«Il mio Egitto senza regole dove è sparito lo zucchero»

Intervista Parla lo scrittore Ahmed Nàgi, condannato per oscenità e liberato dopo 11 mesi di carcere, ma ancora in attesa di giudizio

LA LETTURA | Il Cor­rie­re del­la Sera di Vivia­na Maz­za

Sono il pri­mo scrit­to­re a fini­re in manet­te per un roman­zo nel­la sto­ria del siste­ma giu­di­zia­rio egi­zia­no», dice Ahmed Nàgi con voce paca­ta al tele­fo­no dal Cai­ro. Il 20 feb­bra­io 2016 l’autore tren­tu­nen­ne di “Vita: istru­zio­ni per l’uso”, edi­to in Ita­lia da Il Siren­te, è sta­to con­dan­na­to a due anni di pri­gio­ne per «oltrag­gio al pudo­re» a cau­sa del «con­te­nu­to ses­sua­le osce­no» del libro. La vicen­da ha fat­to scal­po­re in tut­to il mon­do, gli è sta­to con­fe­ri­to il Pre­mio Pen per la liber­tà di espres­sio­ne. Poi, a dicem­bre, la Cor­te di Cas­sa­zio­ne ha ordi­na­to la sua scar­ce­ra­zio­ne prov­vi­so­ria, ma il caso è anco­ra aper­to. Il 2 apri­le saprà se deve tor­na­re in pri­gio­ne.
Vita: istruzioni per l'uso : Ahmed Nàgi / Ayman Al ZorqaniIl libro, tut­to­ra in ven­di­ta in Egit­to, descri­ve il Cai­ro in un futu­ro disto­pi­co, in cui la metro­po­li è sta­ta distrut­ta — pira­mi­di inclu­se — da una cata­stro­fe natu­ra­le. Nel degra­do del­la cit­tà il pro­ta­go­ni­sta non può sor­ri­de­re né espri­mer­si, e alcol, ses­so, hashish sono rifu­gi illu­so­ri. «È un roman­zo sul­la vita dei gio­va­ni, sot­to le pres­sio­ni del­le auto­ri­tà e del­la cit­tà», spie­ga l’autore nel­la pri­ma inter­vi­sta a un gior­na­le ita­lia­no dopo il rila­scio. Scrit­ta duran­te la «sta­gna­zio­ne» dell’era Muba­rak, pri­ma del­la rivo­lu­zio­ne del 2011, l’opera è sta­ta pub­bli­ca­ta nel 2014, dopo il gol­pe mili­ta­re con cui Al-Sisi ha rove­scia­to il pre­si­den­te Moham­med Mor­si. Ma il libro ave­va le car­te in rego­la: era sta­to appro­va­to dal­la cen­su­ra.

Per­ché è sta­to arre­sta­to?

«One­sta­men­te non lo so. Quan­do alcu­ni estrat­ti del libro sono usci­ti sul gior­na­le let­te­ra­rio “Akh­bar Al-Adab”, un avvo­ca­to di nome Hani Salah Taw­fik si è pre­sen­ta­to alla poli­zia, accu­san­do­mi di aver­gli pro­cu­ra­to alta pres­sio­ne e dolo­ri al pet­to tur­ban­do la sua idea di pudo­re. Il pro­cu­ra­to­re ha pre­sen­ta­to il caso in tri­bu­na­le. Nel pri­mo pro­ces­so sono sta­to giu­di­ca­to inno­cen­te, ma il pro­cu­ra­to­re ha fat­to ricor­so: la Cor­te d’appello mi ha con­dan­na­to. Ades­so la Cor­te di Cas­sa­zio­ne mi ha scar­ce­ra­to, ma mi han­no vie­ta­to di viag­gia­re. Spe­ro che l’udienza del 2 apri­le sia l’ultima. Ci sono tre pos­si­bi­li­tà: che il giu­di­ce mi repu­ti inno­cen­te; che mi riman­di in pri­gio­ne a scon­ta­re il resto del­la con­dan­na; o che ridu­ca la pena e, poi­ché ho già pas­sa­to 11 mesi den­tro, mi libe­ri. Gli avvo­ca­ti sono otti­mi­sti, ma io sono stan­co, voglio che tut­to que­sto abbia fine».

Lei è sta­to con­dan­na­to per oltrag­gio al pudo­re sul­la base dell’articolo 178 del codi­ce pena­le. Non c’era mai sta­ta una sen­ten­za simi­le in Egit­to?

«Non era mai suc­ces­so. Nel 2009 lo scrit­to­re e fumet­ti­sta Mag­di Sha­fiei è sta­to accu­sa­to di osce­ni­tà per la gra­phic novel Metro (ma si dice che la sua vera col­pa fos­se aver cri­ti­ca­to Muba­rak per­ché vole­va tra­smet­te­re il pote­re al figlio, ndr): il giu­di­ce lo ha mul­ta­to. Una mul­ta era la cosa peg­gio­re che pote­va suc­ce­der­ti».

Per­ché a lei è anda­ta diver­sa­men­te?

«Per­ché l’Egitto oggi è un Pae­se in flut­tua­zio­ne, che gal­leg­gia appe­na. La situa­zio­ne lega­le non è chia­ra: la nuo­va Costi- tuzio­ne, appro­va­ta dal popo­lo nel 2014, vie­ta di incar­ce­ra­re qual­cu­no per ciò che scri­ve o dice, ma ci sono mol­te leg­gi che la con­trad­di­co­no, come quel­la per cui sono sta­to incri­mi­na­to, e i giu­di­ci han­no enor­me discre­zio­na­li­tà. Intan­to, le auto­ri­tà — il pre­si­den­te, l’esercito, la poli­zia — si fan­no la guer­ra per con­qui­sta­re più pote­re. Quan­do la mia vicen­da è ini­zia­ta, tre anni fa, c’era uno scon­tro fero­ce tra il sin­da­ca­to del­la stam­pa e la pro­cu­ra gene­ra­le, che ha ordi­na­to di apri­re tut­ti i casi con­tro i gior­na­li­sti, anche quel­li come il mio, che di soli­to non arri­va­no mai in tri­bu­na­le. Infat­ti oggi ci sono alme­no 25 repor­ter in pri­gio­ne. L’idea che mi sono fat­to è che il pro­cu­ra­to­re abbia visto un’opportunità per pre­sen­tar­si come custo­de del­la mora­le. Quan­do se la pren­do­no con chi scri­ve di poli­ti­ca, le auto­ri­tà san­no che l’opinione pub­bli­ca si schie­re­rà con gli impu­ta­ti. Ma han­no usa­to il mio caso per sug­ge­ri­re che i gior­na­li­sti voglio­no cor­rom­pe­re la mora­le, i bam­bi­ni».

Nel­la pri­gio­ne di Tora, al Cai­ro, come è sta­to trat­ta­to?

«Ci per­met­te­va­no di usci­re dal­la cel­la solo per un’ora al gior­no, ma negli ulti­mi cin­que mesi per nien­te. Per cin­que mesi non ho visto il sole, pote­te imma­gi­na­re come influi­sca sul­la salu­te. Non ci sono rego­le, sei nel­le mani del­le guar­die car­ce­ra­rie e dei loro umo­ri: un gior­no accet­ta­no di far­ti arri­va­re dei libri, il gior­no dopo no. Tora è una spe­cie di cit­tà car­ce­ra­ria, con­tie­ne 25 pri­gio­ni. Nel­la mia sezio­ne c’erano alti fun­zio­na­ri con­dan­na­ti per cor­ru­zio­ne: tre giu­di­ci, un ex poli­ziot­to, un ex uffi­cia­le dell’esercito… In 60 in una cel­la di 6 metri per 30. E c’erano anche per­so­ne sot­to inchie­sta ma non con­dan­na­te: la leg­ge lo con­sen­te. Ho cono­sciu­to un uomo che, dopo 24 mesi den­tro, è sta­to dichia­ra­to inno­cen­te. Anche alcu­ni cri­mi­na­li ave­va­no let­to il mio libro: non è un bestsel­ler, sono rima­sto col­pi­to».

In que­gli 11 mesi lei ha scrit­to un libro, nascon­den­do le pagi­ne per non far­se­le seque­stra­re. Di cosa si trat­ta?

«È un roman­zo sto­ri­co, ambien­ta­to nel XIX seco­lo, all’epoca del­la costru­zio­ne del Cana­le di Suez. Sca­va­re il cana­le era un’impresa basa­ta sul sogno di spo­sa­re lo spi­ri­to dell’Est e il cor­po dell’Ovest. Dove­va esse­re un modo per con­trol­la­re l’eco- nomia e il mer­ca­to e dif­fon­de­re i valo­ri del pro­gres­so».

Lo scri­ve in un momen­to in cui la situa­zio­ne eco­no­mi­ca in Egit­to è dram­ma­ti­ca. Si aspet­ta nuo­ve pro­te­ste?

«Secon­do i dati uffi­cia­li, l’inflazione è al 29%. Quat­tro mesi fa, la Ban­ca mon­dia­le ha chie­sto all’Egitto di smet­ter­la di con- trol­la­re il prez­zo del­la ster­li­na egi­zia­na e il valo­re è crol­la­to. Non abbia­mo il wel­fa­re come voi ita­lia­ni, ma c’è un siste­ma di sus­si­di gover­na­ti­vi per beni essen­zia­li come lo zuc­che­ro e il pane, che han­no prez­zi con­trol­la­ti. Ora l’Egitto è costret­to ad appli­ca­re i prez­zi di mer­ca­to, ma gli sti­pen­di non sono aumen­ta­ti. Lo zuc­che­ro non si tro­va, in un Pae­se in cui dipen­dia­mo da tre taz­ze di tè dol­cis­si­mo al gior­no per l’energia fisi­ca quo­ti­dia­na. Di recen­te ci sono sta­te pro­te­ste, ma non spe­ro che con­ti­nui­no, sareb­be un disa­stro per­ché la gen­te arrab­bia­ta non mani­fe­sta, va a pren­der­si il cibo nei nego­zi. Io non sono con­tra­rio al mer­ca­to libe­ro, ma i cam­bia­men­ti trop­po rapi­di stan­no distrug­gen­do la vita del­le per­so­ne. Non è solo un pro­ble­ma lega­to al regi­me, ma anche alle isti­tu­zio­ni occi­den­ta­li che impon­go­no que­sta agen­da eco­no­mi­ca. Ai lea­der euro­pei sta bene un Egit­to che gal­leg­gi, per­ché voglio­no tra­sfor­mar­lo in un posto di bloc­co per i migran­ti. Ai tem­pi di Muba­rak com­pra­va­mo tut­te le armi dagli Usa, ades­so abbia­mo acqui­sta­to due aerei dal­la Fran­cia, due sot­to­ma­ri­ni dal­la Ger­ma­nia. Per­ciò i lea­der euro­pei ado­ra­no Al- Sisi, e gli daran­no sol­di e armi qua­lun­que cosa fac­cia, pur­ché con­trol­li i migran­ti».

Lei cono­sce­va Giu­lio Rege­ni, il ricer­ca­to­re tor­tu­ra­to e ucci­so al Cai­ro?

«Voglio espri­me­re le mie con­do­glian­ze alla fami­glia di Giu­lio. L’ho incon­tra­to una vol­ta, a una festa, non abbia­mo par­la­to a lun­go, ma ho avu­to la sen­sa­zio­ne che fos­se nobi­le e gen­ti­le. Io sono un po’ cini­co, nichi­li­sta, ma ho pro­va­to ammi­ra­zio­ne per quel­lo che face­va. Era un acca­de­mi­co, ma non ambi­va solo a scri­ve­re una tesi, vole­va aiu­ta­re le per­so­ne che stu­dia­va a miglio­ra­re la loro vita».

0

Graphic Novelist Magdy El Shafee Arrested Near Clashes

| Ara­bic Lite­ra­tu­re | Saba­to 20 apri­le 2013 | Mly­n­x­qua­ley |

Accor­ding to mul­ti­ple sour­ces, Mag­dy El Sha­fee was one of 39 arre­sted yester­day at Abdel Moneim Riya­dh Squa­re: You­m7 repor­ted that El Sha­fee — god­fa­ther of the Egyp­tian gra­phic novel, who faced trials and other hurd­les for his ground-brea­king Metro – was arre­sted when he went down to try to stop the cla­shes yester­day. He was appa­ren­tly arre­sted at ran­dom.
Dar Merit Publi­sher Moham­mad Hashem said on Face­book that El Sha­fee was accu­sed of per­pe­tra­ting vio­len­ce. Al Mogaz quo­ted author Moham­mad Fathi as say­ing El Sha­fee didn’t try to esca­pe from poli­ce “becau­se he didn’t do any­thing.”
Other nove­lists said on Face­book that El Sha­fee was being inter­ro­ga­ted today at Abdeen Court. It also appea­red El Sha­fee may have been inju­red in the cla­shes.

0

Strisce di rivolta: Egitto, giovani e fumetto, quando la denuncia si fa comic

| Rutin.it | Gio­ve­dì 6 otto­bre 2011 | Jle­nia Cur­rò |

La pri­ma­ve­ra ara­ba non è sino­ni­mo del­la cadu­ci­tà del­le sta­gio­ni. Sim­bo­liz­za, piut­to­sto, la nasci­ta di una rivo­lu­zio­ne con­tro i regi­mi. Dal­le visce­re del­la ter­ra, non dal ver­ti­ce del­le pira­mi­di, si è innal­za­to lo ste­lo del­la rivo­lu­zio­ne. Ban­die­re di liber­tà, come peta­li di fio­ri, si sono dispie­ga­te sot­to un cie­lo che ha implo­ra­to eman­ci­pa­zio­ne dal­lo sta­to di oppres­sio­ne. Il movi­men­to di rivol­ta, in Egit­to, è nato dal bas­so: la ter­ra da cui sono sor­ti i meta­fo­ri­ci fio­ri di liber­tà è il con­te­sto omo­ge­neo del web 2.0, dei social net­work, dei blog.
Il 18 gen­na­io 2011 non è sta­to un poli­ti­co o una cele­bri­tà a denun­cia­re, per mez­zo di una pub­bli­ca dichia­ra­zio­ne, il regi­me di Hosni Muba­rak. Il meri­to di ave­re acce­so la mic­cia che ha infiam­ma­to la ter­ra di Cheo­pe è di Asmaa Mah­fouz, una gio­va­ne don­na egi­zia­na che, quel gior­no, ha posta­to su You­Tu­be un video di denun­cia con­tro il regi­me. Gli aggior­na­men­ti su Face­book e Twit­ter si sono sus­se­gui­ti con la rapi­di­tà di un anti­cor­po iniet­ta­to nel san­gue. La volon­tà di segna­la­re e ren­de­re noto lo sta­to di oppres­sio­ne si è tra­dot­ta nel corag­gio di mostra­re al mon­do quel­lo che si era sem­pre sapu­to e che però era resta­to intrap­po­la­to nel­la diplo­ma­zia dei ‘pia­ni alti’.
Anche per le stra­de del Cai­ro, la street art si fa por­ta­vo­ce del­le novi­tà che han­no inte­res­sa­to il Pae­se. Mum­mie ripor­ta­te in vita sui muri del­le vie egi­zia­ne non evo­ca­no ance­stra­li pau­re ma invo­ca­no la liber­tà.
Un medium con una natu­ra­le pro­pen­sio­ne a rap­pre­sen­ta­re gli impul­si, i desi­de­ri, le neces­si­tà la cui spin­ta pro­vie­ne dal bas­so, dal­la gen­te, è cer­ta­men­te il fumet­to.
Del­la nona arte, infat­ti, si sono ser­vi­ti gli arti­sti vici­ni alle idee dei ribel­li con­tro il regi­me di Muba­rak. Pri­mo tra tut­ti Mag­dy El Sha­fee. La sua gra­phic novel Metro nar­ra le vicen­de di un soft­ware desi­gner, Sha­hib, nel rea­li­sti­co con­te­sto di un Egit­to ves­sa­to dai sopru­si del regi­me.
Metro annun­cia, pro­fe­ti­ca­men­te, quel­lo che sareb­be sta­to, tre anni dopo, il dis­sen­so mani­fe­sta­to dai ribel­li. Le allu­sio­ni ad un siste­ma cor­rot­to, al clien­te­li­smo, alla cen­su­ra sono evi­den­ti a tal pun­to che è pro­prio quest’ultima a col­pi­re l’autore del­la gra­phic novel. Nel 2008 Mag­dy El Sha­fee è com­par­so davan­ti al tri­bu­na­le del Cai­ro con l’accusa di ave­re pro­dot­to mate­ria­le por­no­gra­fi­co e di ave­re uti­liz­za­to un lin­guag­gio ecces­si­va­men­te vol­ga­re. Il fumet­to, quin­di, è sta­to riti­ra­to dal­le libre­rie del Cai­ro.
Risve­glia­re le coscien­ze in un siste­ma di oppres­sio­ne non è leci­to. Anche il solo uso del dia­let­to che par­la­no i per­so­nag­gi di Metro non è ben visto dai soste­ni­to­ri del regi­me. La scel­ta, infat­ti, non è casua­le: il fumet­to si ser­ve del­la varie­tà dia­let­ta­le come legit­ti­ma­zio­ne di una socie­tà ete­ro­ge­nea, vol­tan­do le spal­le all’esclusivo uti­liz­zo dell’arabo Fusha, sim­bo­lo dell’unità del mon­do ara­bo.
Più mez­zi, dun­que, vol­ti a rea­liz­za­re un uni­co obiet­ti­vo: docu­men­ta­re una inar­re­sta­bi­le pul­sio­ne di rivol­ta che, oggi, si è tra­dot­ta in azio­ne con­cre­ta.
Il fumet­to, anco­ra una vol­ta, si pre­sen­ta come un medium capa­ce di rivol­ger­si al pub­bli­co più dispa­ra­to: oltre la let­te­ra­tu­ra, oltre la rap­pre­sen­ta­zio­ne visi­va, oggi striz­za l’occhio agli idea­li di liber­tà, si fa mani­fe­sto dell’esigenza di testi­mo­nian­za e con­di­vi­sio­ne.

0

Cenere sotto il tappeto

| PUB | Lune­dì 19 set­tem­bre 2011 | Mad­da­le­na Sofia |

Metro è una gra­phic novel. Pub­bli­ca­ta per la pri­ma vol­ta nel­la pri­ma­ve­ra 2008 dal­la casa edi­tri­ce ara­ba Mela­meh, vie­ne cen­su­ra­ta dopo pochis­si­mo tem­po dal Tri­bu­na­le di Qasr el Nil de Il Cai­ro con l’accusa di con­te­ne­re “imma­gi­ni immo­ra­li e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”.
Un fumet­to, una sto­ria sem­pli­ce, ric­ca di spun­ti di rifles­sio­ne riguar­do al mon­do musul­ma­no, o meglio, riguar­do alla per­ce­zio­ne che si ha di esso in quel che comu­ne­men­te vie­ne defi­ni­to Occi­den­te. Ma la let­tu­ra di Metro rap­pre­sen­ta anche un modo per avvi­ci­nar­si alle pro­ble­ma­ti­che socia­li, eco­no­mi­che e poli­ti­che che atta­na­glia­no i pae­si isla­mi­ci, soprat­tut­to alla luce degli ulti­mi avve­ni­men­ti riguar­dan­ti in par­ti­co­la­re l’Egitto e la Libia.
Metro  è ambien­ta­to pro­prio in Egit­to, al Cai­ro e fin dal­le pri­me pagi­ne l’autore rac­con­ta e met­te in risal­to la dif­fu­sa cor­ru­zio­ne e lo sfrut­ta­men­to dei più debo­li da par­te del­la clas­se poli­ti­ca.
L’incipit del­la sto­ria è la rapi­na a una impor­tan­te ban­ca del­la capi­ta­le, ad ope­ra di Shi­hab, il pro­ta­go­ni­sta, e Musta­fa, suo ami­co e col­le­ga. Sono entram­bi inge­gne­ri, lavo­ra­no in un uffi­cio di pro­gram­ma­zio­ne e han­no pro­get­ta­to un soft­ware per la sicu­rez­za del­la metro e del­le ban­che. I due con­ta­no di rea­liz­zar­lo con l’aiuto di un finan­zia­men­to per poi ven­der­lo e gua­da­gna­re un po’ di sol­di. Ma le ban­che non finan­zia­no il pro­get­to per­ché sono cor­rot­te e con­ni­ven­ti con per­so­nag­gi poli­ti­ci di spic­co che vor­reb­be­ro impos­ses­sar­si del soft­ware sen­za paga­re e abu­san­do del loro pote­re. Chiun­que si offra di aiu­ta­re i due ragaz­zi vie­ne mes­so fuo­ri gio­co con ricat­ti, vio­len­ze o assas­si­nii: per­ciò i due pro­ta­go­ni­sti opta­no per la deci­sio­ne estre­ma di ruba­re, atto qua­si giu­sti­fi­ca­to nel con­te­sto del­la sto­ria, come se fos­se l’unica solu­zio­ne pos­si­bi­le per sfug­gi­re a una dila­gan­te pover­tà.
La chia­ve di vol­ta nel­la sto­ria è la figu­ra di Dina, fidan­za­ta di Shi­hab. È una gior­na­li­sta cui è sta­to “ordi­na­to” di copri­re i misfat­ti del­la clas­se poli­ti­ca e la cor­ru­zio­ne del­lo Sta­to. Si evin­ce che in Egit­to la stam­pa è anco­ra mol­to con­trol­la­ta e mani­po­la­ta dal­la clas­se diri­gen­te, ma la voglia di riscat­to è più for­te e allo­ra lei deci­de di pub­bli­ca­re un arti­co­lo nel qua­le rac­con­ta la veri­tà su quel che c’è die­tro la fac­cen­da del soft­ware, sen­za men­zio­na­re la rapi­na: Shi­hab ini­zial­men­te si oppo­ne a que­sta scel­ta per pau­ra di esse­re sco­per­to, ma poi si ricre­de ed è pro­prio Dina a far­gli capi­re l’importanza di ren­de­re pub­bli­ci i loschi mec­ca­ni­smi sot­te­si ai gio­chi di pote­re. In par­te a cau­sa di que­ste rive­la­zio­ni, scop­pie­rà una rivol­ta a Il Cai­ro, sin­to­mo del mal­con­ten­to dif­fu­so del popo­lo.
Dina è un per­so­nag­gio cen­tra­le nel­la sto­ria e si cari­ca anco­ra di mag­gio­re impor­tan­za per­ché si trat­ta di una don­na; a dispet­to di qual­sia­si ste­reo­ti­po lega­to all’Islam, Dina appa­re eman­ci­pa­ta e impe­gna­ta poli­ti­ca­men­te, al con­tra­rio di quel­lo che si potreb­be pen­sa­re del­le don­ne musul­ma­ne, asso­cia­te mol­to spes­so all’immagine di vit­ti­me impo­ten­ti degli uomi­ni, obbli­ga­te a mor­ti­fi­ca­re il pro­prio cor­po indos­san­do il bur­qa.
L’autore uti­liz­za un approc­cio ori­gi­na­le e mol­to rea­li­sti­co nel­le scel­te edi­to­ria­li: l’uso del­le pian­te metro­po­li­ta­ne, che raf­fi­gu­ra­no lo spa­zio de Il Cai­ro per ren­der­ne meglio l’idea, e l’uso del dia­let­to egi­zia­no, sdo­ga­na­to da Inter­net, sono due ele­men­ti che fan­no pre­sa diret­ta con i let­to­ri. Dan­no un’idea di con­cre­tez­za, ci met­to­no di fron­te a una cit­tà e a un popo­lo come essi sono dav­ve­ro.
L’intenzione edi­to­ria­le è quel­la di allon­ta­na­re il più pos­si­bi­le con­ce­zio­ni anco­ra lega­te all’esotismo: il mon­do ara­bo in gene­ra­le e quel­lo egi­zia­no in par­ti­co­la­re, non è fat­to solo di pira­mi­di, cam­mel­li e cose del gene­re.
Da Metro  si evin­ce, inve­ce, che l’uso del­le tec­no­lo­gie avan­za­te non è più esclu­si­va dell’“uomo bian­co”: l’Egitto è un Pae­se raf­fi­na­to da un pun­to di vista media­ti­co e i per­so­nag­gi sono per­fet­ta­men­te a loro agio nel rap­por­to con la tec­no­lo­gia.
Una cosa che sor­pren­de nel fumet­to è l’assenza del­la reli­gio­ne, con­tra­ria­men­te alla comu­ne con­ce­zio­ne occi­den­ta­le, che vor­reb­be i musul­ma­ni qua­si osses­sio­na­ti dal loro dio fino a spin­ger­li a com­pie­re atti irra­zio­na­li.
Lun­gi dall’essere con­si­de­ra­to pre­cur­so­re del­le rivol­te con­su­ma­te­si in Egit­to e Libia, Metro si pone sol­tan­to come spun­to di rifles­sio­ne per pre­sen­ta­re il mon­do ara­bo con­tem­po­ra­neo sce­vro da qual­sia­si pre­con­cet­to e per ana­liz­za­re più da vici­no una situa­zio­ne socia­le, eco­no­mi­ca e poli­ti­ca a lun­go cova­ta, di cui i disor­di­ni in atto sono solo la pun­ta dell’iceberg. In effet­ti, anche nel rac­con­to, la rivol­ta non cam­bia uno sta­to di cose, che potreb­be esse­re modi­fi­ca­to sol­tan­to con una con­sa­pe­vo­lez­za rea­le e ade­ren­te alla cul­tu­ra di quei pae­si. Alla fine del­la sto­ria resta tut­to ugua­le: la rivol­ta vie­ne pre­ve­di­bil­men­te repres­sa dall’Hagg Kha­der, il par­ti­to egi­zia­no di mag­gio­ran­za, che, in caso di disor­di­ni, paga gen­te per pic­chia­re chi mani­fe­sta con­tro lo Sta­to e l’autore inse­ri­sce un col­po di sce­na fina­le, un enne­si­mo atto di diso­ne­stà, che con­dan­ne­rà Shi­hab ad esse­re abban­do­na­to al pro­prio desti­no.

Mag­dy El Sha­fee nasce in Libia, nel 1961; comin­cia la sua car­rie­ra nel 2001, come illu­stra­to­re e fumet­ti­sta in occa­sio­ne del Comic Work­shop Egypt, tenu­to­si pres­so l’Università Ame­ri­ca­na de Il Cai­ro.
Fin dagli esor­di, le sue ope­re rical­ca­no temi socia­li del­la vita quo­ti­dia­na del­la capi­ta­le egi­zia­na, ma toc­ca­no anche argo­men­ti spic­ca­ta­men­te lega­ti alla poli­ti­ca, all’economia, alla pover­tà.
Metro vie­ne pub­bli­ca­to per la pri­ma vol­ta nel 2008 in Egit­to; esso pro­cu­ra all’autore un pro­ces­so e una con­dan­na alla distru­zio­ne di tut­te le copie e al paga­men­to di una sala­ta ammen­da. La moti­va­zio­ne uffi­cia­le del seque­stro è quel­la di aver usa­to un lin­guag­gio trop­po spin­to, ma i veri moti­vi sem­bra­no esse­re la cri­ti­ca radi­ca­le al gover­no e alla cor­ru­zio­ne poli­ti­ca.
Il pro­ces­so a Mag­dy El Sha­fee e al suo edi­to­re, Moha­med Shar­qa­wi, ha avu­to una gran­de riso­nan­za, fino alla pub­bli­ca­zio­ne di Metro in Ita­lia nel 2010 all’interno del­la col­la­na Altria­ra­bi da par­te del­la casa edi­tri­ce Il Siren­te; altre pub­bli­ca­zio­ni sono pre­vi­ste all’inizio del 2012 in Fran­cia e in Inghil­ter­ra.

0

Magdi El Shafee — Metro (recensione di Giulia De Martino)

Scrit­ti d’Africa | Saba­to 18 giu­gno 2011 | Giu­lia De Mar­ti­no |

Que­sta vol­ta par­lia­mo di un gra­phic novel, un fumet­to insom­ma. Bal­za­to alle cro­na­che, let­te­ra­rie e non, ita­lia­ne per un dop­pio moti­vo. Il pri­mo riguar­da la cen­su­ra e il pro­ces­so affron­ta­ti da auto­re ed edi­to­re, con­dan­na­ti, oltre che ad una ammen­da pecu­nia­ria, alla distru­zio­ne dell’opera che non può più cir­co­la­re in Egit­to. Il secon­do ha a che fare con quan­to sta acca­den­do, in que­sti gior­ni, al popo­lo egi­zia­no: la pre­sa di coscien­za che ha por­ta­to tut­ti per stra­da a recla­ma­re la fine del­la dit­ta­tu­ra di Muba­rak e l’instaurazione di un regi­me demo­cra­ti­co che garan­ti­sca liber­tà, dirit­ti socia­li e poli­ti­ci. Ebbe­ne, que­sto fumet­to, basta sfo­gliar­lo sol­tan­to, sem­bra una anti­ci­pa­zio­ne di que­sti avve­ni­men­ti, con pro­ta­go­ni­sti pro­prio quei gio­va­ni che stan­no riem­pien­do le stra­de del Cai­ro.
Cre­do sia dove­ro­so dire che qual­che altra anti­ci­pa­zio­ne, su che aria tira­va al Cai­ro, l’avevamo già avu­ta in due libri. Taxi di Al-Kha­mis­siEsse­re Abbas al- Abd di Ahmad al-Aidy ci ave­va­no pre­sen­ta­to que­sta cit­tà cao­ti­ca e con­trad­dit­to­ria, nevro­ti­ca e appiat­ti­ta su model­li cul­tu­ra­li volu­ti dal regi­me, con tan­ta gen­te ai mar­gi­ni, ma desi­de­ro­sa di far sen­ti­re la pro­pria voce, in mez­zo ad una ten­sio­ne tale da far sup­por­re che la tra­di­zio­na­le ras­se­gna­zio­ne stes­se per scop­pia­re.
Mag­dy el-Sha­fee ci rap­pre­sen­ta tut­to que­sto, scri­ven­do il pri­mo gra­phic novel del mon­do ara­bo, pro­po­nen­do una crea­zio­ne ori­gi­na­le nel­la gra­fi­ca  e nei con­te­nu­ti. Hugo Pratt, il suo model­lo, con­fes­sa in mol­te inter­vi­ste l’autore, inter­ve­nu­to in Ita­lia, al Salo­ne del fumet­to. Ci ha mes­so den­tro tut­to il suo amo­re per il dise­gno e per la liber­tà: come mol­ti gio­va­ni egi­zia­ni è un blog­ger( così anche il suo edi­to­re fini­to in car­ce­re per i fat­ti del 6 apri­le 2008) atti­vi­sta nel movi­men­to per il cam­bia­men­to demo­cra­ti­co dell’Egitto.
Pro­ta­go­ni­sta è il gio­va­ne inge­gne­re Shi­hab, pic­co­lo genio infor­ma­ti­co, pro­to­ti­po di quel­la gio­ven­tù che ha stu­dia­to, è capa­ce e intel­li­gen­te, ma non ha nes­su­na chan­ce di far­ce­la in una socie­tà dal­la scar­sa mobi­li­tà socia­le e non inte­res­sa­ta ai meri­ti di chi vuo­le pro­gre­di­re per sé e per il pae­se. Domi­na dap­per­tut­to il “siste­ma”: ovve­ro la cor­ru­zio­ne, le con­sor­te­rie del paren­ta­do e del pote­re, la rapa­ci­tà di ban­chie­ri, uomi­ni d’affari e poli­ziot­ti, pron­ti a sbra­nar­si tra di loro o a pro­teg­ger­si, a secon­da del­le con­ve­nien­ze. Shi­hab ha ten­ta­to di inse­rir­si in un affa­re più gros­so di lui, con il risul­ta­to di non riu­sci­re più a scrol­lar­si di dos­so i debi­ti con­trat­ti con uno stroz­zi­no, amma­ni­ca­to con pez­zi gros­si. Ha pen­sa­to di uscir­ne fuo­ri, ruban­do in una ban­ca, con l’aiuto dell’amico Musta­fa, i miste­rio­si sol­di di una vali­get­ta  che dove­va, inve­ce resta­re segre­ta. Ha sco­per­to un vero e pro­prio com­plot­to, ordi­to ai dan­ni di un uomo d’affari che, dopo ave­re divi­so un cam­mi­no di nefan­dez­ze con i suoi soci, disgu­sta­to ave­va deci­so di smet­ter­la, pro­vo­can­do­ne l’ira omi­ci­da. Ma la tra­ma non sta tut­ta qui nel thril­ler, per­ché den­tro c’è anche il tra­di­men­to dell’amico Musta­fa, fre­quen­ta­to sin dai tem­pi del­la scuo­la, pro­ve­nien­te da una fami­glia pove­ra, in cui una madre dispe­ra­ta se la pren­de con i figli che non rie­sco­no a lavo­ra­re. L’uno, Wael, si arran­gia can­tan­do alle feste, sognan­do di gira­re un memo­ra­bi­le video­clip, da cui trar­re fama e sol­di e intan­to accet­ta i sol­di del par­ti­to al pote­re per pic­chia­re, come infil­tra­to, i mani­fe­stan­ti del­le rivol­te del pane dell’aprile 2008. L’altro, Musta­fa, ruba i sol­di a Shi­hab, stra­vol­gen­do le paro­le dell’amico sui modi per usci­re dal­la trap­po­la in cui tut­ti sono rele­ga­ti, ma lo fa dopo la mor­te del fra­tel­lo alla mani­fe­sta­zio­ne, quan­do si accor­ge che ai poli­ti­ci non glie­ne impor­ta pro­prio nien­te che Wael sia mor­to per loro.
E c’è anche l’amore per la bel­la, gene­ro­sa, rivo­lu­zio­na­ria gior­na­li­sta Dina, che di mani­fe­sta­zio­ni non se ne per­de una, deci­sa a lot­ta­re con gli altri, per­ché fer­mi e zit­ti non si può più sta­re; Shi­hab è un disil­lu­so che gio­ca a fare il cini­co, ma l’affetto disin­te­res­sa­to del­la ragaz­za è uno spi­ra­glio di luce e di futu­ro, for­se il gio­va­ne fini­rà per dar­le ret­ta.
Su tut­to domi­na la cit­tà, rap­pre­sen­ta­ta di sopra e di sot­to: gran par­te del­la sto­ria si svol­ge nei vago­ni metro­po­li­ta­ni o nel­le sta­zio­ni, alcu­ne chia­ma­te con i nomi di Nas­ser, Sadat e Muba­rak e iro­ni­ca­men­te accom­pa­gna­te da fra­si famo­se dei lea­der egi­zia­ni. Nei dise­gni, come nei qua­dri di Bosch, si svol­go­no tut­ta una serie di sto­rie mino­ri, quel­la del vec­chio Wan­nas, un po’ cri­stia­no e un po’ musul­ma­no quan­do si trat­ta di acchiap­pa­re ele­mo­si­ne, o del­la zia di Shi­hab, che è anche indo­vi­na, o anco­ra un ragaz­zi­no bec­ca­to da un con­trol­lo­re sen­za bigliet­to, un tra­slo­co, un caser­mo­ne rap­pre­sen­ta­to con tut­te le voci del­le fami­glie che si lamen­ta­no di tut­ti i mil­le pro­ble­mi del­la mise­ria.
Affre­sco affa­sci­nan­te e ori­gi­na­le, con­dot­to con un dise­gno in bian­co e nero, par­te da un con­tor­no net­to che si fa sem­pre più sfu­ma­to, qua­si che alla dis­so­lu­zio­ne del dise­gno cor­ri­spon­da il dis­sol­vi­men­to di que­sta mega­lo­po­li, inghiot­ti­ta dal­la man­can­za di futu­ro e di speranza.”Le per­so­ne vivo­no come ane­ste­tiz­za­te. Non c’è nien­te che le col­pi­sca. Per quan­te cose pos­sa­no vede­re alla fine diran­no sem­pre: fra­tel­lo, que­sto è pur sem­pre il mio pae­se…” dice ad un cer­to pun­to Shi­hab. Pre­sen­te nel testo pure un duro attac­co ai media, acco­da­ti al regi­me e ad un cri­te­rio fal­so di veri­tà. Solo i gio­va­ni blog­gers egi­zia­ni han­no sapu­to rom­pe­re que­sto imbam­bo­la­men­to del­le coscien­ze.
Eccel­len­te la tra­du­zio­ne di Erne­sto Paga­no, per­ché sap­pia­mo che il testo si espri­me in un dia­let­to egi­zia­no cru­do e popo­la­re, su cui già si era eser­ci­ta­to il tra­dut­to­re in Taxi. Plau­dia­mo anche alla scel­ta di lascia­re le tavo­le del fumet­to nel­la let­tu­ra da destra a sini­stra , comin­cian­do la sto­ria dall’ultima pagi­na,  come in un testo ara­bo, per non stra­vol­ge­re i dise­gni ori­gi­na­li: una pic­co­la fati­ca in più per i nostri occhi addo­me­sti­ca­ti all’uso con­sue­to, ma che vale la pena di affron­ta­re per un godi­men­to assi­cu­ra­to.

0

Questo libro contiene immagini e personaggi che somigliano a uomini e politici realmente esistenti

TG3 | Vener­dì 1 apri­le 2011 | Roma­na Fabri­zi |

Tra­dot­to in ita­lia­no poco pri­ma di esse­re cen­su­ra­to e riti­ra­to dal­le libre­rie in Egit­to, “Metro” è un fumet­to che ha denun­cia­to la vigi­lia del­la rivol­ta, la cri­si del­la socie­tà civi­le sot­to Muba­rak, dan­do il via alla libe­ra­liz­za­zio­ne del­la cul­tu­ra. Sen­tia­mo Roma­na Fabri­zi.
“Que­sto libro con­tie­ne imma­gi­ni e per­so­nag­gi che somi­glia­no a uomi­ni e poli­ti­ci real­men­te esi­sten­ti”. È la fra­se sul­la quar­ta di coper­ti­na di “Metro”, libro a fumet­ti di Mag­dy El Sha­fee. La fra­se non è di pre­sen­ta­zio­ne ma di recen­sio­ne, rical­ca la sen­ten­za del tri­bu­na­le del Cai­ro che ha cen­su­ra­to e riti­ra­to il libro. Roman­zo poli­ti­co, metro­po­li­ta­no che denun­cia con dise­gni taglien­ti come lame cor­ru­zio­ne e clien­te­li­smo in Egit­to. Rac­con­ta la sto­ria di alcu­ni blog­ger egi­zia­ni, le ingiu­sti­zie, la cri­si finan­zia­ria e socia­le, si lega alle radi­ci del­la rivol­ta con­tro Muba­rak.
Arri­va­to in Ita­lia pri­ma di esse­re seque­stra­to, si leg­ge al con­tra­rio come i gior­na­li ara­bi, comin­cian­do dall’ultima pagi­na. Denun­cia la natu­ra dispo­ti­ca del regi­me, un atti­mo pri­ma che comin­ci la rivol­ta il 25 gen­na­io 2011 quan­do la socie­tà civi­le mani­fe­sta per le stra­de d’Egitto come non si era mai visto negli ulti­mi 30 anni, fino alla cadu­ta di Muba­rak.
Il fumet­to è solo per gran­di, spe­ci­fi­ca l’autore nell’edizione ara­ba, in real­tà solo per pochi, per chi è riu­sci­to a com­prar­lo pri­ma che venis­se riti­ra­to dal­le libre­rie del Cai­ro.

0
Pagina 1 del 8 12345...»