis mon album, de nom­breux auteurs se sont mis au roman gra­phi­que. Pour ma part, je me sens plus à l’aise dans une for­me lon­gue. J’ai com­men­cé par écri­re des strips mais, même si l’action est rapi­de, mon ima­gi­na­tion fonc­tion­ne mieux dans le cadre d’un album long.

Pour­quoi avoir choi­si d’évoquer le pro­blè­me de la cor­rup­tion dans Metro?
J’avais besoin d’en par­ler : ce n’était pas un choix, mais une impul­sion. La cor­rup­tion et l’injustice sont des fléaux quo­ti­diens en Egyp­te. Il faut évoquer les pro­blè­mes de socié­té dans les ban­des des­si­nées par­ce que les gens les lisent, elles sont acces­si­bles. A cau­se de Metro, j’ai eu de gros sou­cis avec la justi­ce égyp­tien­ne. Mais j’ai payé ma det­te, main­te­nant tout est fini. On va le repu­blier de maniè­re plus ou moins clan­de­sti­ne, avec un par­te­nai­re liba­nais. Ce pro­cès était ridicule.

Com­ment se por­te la BD en Egypte ?
Il s’agit d’un art très popu­lai­re. Le mar­ché est domi­né par les grands noms com­me Disney, DC et Mar­vel. Mal­gré tout, les pro­duc­tions loca­les ten­tent d’exister depuis les années 1950. Mais la jeu­ne géné­ra­tion n’a pas assi­mi­lé l’héritage des grands noms du 9e art égyp­tien, com­me Ella­bad. Notre tra­vail n’a pra­ti­que­ment aucun lien avec celui de nos aînés. Le pro­blè­me, en Egyp­te, c’est la liber­té d’expression et de com­mer­ce. Hors pério­de élec­to­ra­le, on peut s’exprimer rela­ti­ve­ment libre­ment, même si on ne peut jamais par­ler de Mou­ba­rak et du régi­me. Heu­reu­se­ment, les blo­gueurs (com­me meta­Ha­tem et Shennawi) peuvent fran­chir ces limi­tes, de maniè­re ano­ny­me. La pos­si­bi­li­té de s’exprimer sur Inter­net me rem­plit d’espoir, c’est une des meil­leu­res nou­vel­les de ces der­niè­res années.

Quel­les sont vos réfé­ren­ces en matiè­re de ban­de des­si­née ?
Lors d’un pas­sa­ge à Paris, j’avais ache­té chez les bou­qui­ni­stes des exem­plai­res de Hara Kiri qui m’ont mar­qué. C’est aus­si à Paris que j’ai décou­vert un de mes maî­tres, Golo, au début des années 80; aujourd’hui il habi­te en Egyp­te, à Lou­xor. Deux arti­stes ita­liens ont aus­si chan­gé ma vision de la ban­de dessinée.Tout d’abord, Gui­do Cre­pax et sa série Valen­ti­na. J’ai regar­dé les ima­ges sans com­pren­dre les tex­tes, mais elles m’ont tou­ché, car ce tra­vail était très dif­fé­rent de ce que je con­nais­sais jusqu’alors. Ensui­te, Hugo Pratt pour le côté obscur. Avec lui, on explo­re la face cachée de la per­son­na­li­té des héros.

Pour l’instant, vous n’avez publié qu’en Ita­lie. A-t-on a des chan­ces de trou­ver un jour Metro en fra­nçais ou en anglais ?
Je viens de pren­dre un agent lit­té­rai­re aux États-Unis, qui était un peu con­tra­rié que Metro soit déjà sor­ti dans un autre pays. Pas moi! Car mon éditeur ita­lien, il Siren­te, se don­ne à fond pour moi et mon tra­vail. J’aimerais être publié en Fran­ce, mais je sais que le mar­ché est dif­fi­ci­le et surchargé.

Quels sont vos projets ?
Je suis en train d’écrire un autre roman gra­phi­que. J’ai aus­si fon­dé un maga­zi­ne de ban­des des­si­nées, Il car­too­ni­sta, qui sor­ti­ra bien­tôt. Notre but est de fai­re émer­ger la pro­duc­tion en Egyp­te et de fai­re con­naî­tre de nou­veaux auteurs. Car les jeu­nes talen­ts ne man­quent pas chez nous.

0
Pagina 1 del 3 123